Cerca e trova immobili

SVIZZERALa situazione «oggi è estrema come lo era all'inizio del XX secolo»

01.05.23 - 14:19
Il presidente Alain Berset, in occasione della Festa del Lavoro, si è detto preoccupato dalle forti disuguaglianze sociali nel nostro Paese
keystone-sda.ch (PETER KLAUNZER)
Fonte ats
La situazione «oggi è estrema come lo era all'inizio del XX secolo»
Il presidente Alain Berset, in occasione della Festa del Lavoro, si è detto preoccupato dalle forti disuguaglianze sociali nel nostro Paese

BIENNE - Esprimendosi a Bienne (BE) in occasione della Festa del lavoro del Primo maggio davanti a 150-200 persone, il presidente della Confederazione, Alain Berset, si è detto preoccupato per le crescenti disuguaglianze che erodono la coesione sociale.

«La disuguaglianza oggi è estrema come lo era all'inizio del XX secolo, quando non esisteva quasi uno Stato sociale degno di questo nome», ha dichiarato il consigliere federale socialista.

In un'epoca in cui «la politica e la società erano contraddistinte dalla supremazia difficilmente contestabile dei più forti economicamente, oggi tale supremazia è rivendicata di nuovo in modo ancora più spudorato e più forte», ha sottolineato il capo del Dipartimento federale dell'interno (DFI).

L'aumento delle spese di base è da anni il maggior onere finanziario per le famiglie, ha osservato Berset, citando tra gli aggravi i premi dell'assicurazione sanitaria, che lo scorso anno hanno subito un forte aumento. «Dobbiamo trovare soluzioni per frenare la crescita dei costi e ridurre l'onere dei premi», ha spiegato il presidente della Confederazione.

«Le crisi hanno l'effetto di aumentare le disuguaglianze», ha detto il presidente della Confederazione, che ha elencato l'inflazione, l'energia, la guerra in Ucraina e il costo della salute e del cibo. Per il capo del DFI, le persone più vulnerabili sono quelle che soffrono di più durante i periodi difficili che rischiano di minare la coesione sociale. Tale situazione fa poi perdere di vista altri problemi non meno urgenti, come la parità salariale e la crisi climatica.

Nonostante il quadro fosco della situazione, Alain Berset ha invitato tutti a non scoraggiarsi e ad affrontare i problemi uno alla volta. Il consigliere federale friburghese ha citato come buon esempio da imitare il comportamento della squadra di disco su ghiaccio locale, il Bienne, che pur mancando di poco il titolo di campione svizzero ha dimostrato che cosa si può ottenere quando si rimane uniti.

COMMENTI
 

Taurus57 10 mesi fa su tio
Berset è l'ultimo che dovrebbe parlare. Solo con gli aumenti della cassa malati e il costante calo del reddito reale delle famiglie assieme ai compagni di merende trascina lo standard svizzero come il gambero:invece di aumentare va indietro come il gambero.

pirataelettrico 10 mesi fa su tio
Per salvare una banca 257 miliardi ci sono.. Però quando appena si tocca il tasto AVS guarda caso i soldi non si trovano. 🤡🤡🤡

Voilà 10 mesi fa su tio
Per ovviare a questa situazione il Consiglio Federale ha effettuato tagli lineari del 3%, e in Ticino prossimamente ne vedremo delle belle... Ma per colmare le diseguaglianze bisogna ridurre le tasse ai ricchi!

DS 10 mesi fa su tio
e del ticino?

bradipo 10 mesi fa su tio
Risposta a DS
Triste realtà, ma in questa società, noi ticinesi contiamo più o meno quanto il Bangladesh...

Stellina40 10 mesi fa su tio
Di parole per fare bella figura i politici ne dicono tante ma poi i fatti.....sono ben altri

Teom 10 mesi fa su tio
“L’aumento delle spese di base “ Cominciate a non buttare miliardi in inutili aeroplanini da guerra perfettamente inutili e finanziari milioni o miliardi per aiuti all’estero quando anche a. Casa nostra esiste la povertà e i nostri anziani ricevono una pensione da fame e si sognano la tredicesima

Blobloblo 10 mesi fa su tio
L’importante è preoccuparsi, poi di fare qualcosa non se ne parla!

Lux Von Alchemy 10 mesi fa su tio
E quindi?…

Tracy 10 mesi fa su tio
Risposta a Lux Von Alchemy
E quindi, siamo invitati tutti a non scoraggiarsi e ad affrontare i problemi uno alla volta!! 😁
NOTIZIE PIÙ LETTE