keystone
BERNA
18.08.2020 - 12:380

«Il Coronavirus influenza le condizioni di lavoro»

È ciò che rivela il barometro di Travail.Suisse.

La mole di lavoro è cresciuta in particolare nei settori della sanità, dell'istruzione e della società, ma anche nell'amministrazione pubblica

BERNA - Il coronavirus ha influenzato la situazione dei lavoratori in Svizzera in varie maniere. In molti hanno visto il carico di lavoro aumentare e la situazione famigliare farsi più impegnativa, senza alcun tipo di contropartita. È quanto emerge da un barometro sul tema di Travail.Suisse.

La mole di lavoro è cresciuta in particolare nei settori della sanità, dell'istruzione e della società, ma anche nell'amministrazione pubblica. «La crisi ha dimostrato l'importanza del servizio pubblico», ha affermato Gabriel Fischer di Travail.Suisse, citato in una nota.

A casa, la combinazione fra home office e cura dei bambini si è dimostrata gravante per molte famiglie. Una situazione particolarmente complicata nei nuclei con pargoli sotto i 12 anni.

Nonostante la situazione straordinaria e carichi notevoli, solo in un quarto dei casi i dipendenti hanno ricevuto un compenso adeguato. Nemmeno gli aiuti statali hanno veramente migliorato la situazione, secondo l'organizzazione. «Molti lavoratori sono stati abbandonati a loro stessi e hanno dovuto barcamenarsi fra lavoro, cura dei bambini e home schooling», ha sottolineato Fischer.

Bene lavoro ridotto e norme igieniche - Uno strumento ben utilizzato, sempre secondo Travail.Suisse, è stato invece quello del lavoro ridotto. La misura ha infatti permesso di evitare licenziamenti in massa.

I lavoratori, in generale, si sono comportati in maniera esemplare per quel che riguarda il rispetto delle norme igieniche, mostrando molta solidarietà e comprensione. Critico è stato però il comportamento degli infetti, con oltre il 40% di persone che non ha rispettato le norme di quarantena o autoisolamento.

L'home office ha dal canto tuo mostrato lati positivi e negativi. Fra quelli apprezzati, vi sono stati il tempo risparmiato per il trasporto, la calma e la gestione più autonoma del lavoro. Note dolenti sono invece state la mancanza di contatti sociali, l'assenza di ergonomia e la continua reperibilità. «Solo con chiare regole l'home office può funzionare per entrambe le parti come alternativa positiva alla presenza fisica sul posto di lavoro», ha affermato Fischer.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-14 03:43:47 | 91.208.130.89