Immobili
Veicoli
I ghiacciai svizzeri si sciolgono e spunta un passo risalente all'era romana

SVIZZERAI ghiacciai svizzeri si sciolgono e spunta un passo risalente all'era romana

30.09.22 - 13:59
L'allarme: quest'anno i nostri ghiacciai hanno perso il 6% del loro volume totale. Alcuni sono completamente scomparsi.
AFP
I ghiacciai svizzeri si sciolgono e spunta un passo risalente all'era romana
L'allarme: quest'anno i nostri ghiacciai hanno perso il 6% del loro volume totale. Alcuni sono completamente scomparsi.

VAUD - In questo anno molto particolare per il clima che lo ha caratterizzato, a causa di un inverno secco e delle ripetute ondate di caldo estivo, purtroppo i ghiacciai svizzeri hanno perso il 6% del loro volume totale. Tre chilometri cubi di ghiaccio, pari a tre trilioni di litri di acqua, si sono sciolti. Il dato, che è stato calcolato grazie ad uno studio della Commissione criosferica dell'Accademia svizzera delle scienze, non ha fatto che confermare la drasticità del ritiro glaciale, destinato a peggiorare.

«Il 2022 è stato un anno disastroso per i ghiacciai svizzeri: tutti i record di scioglimento dei ghiacci sono stati infranti», ha affermato la Commissione tramite il professore di glaciologia e capo del Glacier Monitoring in Svizzera Matthias Huss, che ha sottolineato che non sarà comunque possibile rallentarne lo scioglimento a breve termine. Cosa che potrà avvenire solo nel lungo periodo e solo se le emissioni di CO2 verranno ridotte e il clima protetto, «questo basterebbe per tutelare circa un terzo dei volumi totali in Svizzera nel migliore dei casi», ha detto all'AFP. Ma se questo non dovesse avvenire, il ​​Paese «perderà quasi tutti i ghiacciai entro la fine del secolo».

All'inizio dell'anno, il manto nevoso nelle Alpi era già eccezionalmente leggero, quando un grande volume di sabbia arrivata dal deserto del Sahara tra marzo e maggio, ci si è depositato sopra. La neve contaminata ha quindi assorbito più calore, causandone così un più veloce scioglimento, e andando a privare i ghiacciai della loro protezione naturale in vista dell'estate.
 Nella metà del mese corrente, si è completamente sciolto lo strato di ghiaccio, un tempo spesso, che copriva il passaggio tra i ghiacciai Scex Rouge e Tsanfleuron, esponendo la roccia nuda rimasta coperta fin dall'era romana.
I ghiacciai Pizol, Vadret dal Corvatsch e Schwarzbachfirn «sono praticamente scomparsi», ha affermato la Commissione.  In Engadina e nel sud del Vallese, «uno strato di ghiaccio spesso da quattro a sei metri, posti a 3.000 metri sul livello del mare è scomparso».

Perdite significative sono state registrate anche nei punti di misurazione più alti, compreso il monte Jungfraujoch, che raggiunge quasi i 3.500 metri. In sostanza, l'acqua derivata dal disgelo glaciale di luglio e agosto, quest'anno da sola avrebbe fornito acqua a sufficienza per riempire completamente tutti i bacini idrici delle Alpi svizzere.

NOTIZIE PIÙ LETTE