Immobili
Veicoli

SVIZZERAUn francobollo per l'anniversario dei servizi di navigazione area svizzeri

30.08.22 - 15:09
Una collaborazione tra La Posta e Skyguide ha creato un "bollo" dedicato ai cento anni dei servizi di aviazione
Skyguide/Posta
Un francobollo per l'anniversario dei servizi di navigazione area svizzeri
Una collaborazione tra La Posta e Skyguide ha creato un "bollo" dedicato ai cento anni dei servizi di aviazione

GINEVRA - La Posta, in collaborazione con Skyguide, riesce a conquistare appassionati di filatelia e aviazione in un colpo solo. Oggi, in occasione del centenario dei servizi svizzeri di navigazione aerea, è stato presentato un francobollo a tema. Il disegno rappresenta un moderno velivolo di linea con le posizioni dei velivoli come appaiono sugli schermi dei controllori del traffico aereo.

Il francobollo di 210 centesimi è l’espressione di una tappa storica nella storia dei servizi svizzeri di navigazione aerea. Il grafico Angelo Boog ha optato volontariamente per un design sobrio del francobollo: «Con questo francobollo per commemorare l’anniversario delle servizi svizzeri di navigazione aerea, vogliamo suscitare l’entusiasmo non solo dei collezionisti, ma anche appassionati di aviazione», spiega Thomas Baur, Responsabile Rete Postale e membro della Direzione del Gruppo Posta.

La nascita dei servizi di navigazione aerea svizzera
100 anni fa, la Marconi Radio Station AG, la cui sede si trovava nell’edificio principale dell’ufficio postale, a Berna, è stata fondata per sviluppare la telegrafia senza fili – segnando così la nascita del controllo aereo svizzero. Nel 1928 il nome dell’azienda fu cambiato in Radio Suisse SA. Nel 1931 l’Ufficio federale Radio Suisse SA ha affidato il controllo del traffico aereo in Svizzera. Da allora, l’aviazione ha conosciuto un grande sviluppo. Nel giugno del 1948 venne inaugurato un nuovo aeroporto intercontinentale a Zurigo-Kloten per l’aviazione civile. Poi, nella seconda metà del secolo scorso, l’aereo ha potuto stabilirsi nel a livello mondiale come mezzo di trasporto di massa efficiente per passeggeri e merci.

Negli anni successivi, la tecnologia radar ha permesso di vedere gli aerei su uno schermo, anche su lunghe distanze, rivoluzionando così radicalmente il controllo aereo. Tra il 1960 e il 1970, il numero dei controllori di volo di Radio Suisse SA è passato da 300 a oltre 650 persone. L’avvento degli aerei a reazione ne è stato la causa. Nel 1988 le compagnie aeree svizzere sono state raggruppate in una nuova società: Swisscontrol. Nel 1996, Swisscontrol è diventata finanziariamente indipendente dalla Confederazione. La sede sociale è stata trasferito da Berna a Ginevra in un nuovo edificio. Nel 2001, i servizi di navigazione aerea militari e civili della Svizzera sono stati riuniti in un’unica autorità che controlla l’intero spazio l’intero spazio aereo svizzero e le regioni limitrofe dei paesi confinanti: nasce Skyguide.

La Skyguide oggi
L'azienda, attiva in 14 sedi della Svizzera, gestisce le operazioni di traffico aereo in aeroporti internazionali di Ginevra e Zurigo, negli aeroporti regionali e in diversi aeroporti di aviazione militare. L’azienda si occupa della manutenzione di 240 impianti in tutto il paese. Attualmente Skyguide sta portando avanti il suo progetto pionieristico "Virtual Centre". L’obiettivo è di modernizzare e armonizzare sia la tecnologia a terra che le procedure operative. L’attuale spazio aereo svizzero, diviso tra Est (Dübendorf) e Ovest (Ginevra), deve quindi essere riunito in un unico insieme, coperto da un solo centro virtuale indipendente dall’ubicazione geografica. Il programma è giunto ora alla sua terza e ultima fase e dovrebbe concludersi nel 2028.

«Un francobollo rimane sulla busta finché la lettera non arriva a destinazione. Lo stesso vale nel senso figurato, per Skyguide: non ci limitiamo a dare uno sguardo nostalgico ai 100 anni. L’Unione europea ha un ruolo di primo piano nella storia dei servizi di navigazione aerea svizzeri, ma osiamo anche guardare al futuro. Rimaniamo concentrati sui nostri obiettivi fino a quando non li abbiamo raggiunti, formiamo insieme l’aviazione di domani e dei prossimi cento anni», afferma Klaus Meier, CTO e Vice CEO Skyguide, nell’ambito della presentazione del francobollo speciale a Zurigo.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE