Immobili
Veicoli

ZURIGO BNS, «Non ci sono limiti all'aumento dei tassi»

22.09.22 - 16:23
Il presidente della Banca nazionale svizzera, Thomas Jordan: «Il nostro obiettivo? Mantenere la stabilità dei prezzi»
Keystone
Fonte Henrietta Rumberger, AWP/ATS
BNS, «Non ci sono limiti all'aumento dei tassi»
Il presidente della Banca nazionale svizzera, Thomas Jordan: «Il nostro obiettivo? Mantenere la stabilità dei prezzi»

ZURIGO  - Il presidente della Banca nazionale svizzera (BNS) Thomas Jordan non vede limiti nel possibile aumento del tasso guida dell'istituto. Per il momento la stretta monetaria non dovrebbe rallentare l'economia elvetica: ma la situazione economica è preoccupante se si guarda al contesto internazionale, afferma l'economista 59enne in un'intervista all'agenzia Awp.

Oggi la BNS ha effettuato una mossa significativa sui tassi d'interesse. Quali saranno i prossimi passi? Avete definito un limite massimo?
«No, non abbiamo definito un limite massimo. Se si guarda alle nostre previsioni sull'inflazione, si può notare che non si possono escludere ulteriori aumenti dei tassi di interesse. Il nostro obiettivo è quello di mantenere la stabilità dei prezzi in Svizzera e di adeguare la politica monetaria di conseguenza».

Finora l'aumento dei tassi di interesse non ha fermato l'inflazione galoppante. I nuovi passi avranno qualche effetto? Negli Stati Uniti sembrano non averne.
«In Svizzera non abbiamo un'inflazione galoppante. Siamo al 3,5%. Gran parte di ciò è dovuto all'energia. L'apprezzamento del franco, ma anche l'aumento dei tassi d'interesse, dovrebbero portare con il tempo a un abbassamento del rincaro in Svizzera, per poi rimanere nella fascia di stabilità dei prezzi».

In che misura l'inflazione è dovuta a shock a breve termine, come l'invasione russa in Ucraina? E quanto contano grandi i fattori interni?
«All'estero sono aumentati soprattutto i prezzi dell'energia. Questo ha avuto un influsso sulla Svizzera. È importante non avere effetti di secondo impatto, o averne il meno possibile, in modo che l'inflazione non possa diffondersi ad altri gruppi di beni».

Quando gli scatti di interesse raggiungeranno i conti dei piccoli risparmiatori?
«Oggi siamo passati da un contesto di tassi d'interesse negativi a uno positivo. Vedremo poi quando le banche adegueranno i loro tassi. In questo settore c'è concorrenza. Ci aspettiamo che nel corso del tempo ciò si riveli vantaggioso per i risparmiatori».

Non è preoccupato che l'aumento dei tassi di interesse possa bloccare l'economia?
«Siamo preoccupati per gli sviluppi economici. Soprattutto a livello internazionale: abbiamo la guerra in Ucraina, un rallentamento in Europa e una situazione più debole in America. Tutto questo può avere un impatto anche sulla Svizzera. I tassi di interesse sono ancora relativamente bassi. Quindi non possiamo ancora dire che i tassi di interesse stiano soffocando l'economia».

Il tasso di cambio EUR/CHF è ai minimi storici. Qual è la vostra soglia del dolore?
«Non abbiamo una soglia del dolore. Valutiamo se il tasso del franco è appropriato o se è troppo forte o troppo debole. Ne teniamo conto nella nostra politica monetaria. Se il franco dovesse indebolirsi e rappresentare un problema per la stabilità dei prezzi, venderemo anche valuta estera».

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA