Immobili
Veicoli
Con la Lamborghini abbatte un lampione, poi tenta la fuga

ZURIGOCon la Lamborghini abbatte un lampione, poi tenta la fuga

12.06.21 - 23:00
Spettacolare incidente ieri sera nei pressi di una fermata dei bus a Zolikon.
Lettore 20 Minuten
Fonte Patrick McEvily / 20 Minuten
Con la Lamborghini abbatte un lampione, poi tenta la fuga
Spettacolare incidente ieri sera nei pressi di una fermata dei bus a Zolikon.
Il conducente del veicolo è stato fermato con la forza da un agente della polizia e condotto in centrale per accertamenti.

ZURIGO - Un rombo fortissimo. Lo schianto ancora più forte. Una potente (e costosa) Lamborghini ha fatto il botto ieri sera nei pressi di una fermata dei busi a Zollikon (ZH) terminando la sua corsa ad alta velocità dritta contro un lampione.

Il conducente, stando a informazioni raccolte da 20 Minuten ma non confermate dalla polizia cantonale di Zurigo, avrebbe provato a scappare abbandonando la sua bella auto sportiva incastonata nel pilone. Ma il suo tentativo di fuga, come si può vedere dalle foto scattate da un testimone oculare, è stato reso vano da un agente che ha placcato l'uomo a terra. Da lì sarebbe poi nata una colluttazione, subito sedata dai colleghi. 

La polizia di Zurigo, da parte sua, conferma solo il fermo di una persona che è stata «accompagnata in centrale per ulteriori accertamenti», senza però precisare se sia stata arrestata o meno. I danni alla macchina e al lampione sono ingenti.

COMMENTI
 
Ro 1 anno fa su tio
Non so cosa stia accadendo ma siamo di fronte a qualcosa che bisogna porre rimedio immediatamente. Quotidianamente si legge di incidenti sulle strade e la maggioranza delle volte la causa è “ la velocità e/o perdita del controllo della vettura “. Senza tralasciare che al volante ci sono a volte dei minorenni. Ci vogliono pene severe ma a quanto pare si va nel senso opposto. Evviva l’irresponsabilità di “ strade sicure “. Senza tralasciare tutte quelle auto che continuano a girare indisturbate sulle strade facendoci sobbalzare al loro passaggio.
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA