Immobili
Veicoli
20min/Michael Scherrer
ULTIME NOTIZIE Svizzera
URI
1 ora
Europa, difesa e migrazione: il PLR ne discute a Andermatt
I delegati si riuniscono oggi in assemblea. Presenti anche i consiglieri federali Ignazio Cassis e Karin Keller-Sutter
SVIZZERA
2 ore
Benzina ancora a peso d'oro. Ecco perché
Senza piombo e Diesel restano ancora oltre i due franchi. A dispetto del prezzo del greggio in discesa. Perché?
SVIZZERA
11 ore
Sorveglianza dei cellulari, privacy a rischio
Le forze dell'ordine hanno aumentato l'utilizzo delle intercettazioni per svolgere le indagini. Qualcuno si preoccupa.
SCIAFFUSA
12 ore
Esce di strada e piomba sulla scalinata del centro commerciale
Il conducente, un 35enne, ha avuto un malore.
SVIZZERA
13 ore
Graziati dopo una truffa milionaria alle FFS
Tre dipendenti, con un loro complice esterno, hanno ottenuto una riduzione della pena grazie all’ammissione di colpa.
BELLINZONA
16 ore
FIFA, condannato l'ex segretario generale
L'ex dirigente Jérôme Valcke è stato incriminato a Bellinzona per falsità in documenti e ripetuta corruzione passiva.
SVIZZERA
17 ore
«Berna deve continuare a pagare i test»
La Commissione della sanità del Nazionale ritiene che questo sia un «pilastro fondamentale» nella lotta al Covid-19.
VAUD
18 ore
Quel duello socialista che potrebbe non esserci
Secondo indiscrezioni di stampa, Pierre-Yves Maillard e Roger Nordmann avrebbero trovato un compromesso.
FOTO
BERNA
18 ore
La Torre del Moron perde pezzi: «Fa male al cuore»
Inaugurata 18 anni fa, l'opera di Mario Botta ha subito gravi danni tra martedì e mercoledì: «Diversi scalini divelti».
VALLESE
18 ore
Operaio muore travolto da alcuni massi
L'infortunio sul lavoro è avvenuto questa mattina in un cantiere di Verbier. Nulla da fare per un 47enne portoghese.
SVIZZERA
19 ore
L'abbattimento preventivo del lupo sarà «possibile»
Il progetto della CAPTE-S prevede che le popolazioni possano essere regolate per evitare danni o pericoli futuri.
SVIZZERA
19 ore
Il mitico coltellino svizzero spegne 125 candeline
Era il 12 giugno 1897 quando lo svittese Carl Elsener decise di proteggere il modello che diventerà un'icona del paese.
ZURIGO
19 ore
Studenti alla guida dei tram? Il sindacato non ci sta
L'azienda dei trasporti di Zurigo intende in questo modo sgravare i propri dipendenti.
SVIZZERA
20 ore
Ecco in quali Cantoni i cellulari vengono rubati con più frequenza
Il Ticino si piazza in fondo alla classifica stilata da Axa Assicurazioni.
SVIZZERA
24.03.2022 - 16:430

Maggiore equità per il cinema svizzero con la Lex Netflix

Gli argomenti del comitato interpartitico a favore della nuova legge sul cinema in votazione il prossimo 15 maggio

BERNA - Piattaforme di streaming come Netflix o Amazon Prime dovrebbero anche investire nella produzione elvetica di film, come già fanno i fornitori svizzeri. Ne è convinto un comitato interpartitico - PS, Evangelici, Centro, PLR, Verdi Liberali e Verdi - che invita ad approvare, il 15 di maggio, la rivista legge sul cinema contro la quale è stato lanciato il referendum.

Pur facendo ottimi incassi in Svizzera, le piattaforme internazionali di streaming investono soprattutto in produzioni straniere. Alla luce di questo fatto, l'industria cinematografica elvetica è svantaggiata, insomma non può competere ad armi pari, hanno spiegato oggi davanti ai media i membri del comitato.

Le emittenti svizzere infatti sono tenute a investire nella cinematografia elvetica il 4% degli introiti lordi, mentre i servizi di streaming no. Stando alle nuove disposizioni, le piattaforme online dovranno versare ogni anno almeno il 4% del rispettivo fatturato lordo per la produzione di pellicole Made in Switzerland. Così facendo, l'offerta di film verrà ampliata a tutto beneficio degli spettatori, secondo i sostenitori della legge. La norma obbliga inoltre le piattaforme di streaming a proporre almeno il 30% di serie o film prodotti in Europa.

Anche le emittenti straniere che trasmettono finestre pubblicitarie rivolte al pubblico svizzero dovranno contribuire alla pluralità dell'offerta cinematografica. La modifica prevede che possano partecipare direttamente alle produzioni svizzere o versare una tassa sostitutiva per la promozione del cinema nazionale.

«Con la nuova legge sul cinema, la Svizzera si mette alla pari con i suoi vicini e pone basi più solide per la produzione di film e serie nazionali», ha affermato la consigliera nazionale Melanie Mettler (Verdi liberali/BE). Per la senatrice Andrea Gmür (Centro/LU), la legge introduce principi «equi e giusti». Quasi tutti i paesi dell'Europa occidentale obbligano i fornitori stranieri a investire parte delle loro entrate nella produzione del paese in cui operano.

Gmür spera che i nuovi investimenti aiutino a sfruttare al massimo il potenziale del cinema svizzero. «Se vogliamo che i giovani si appassionino alle storie locali, dobbiamo essere presenti sulle piattaforme». È anche un'opportunità per le località turistiche di presentarsi a livello internazionale.

Questo aumento del valore aggiunto si ottiene senza un franco versato in sovvenzioni, ha aggiunto Matthias Michel, membro del gran consiglio di Zugo per il PLR. Lo Stato non dice nemmeno ai fornitori come devono reinvestire le entrate. «Non si tratta di più sostegno statale al cinema, ma di più mercato». A suo avviso, da un punto di vista «liberale» questa legge può senz'altro essere sostenuta, benché i delegati del suo partito si siano espressi per il "no".

«L'industria cinematografica svizzera trarrà enormi vantaggi se riceverà le stesse condizioni di produzione dell'industria cinematografica dei nostri paesi vicini», ha insistito la consigliera nazionale Regula Rytz (Verdi/BE). Un altro vantaggio della legge da non sottovalutare è la promozione della diversità culturale e linguistica sulle piattaforme.

«Il mercato svizzero dei film e delle serie sarà rivitalizzato se produzioni locali saranno messe in concorrenza», ha infatti sottolineato la consigliera nazionale Lilian Studer (Evangelici/AG). Oggi non ci sono praticamente serie svizzere su Netflix, ha sottolineato, aggiungendo che è ora di mettere un po' di pressione sui grandi fornitori di contenuti cinematografici online affinché la situazione cambi.

Nel suo intervento, il consigliere nazionale bernese Matthias Aebischer (PS) ha risposto alle critiche degli oppositori della cosiddetta "Lex Netflix", secondo cui i fornitori di streaming potrebbero aumentare i prezzi a causa del nuovo obbligo di investimento. «La legge non è un attacco al portafoglio, nessuno deve pagare di più», ha asserito il deputato. Stando al ministro della cultura, Alain Berset, grazie ai cambiamenti apportati alla legge sul cinema, l'industria elvetica del settore potrebbe beneficiare di circa 18 milioni di franchi in più all'anno.

Stando al consigliere nazionale Marco Romano (Centro/TI), citato in una nota, «la legge sul cinema porta benefici diretti ai nostri produttori cinematografici e valorizza il nostro territorio, senza gravare sulle casse dello Stato». Per Greta Gysin (Verdi/TI) la rivista legge sui cinema offre «opportunità a giovani registe e registi di raggiungere con le loro idee un pubblico internazionale».

Il referendum è stato lanciato dalle sezioni giovanili dell'UDC, del PLR, dei Verdi liberali e da diversi esponenti del Centro, spalleggiati dall'associazione svizzera delle televisioni private e da Suissedigital, l'associazione che riunisce gli operatori via cavo. Questi attori temono una messa sotto tutela dei consumatori e maggiori costi per gli abbonamenti alle piattaforme di streaming.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-25 10:44:18 | 91.208.130.85