Immobili
Veicoli

SVIZZERALa BNS alza il tasso guida al +0,50%: «Finisce l'era degli interessi negativi»

22.09.22 - 09:48
La Banca Nazionale spera così di porre un freno all'inflazione galoppante che tocca anche la Svizzera
Archivio Keystone
Fonte Ats
La BNS alza il tasso guida al +0,50%: «Finisce l'era degli interessi negativi»
La Banca Nazionale spera così di porre un freno all'inflazione galoppante che tocca anche la Svizzera

BERNA - La Banca nazionale svizzera (BNS) inasprisce la sua politica monetaria, abbandonando gli interessi negativi in vigore ormai da quasi otto anni: l'istituto innalza di 0,75 punti il suo tasso guida, portandolo dal -0,25% al +0,50%.

Si tratta di contrastare l'accresciuta pressione inflazionistica, ha informato la banca al termine del tradizionale esame trimestrale della situazione economica e monetaria.

Un freno all'inflazione galoppante

La BNS aveva già operato una stretta di 0,5 punti (da -0,75% a -0,25%) lo scorso 16 giugno, quando si era mossa a sorpresa prima della Banca centrale europea (Bce). Questa nel frattempo ha operato due volte, la prima in luglio (+0,5 punti, primo ritocco al rialzo dopo 11 anni) e la seconda a inizio settembre (+0,75 punti), portando il tasso principale all'1,25%. Da parte sua la Federal Reserve americana ha ieri sera deciso un ulteriore rialzo, il quinto del 2022, alzando il costo del denaro di 0,75 punti: il suo tasso di riferimento è ora nella forchetta fra 3% e 3,25%.

Tutti gli istituti centrali sono chiamati a lottare contro l'inflazione: in agosto si è attestata all'8,3% negli Stati Uniti (sopra le attese) e al 9,1% (valore record) nell'Eurozona. Nella Confederazione il rincaro risulta inferiore (è pari al 3,5%), ma è ampiamente al di sopra della soglia che la BNS ritiene di stabilità dei prezzi, pari al 2%.

Si chiude l'era degli interessi negativi

Per la Svizzera si chiude quindi - almeno per il momento - l'era degli interessi negativi, una novità introdotta per far fronte al rafforzamento eccessivo del franco. La data d'inizio era stata il 18 dicembre 2014, con l'estensione del margine di fluttuazione del Libor a una fascia fra il -0,75% e il +0,25%, un intervallo poi portato al segmento compreso fra -0,25% e -0,75% nel gennaio 2015, dopo l'abolizione del tasso minimo di cambio franco-euro di 1,20. La fascia di fluttuazione del Libor è poi stata sostituita nel giugno 2019 con il tasso guida, fissato a suo tempo al -0,75%.

Allora considerati una bizzarria temporanea, i tassi negativi hanno avuto un profondo impatto in vari ambiti, non da ultimo in ambito ipotecario: il volume dei mutui è aumentato ulteriormente e con esso il prezzo delle case e degli appartamenti, creando tensioni sul mercato immobiliare riconosciute dalla stessa BNS.

Intervenire sul cambio con l'euro? Per ora no

Nel frattempo l'istituto guidato da Thomas Jordan non considera più troppo elevato il valore del franco. Secondo gli esperti la priorità ora è cambiata: occorre contenere il rincaro e una valuta forte permette di calmierare i prezzi importati. Naturalmente questo ha un impatto negativo sulle esportazioni, ma l'industria svizzera sembra essersi abituata, nel corso degli anni, a sostenere il fardello monetario.

In tal modo l'euro si è ormai stabilmente orientato a un corso inferiore alla parità. E proprio oggi, nel primissimo mattino, il corso è sceso per la prima volta nella storia sotto la soglia psicologica di 0,95 franchi. All'inizio dell'anno la moneta europea costava ancora 1,04 franchi.

Su le previsioni per l'inflazione

La Banca nazionale svizzera (BNS) corregge al rialzo le sue previsioni sull'andamento dell'inflazione nella Confederazione: il rincaro dovrebbe attestarsi al +3,0% quest'anno e al +2,4% nel 2023, a fronte di rispettivamente +2,8% e +1,9% ipotizzati tre mesi or sono.

Per il 2024 la stima è stata lievemente ritoccata dal +1,6% al +1,7%, emerge dalle indicazioni fornite oggi al termine del tradizionale esame trimestrale della situazione economica e monetaria, un'occasione in cui l'istituto di Thomas Jordan ha portato il tasso guida in territorio positivo, al +0,5%.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA