SVIZZERAI polli svizzeri sono in realtà dei "secondos"

13.09.22 - 09:16
Nei nostri negozi il pollo ha sempre un passato migratorio. Ecco perché
BZ
I polli svizzeri sono in realtà dei "secondos"
Nei nostri negozi il pollo ha sempre un passato migratorio. Ecco perché

BASILEA - Chi acquista pollo svizzero probabilmente si aspetta che l'animale provenga dal nostro paese. In realtà, prima di finire sullo scaffale del supermercato è stato quasi sempre un pulcino o un uovo migrante. Le aziende che allevano i genitori dei nostri polli si trovano infatti principalmente nei Paesi Bassi, in Germania e Francia. 

Tobias Sennhauser, presidente dell'organizzazione per i diritti degli animali "Tier im Fokus", conferma: «A differenza della produzione di carne suina, dove abbiamo per lo più i nostri allevatori svizzeri, per la produzione di pollame dipendiamo completamente dall'estero». I grandi produttori di carne come Micarna e Bell non ne fanno mistero. 

Secondo l'Ufficio federale delle dogane e della sicurezza dei confini, dal 2018 al 2021 compreso sono stati importati in Svizzera più di 1,2 milioni di pulcini da Francia e Olanda. «I volatili da riproduzione per l'allevamento di polli da carne arrivano in Svizzera come pulcini di un giorno» spiega Markus Wüthrich, amministratore delegato di Hühnerzucht Wüthrich Brüterei AG. La sua azienda alleva fino a 250.000 polli da carne alla settimana e li vende ai produttori di polli, tra cui Micarna.

Wüthrich acquista le uova da cova principalmente da allevamenti di polli svizzeri. I genitori riproduttori provengono però dall'estero. Dopo circa 15 mesi, i genitori importati depongono meno uova e vengono quindi abbattuti. La carne di questi animali non viene venduta come pollo intero, ma come salsiccia, dice Wüthrich. Poiché gli animali trascorrono «la maggior parte della loro vita» in Svizzera, secondo la legge possono essere venduti come carne svizzera.

Adrian Waldvogel, presidente dell'organizzazione degli allevatori Sgp-Aspv, ritiene che l'importazione di animali da carne sia «una soluzione temporanea». Il consumo di pollo in Svizzera è in aumento e le aziende sono impegnate nell'accrescere il benessere degli animali e dell'ambiente. «Non abbiamo paura di apportare miglioramenti» afferma Waldvogel. «Dal mio punto di vista, allevare i genitori direttamente in Svizzera è sicuramente un obiettivo».

Nadja Brodmann, zoologa e co-direttrice della Protezione Animali di Zurigo, non è ottimista al riguardo: «È impossibile costruire l'allevamento di queste razze ibride in Svizzera». I polli altamente efficienti sono stati allevati a partire dagli anni '60, e da allora «è stato accumulato un enorme know-how genetico, oggi tenuto segreto da poche grandi aziende di allevamento».

Bell Food Group, azienda leader del settore in Svizzera, ritiene che il mercato nazionale sia «troppo piccolo» per creare un allevamento di razze autoctone. «Sarebbe sproporzionatamente costoso». Ma l'importazione di pulcini non piace agli animalisti: secondo la fondazione "Tier im Recht" in questo modo viene eluso il divieto di "allevamento tortuoso" sancito dalla legge sulla protezione degli animali. Questo vieta l'utilizzo di tecniche di allevamento che causano dolore, danni o disturbi comportamentali nei polli.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE