Cerca e trova immobili

SVIZZERAI ghiacciai svizzeri hanno perso il 10% del loro volume

28.09.23 - 10:06
«Una drammatica accelerazione». In soli due anni, hanno perso tanto volume quanto tra il 1960 e il 1990.
Ti Press
Fonte Ats
I ghiacciai svizzeri hanno perso il 10% del loro volume
«Una drammatica accelerazione». In soli due anni, hanno perso tanto volume quanto tra il 1960 e il 1990.

BERNA/ZURIGO - Negli ultimi due anni il volume dei ghiacciai svizzeri si è ridotto del 10%. Dopo una perdita record del 6% nel 2022, un ulteriore calo del 4% è stato registrato nel 2023, ha riferito oggi la Commissione svizzera per l'osservazione della criosfera (CSC).

Si tratta della seconda più ingente perdita dall'inizio delle misurazioni, secondo la CSC, che la descrive come una «drammatica accelerazione». In due anni, i ghiacciai svizzeri hanno perso tanto volume quanto tra il 1960 e il 1990.

Secondo la CSC, che fa parte dell'Accademia svizzera di scienze naturali (SCNAT), questo ritiro «massiccio» è dovuto alla combinazione di inverni poco nevosi ed elevate temperature estive. L'inverno 2022/2023 è stato caratterizzato da precipitazioni molto scarse. Dopo un breve periodo di normalizzazione in primavera, il mese di giugno è stato molto caldo e la neve si è sciolta da due a quattro settimane prima del solito. Poi, durante l'estate, la linea dello zero gradi è salita ad altitudini record fino a settembre.

Perdite ingenti nel Sud e nelle Svizzera orientale - Il fenomeno ha interessato tutta la Svizzera. Nel sud e nell'est del Paese, i ghiacciai si sono sciolti quasi quanto nell'anno record del 2022. Nel sud del Vallese e in Engadina è stato nuovamente misurato uno scioglimento di diversi metri a più di 3200 metri, mentre qualche anno fa i ghiacciai erano ancora stabili a questa altitudine.

La perdita di spessore ha raggiunto i tre metri, in particolare sul ghiacciaio del Gries (VS), sul ghiacciaio del Basòdino (TI) e sul ghiacciaio del Pers (GR), molto più che durante l'ondata di caldo del 2003.

La situazione tra l'Oberland Bernese e il Vallese, ad esempio sul Grand Glacier d'Aletsch (VS) e sul ghiacciaio della Plaine Morte (BE), è meno drammatica, grazie alla migliore copertura nevosa dello scorso inverno. Tuttavia, è stata registrata una perdita media di oltre due metri.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE