20min/Sonja Mulitze
SVIZZERA
03.09.2021 - 10:400
Aggiornamento : 11:31

Invece di controllare correttamente i freni dei treni, inseriva dati fittizi nel sistema

L'uomo - un 26enne che ha lavorato per l'azienda dal 2012 al 2020 - abbreviava così la procedura di test

BERNA - Il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha respinto il ricorso di un dipendente delle FFS che in giugno 2020 è stato licenziato in tronco. Le FFS avevano infatti scoperto che l'uomo non controllava correttamente i freni dei treni, mettendo in pericolo i passeggeri.

L'uomo invece di controllare correttamente i freni dei treni passeggeri, misurandoli con l'apposito apparecchio, inseriva dati fittizi nel sistema. In questo modo i freni difettosi non sono stati scoperti e sono stati installati sui treni. In caso di frenata d'emergenza, i treni avrebbero potuto non essere in grado di frenare abbastanza rapidamente, secondo una sentenza del TAF dello scorso 19 agosto. I giornali del gruppo Tamedia ne hanno parlato ieri.

Secondo il verdetto, che non è ancora legalmente vincolante, il tecnico ha deliberatamente ingannato il sistema con valori fittizi, abbreviando così la procedura di test. Il dipendente delle FFS è stato smascherato nel maggio 2020 dopo che i colleghi si sono insospettiti e gli hanno teso una trappola.

Inizialmente non era chiaro per quanto tempo avesse presumibilmente manipolato i risultati dell'ispezione. Il TAF ha citato centinaia di controlli effettuati dall'uomo. In un campione casuale nel maggio 2020, l'80% delle 95 misurazioni controllate erano sbagliate. Secondo il giornale, l'uomo ha 26 anni e ha lavorato per le FFS dal 2012 al 2020.

Tutti i freni sono stati ricontrollati - Le FFS hanno informato il giornale in una dichiarazione che si tratta di un caso assolutamente isolato. Tutte le pinze dei freni interessate sono state identificate e ricontrollate. La compagnia ferroviaria ha anche spiegato che un treno a lunga percorrenza ha tra 48 e 64 assi, ognuno dei quali viene frenato.

Le FFS avevano informato la corte che l'uomo, con il suo modo di lavorare, aveva messo in pericolo le operazioni ferroviarie e la sicurezza dei clienti nel peggior modo possibile.

L'uomo ha ammesso davanti ai giudici di aver commesso errori e preso misure imprecise, ma ha negato di essere stato intenzionalmente ingannevole. Inoltre, non è stata dimostrata una connessione tra le sue azioni e il danno alle pinze dei freni. Ha criticato il suo datore di lavoro, dicendo che non era stato sufficientemente addestrato e istruito.

Le FFS hanno licenziato il dipendente con effetto immediato nel giugno dello scorso anno. L'uomo ha fatto ricorso chiedendo un risarcimento per un anno di stipendio. Tuttavia, il TAF ha ritenuto che il licenziamento senza preavviso fosse giustificato in considerazione delle conseguenze e ha respinto il ricorso. L'uomo può appellare la decisione al Tribunale federale.

L'UFT vuole "affrontare" il caso - L'Ufficio federale dei trasporti (UFT), l'autorità di vigilanza delle FFS, non si considera responsabile. Questo spetta alle imprese di trasporto e ai responsabili della manutenzione, ha detto l'UFT in risposta a una domanda dell'agenzia di stampa Keystone-ATS. L'UFT esegue solo controlli a campione per verificare se la responsabilità viene assunta.

Il caso in questione non era segnalabile, ha aggiunto l'Ufficio federale. Quest'ultimo non era quindi direttamente coinvolto e non era a conoscenza dei dettagli. Tuttavia, l'incidente verrà affrontato e l'attenzione sarà richiamata in particolare sull'aspetto del principio dei quattro occhi, ha detto.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-15 22:05:31 | 91.208.130.87