Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Friborgo
1 ora
Abusava della figlia sin dalla sua nascita, condannato a 15 anni
Le violenze sono andate avanti per sette anni. L'uomo aveva dichiarato al suo arresto che grazie a lui «sa masturbarsi»
SVIZZERA
3 ore
Il termine “Afghanistan” blocca il versamento Twint
Un termine “sbagliato” impedisce la transazione attraverso l'app elvetica per i pagamenti. Ecco il motivo
SVIZZERA
5 ore
Omicron è ufficialmente sbarcata in Svizzera
Le due persone contagiate, che sono legate tra loro, si trovano in isolamento.
SVIZZERA
6 ore
Gli scettici vogliono creare una «società parallela»
Sfiducia nei media, rabbia verso le autorità. E ora la delusione alle urne. Gli ideologi no Vax progettano la secessione
SVIZZERA
6 ore
«Misure che equivalgono a un divieto di vita notturna»
Le decisioni del Governo sono state giudicate adeguate alla gran parte dei partiti, non da alcune associazioni.
GIURA
7 ore
Il Canton Giura chiede l'aiuto dell'esercito
Obiettivo: aumentare le capacità in vista della somministrazione del booster. C'è infatti carenza di personale formato.
GRIGIONI
7 ore
Si ribalta dopo un tamponamento
L'incidente è avvenuto nei pressi dello svincolo di Coira Nord. Lievemente feriti i protagonisti.
SVIZZERA
8 ore
Misure già rafforzate in diversi cantoni
Basilea (Città e Campagna), Soletta, Zugo e Svitto hanno reso obbligatorie le mascherine nei luoghi pubblici.
SVIZZERA
8 ore
Covid Pass anche per incontri privati con più di dieci persone
La proposta del Governo: Covid pass anche nel privato, mascherina al chiuso, e test rapidi validi solo 24 ore.
VAUD
28.08.2021 - 12:190
Aggiornamento : 17:23

Troppi casi gravi di Covid-19, il CHUV costretto a trasferire i pazienti in altri cantoni

C'è il rischio di dover rinviare nuovamente le operazioni programmate: «Non abbiamo ancora recuperato gli arretrati»

«Ora che abbiamo il vaccino, non sarebbe accettabile dover fermare o ridurre ancora il nostro programma operativo» ha dichiarato la consigliera di Stato Ruiz.

LOSANNA - A causa dei nuovi ricoveri per il Covid-19, l'Ospedale universitario di Losanna ha dovuto trasferire pazienti in altri cantoni. L'obiettivo è di mantenere un «margine di manovra in termini di letti di terapia intensiva» per le operazioni.

Il Centro ospedaliero universitario vodese (CHUV) «non ha più i margini per aumentare il numero di letti di terapia intensiva come nelle fasi precedenti della pandemia», afferma oggi la consigliera di Stato Rebecca Ruiz (PS) in un'intervista a Le Temps.

Aumentare il numero di letti disponibili nelle unità di emergenza significa «attingere ai team che lavorano in sala operatoria» per prendersi cura dei pazienti affetti da Covid-19. È una decisione con «pesanti conseguenze», dichiara la responsabile cantonale della sanità.

Significa rimandare le operazioni programmate, «anche se il nostro cantone non ha ancora recuperato gli arretrati delle ondate precedenti», dice Ruiz. «Una tale misura potrebbe avere conseguenze drammatiche in settori come l'oncologia, per esempio».

Un solo vaccinato su 13 pazienti in cure intense

Su 13 pazienti ricoverati in terapia intensiva al CHUV per il SARS-CoV-2, solo uno era vaccinato. «Ora che abbiamo il vaccino, non sarebbe accettabile dover fermare o ridurre ancora il nostro programma operativo», si rammarica Ruiz.

I 13 pazienti sono «un piccolo numero in termini assoluti, ma rappresentano già più del 30% della nostra capacità di 35 letti», ha dichiarato Jean-Daniel Chiche, capo dell'unità di cure intense per adulti al CHUV, a La Liberté e ai suoi giornali partner. «Il limite per i pazienti Covid è quasi raggiunto».

Riattivata unità di coordinamento

«Ritornare a una situazione in cui dobbiamo rallentare l'attività operativa e 'deconvocare' i pazienti sarebbe una vera catastrofe». L'unità di coordinamento per la Svizzera francese, gestita dal CHUV, è stata riattivata «più di tre settimane fa», nota il responsabile.

«Accogliamo i pazienti che hanno bisogno delle nostre strutture tecniche al CHUV. Ma questo potrebbe non essere sufficiente», poiché le ospedalizzazioni stanno aumentando contemporaneamente in tutta la Svizzera.

Situazione «preoccupante» anche a Ginevra

Nelle precedenti ondate dell'epidemia, «siamo passati da 35 a 76 letti» e i pazienti sono stati trasferiti in ospedali di lingua tedesca, osserva Chiche. «Oggi non abbiamo più queste valvole di sfogo, perché anche le strutture di Berna, Lucerna, San Gallo o Zurigo sono piene».

Anche presso gli ospedali universitari di Ginevra (HUG), «la situazione delle cure intensive è preoccupante», secondo il direttore generale della sanità del cantone di Ginevra, Adrien Bron, citato dalla Tribune de Genève.

Per Bron, «si dovrà di nuovo considerare di rinviare delle operazioni». Secondo il giornale, 17 pazienti vengono attualmente curati per il Covid-19 nell'unità di terapia intensiva, 7 in più dei 10 posti dedicati ai pazienti con il nuovo Coronavirus.
 
 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-01 01:22:51 | 91.208.130.89