Tamedia
SVIZZERA
24.08.2021 - 12:400
Aggiornamento : 12:55

Test a pagamento? Le reazioni dei Cantoni alla proposta del Governo

La misura dovrebbe scattare il prossimo 1. ottobre. Ma non tutte le autorità cantonali sono d'accordo

L'Usam si oppone con fermezza e parla di provvedimento «sproporzionato e contraddittorio»

BERNA - Non c'è unità di vedute sulla proposta del Consiglio federale di non più rimborsare il costo dei test Covid rapidi in caso di assenza di sintomi. Molti cantoni sono favorevoli, altri chiedono la gratuità fino a diciotto anni e non solo dodici, altri si oppongono, così come l'Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam). Domani il Governo dovrebbe decidere.

Nelle intenzioni dell'Esecutivo, i test dovrebbero rimanere gratuiti anche dopo ottobre per chi non può essere vaccinato e per i bambini sotto i dodici anni. Continuerebbero anche a essere coperti i costi dei test nelle scuole, nelle aziende e nelle case di cura.

Se Zurigo, San Gallo e Svitto sono d'accordo su tutta la linea, Lucerna è invece contrario alla fine dei test gratuiti, ritenendo che sia troppo presto, e preferendo posticipare questo passo alla fine dell'anno. Il cantone è inoltre favorevole al mantenimento del rimborso per i giovani.

Anche secondo Soletta è troppo presto per far pagare i test rapidi, mentre Vaud vorrebbe prolungare di qualche settimana il periodo di transizione, in modo che le persone non vaccinate possano ancora iscriversi quando il Consiglio federale avrà preso la sua decisione. Il cantone chiede inoltre prezzi bassi per chi dipende dall'assistenza sociale.

Berna propone che il costo dei test sia legato alla richiesta o meno di un certificato: chi effettua l'esame solo per ottenere il documento dovrebbe pagare. Argovia è favorevole alla posizione del Governo, ma non vuole modifiche alla strategia di test, temendo problemi logistici per i cantoni.

Favorevole alla posizione del Governo è anche la Commissione della sanità del Consiglio nazionale, pur chiedendo che i test restino gratuiti per i minori di diciotto anni. A opporsi con fermezza è invece l'Usam, che ritiene le proposte sproporzionate e contraddittorie, in particolare perché l'Esecutivo continua a mantenere la situazione speciale.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-20 12:49:18 | 91.208.130.87