Archivio Depositphotos
SVIZZERA
12.08.2021 - 14:090

Sempre più olio d'oliva attraversa le frontiere

L'importazione è in aumento: nel 2020 sono state portate in Svizzera 19'090 tonnellate

BERNA - Olio di oliva sempre più presente nelle cucine svizzere: nel 2020 sono state importate 19'090 tonnellate, con una progressione di un quarto rispetto all'anno precedente. La crescita è chiaramente di lungo periodo: nel 2000 l'import era infatti di 7'847 tonnellate, come emerge dai dati pubblicati oggi dall'Amministrazione federale delle dogane (AFD).

I principali paesi fornitori sono l'Italia, con una quota della metà, e la Spagna, all'origine di un terzo dei prodotti. Al terzo posto figura la Grecia. Il prezzo medio al chilogrammo è - per le tre nazioni - rispettivamente di 6,10 franchi, 3,60 franchi e 6,30 franchi. Il costo è rimasto sostanzialmente stabile negli anni, malgrado una certa volatilità causata dal corso dell'euro.

In termini di valore quello di oliva è il principale olio importato, per complessivi 102 milioni di franchi nel 2020. A livello di quantità domina però l'olio di girasole, con 44'970 tonnellate, che è decisamente meno caro (1,30 franchi al chilo).

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 18:11:11 | 91.208.130.87