Keystone
SVIZZERA
23.06.2021 - 12:260

Vacanze a tinte rossocrociate per molti svizzeri

Le montagne elvetiche restano meta ambitissima, va un po' meno bene alle città.

Soddisfatto il direttore di Svizzera Turismo: «La domanda dei residenti svizzeri per le vacanze nel loro Paese è ancora una volta molto alta». E per sostenere chi viaggia in Svizzera ecco un abbonamento generale a undici franchi al giorno.

BERNA - Gli svizzeri mostrano grande propensione a trascorrere le imminenti vacanze estive in patria. C'è tuttavia un divario significativo tra le regioni turistiche di montagna e quelle urbane, con queste ultime che ancora lottano per tornare ai livelli che hanno preceduto la crisi del Covid-19.

«La domanda dei residenti svizzeri per le vacanze nel loro paese è ancora una volta molto alta», ha indicato in una conferenza stampa a Zurigo Martin Nydegger, direttore di Svizzera Turismo, l'ente di diritto pubblico chiamato a promuove la domanda di viaggi e vacanze nella Confederazione.

L'assenza di viaggiatori da paesi lontani, così come di clienti d'affari, continua a influenzare il settore. Svizzera Turismo non si aspetta una ripresa prima «di uno o due anni».

Nonostante la probabile semplificazione delle regole d'entrata per i turisti stranieri, l'organizzazione prevede una diminuzione del 5% dei pernottamenti (1,2 milioni in cifre assolute) in albergo rispetto allo scorso anno. In moneta sonante la contrazione è pari a 250 milioni di franchi.

Nydegger ha comunque affermato di aspettarsi un ritorno «progressivo» dei turisti europei. Secondo le stime del Centro di ricerca congiunturale del Politecnico federale di Zurigo (KOF), i visitatori tedeschi e francesi quest'anno dovrebbero aumentare rispettivamente del 15% e del 20% rispetto al 2020.

Abbonamento generale estivo - Peserà però il fatto che gli svizzeri potranno trascorrere nuovamente le loro vacanze all'estero, con un calo previsto del 3% degli ospiti confederati.

Per sostenere il turismo locale, Nydegger ha presentato una nuova offerta estiva sotto forma di un abbonamento generale, che permette ai visitatori di scoprire la Confederazione per un mese sui trasporti pubblici per undici franchi al giorno.

Lenta ripresa - Durante l'ultima stagione invernale, i pernottamenti sono diminuiti del 26,4% rispetto allo stesso periodo di un anno prima. Mentre la domanda estera è scesa del 70,1%, quella locale è aumentata del 16,5%.

Dalla primavera, si assiste a una ripresa: +47,1% in marzo e +801,8% in aprile. Gli enormi progressi si spiegano con il crollo dei pernottamenti dodici mesi prima a causa delle misure di semi confinamento. Rispetto al 2019, la domanda rimane timida, con un calo del 44% per marzo e di oltre un quarto per aprile.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mattiatr 1 mese fa su tio
Non c'è da stupirsi che alla gente non piacciano le città, personalmente non spenderei soldi per rimanere una settimana a Locarno (esempio). I centri per quanto possano essere ''carataristisci'' sono morti e sepolti, mancano di vitalità. Sempre a Locarno per esempio più che camminare non puoi fare, Ascona dopo le 22.00 fa paura, sembra un cimitero. Non sarebbe magari ora di rimuovere i prezzi d'affitto delle piazze, eliminare i permessi per le manifestazioni e allungare un po' l'orario di apertura dei bar fornendo un servizio bus oltre alle 24 di sabato sera?
Wunder-Baum 1 mese fa su tio
si, confermo, 1 settimana in campeggio e qualche giorno qua e là in Svizzera
seo56 1 mese fa su tio
Ma va 😂😂😂!! Che strano tutti quelli che conosco hanno già prenotato in Spagna, Italia, Croazia o Grecia.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-01 09:57:53 | 91.208.130.86