Cerca e trova immobili

SVIZZERAVertice al Bürgenstock: l'UDC chiede sia invitata ufficialmente la Russia

04.06.24 - 16:58
Per i democentristi «la neutralità svizzera non è più riconosciuta da tutte le parti in conflitto».
Bürgenstock Hotels AG
Fonte ATS
Vertice al Bürgenstock: l'UDC chiede sia invitata ufficialmente la Russia
Per i democentristi «la neutralità svizzera non è più riconosciuta da tutte le parti in conflitto».

BERNA - Il gruppo parlamentare UDC si preoccupa per l'organizzazione della conferenza di pace sull'Ucraina che si terrà al termine della prossima settimana sul Bürgenstock. E in una dichiarazione chiede che la Russia riceva un invito ufficiale dalla Svizzera.

La conferenza sul Bürgenstock del 15 e 16 giugno non deve degenerare in una «conferenza unilaterale di propaganda e armamenti», scrive il gruppo UDC alle Camere federali nella dichiarazione diffusa oggi. Il Consiglio federale ha la responsabilità di garantire che la conferenza non porti a un'ulteriore escalation.

In considerazione di quella che l'UDC considera «la neutralità perpetua, armata e completa» della Svizzera, il governo federale deve garantire la partecipazione di tutte le parti in conflitto. «Di conseguenza, il Consiglio federale deve fare tutto il possibile per garantire che anche la parte russa partecipi alla Conferenza del Bürgenstock». Ciò include in particolare un invito ufficiale trasmesso alla Russia dalla Confederazione.

Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) scrive da parte sua sul sito web della Conferenza di pace che la Russia non è stata «al momento» invitata. La Svizzera si è sempre dimostrata disponibile a estendere un invito alla Russia per questa conferenza. Il DFAE ricorda però anche che la Russia ha dichiarato più volte - anche pubblicamente - di non essere interessata a partecipare a questa prima conferenza.

L'UDC interpreta questo fatto come un segno «che la neutralità svizzera non è più riconosciuta da tutte le parti in conflitto». Per i "democentristi" il rifiuto russo è inoltre una conseguenza della frettolosa partigianeria adottata dal Consiglio federale dopo lo scoppio della guerra in Ucraina e dell'accettazione senza riserve delle sanzioni dell'UE da parte della Svizzera.

Secondo il DFAE, la conferenza ad alto livello ha lo scopo di avviare un processo di pace. La Svizzera è convinta che la Russia debba essere coinvolta in questo processo. Un processo di pace senza la Russia è impensabile. Anche il gruppo parlamentare UDC dice di accogliere in linea di principio con favore gli sforzi di pace.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE