Reuters
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
47 min
Questo pesto potrebbe essere contaminato
Lidl richiama il prodotto del marchio Italiamo: potrebbe contenere ossido di etilene
FOTO
ZURIGO
1 ora
Attivisti a Zurigo: 83 fermi e alcuni manifestanti soccorsi
Il bilancio del sit-in che ha avuto luogo oggi nel centro finanziario, all'ingresso di alcune banche
SVIZZERA
1 ora
Questi salvagenti sono pericolosi
Decathlon richiama il prodotto della marca Nabaiji
SVIZZERA / THAILANDIA
2 ore
L'ultimo giorno di Cassis in Thailandia
Si conclude oggi la visita di Stato nel paese del sud-est asiatico. Consegnati anche gli aiuti umanitari per la pandemia
VAUD
2 ore
«Vogliamo abbattere due lupi»
Le autorità vodesi chiedono il permesso alla Confederazione a seguito della predazione di vari vitelli
VALLESE
3 ore
Infortunio sul lavoro: morto un trentenne
L'incidente si è verificato a Zermatt: l'uomo stava effettuando un intervento su una seggiovia
FRIBURGO
4 ore
Due soli candidati alla successione di Levrat
Consiglio degli Stati: sarà sfida a due tra il socialista Carl-Alex Ridoré e la centrista Isabelle Chassot.
VALLESE
4 ore
Evacuate le terme di Leukerbad, sei feriti
Una fuga di disinfettante ha scatenato il panico alle Alpentherme. Una persona elitrasportata in ospedale
SVIZZERA
4 ore
È stato un Primo Agosto (abbastanza) tranquillo
La polizia non ha dovuto intervenire molte volte durante la festa nazionale: «È stata una notte eccezionalmente calma».
SVIZZERA
5 ore
Covid in Svizzera, nel weekend 2'019 casi
L'Ufficio federale della sanità pubblica segnala anche 24 nuovi ricoveri e tre decessi
URI
6 ore
Axenstrasse riaperta
Da poco prima di mezzogiorno è nuovamente possibile percorrere il tratto stradale
SVIZZERA
15.06.2021 - 19:360
Aggiornamento : 21:47

«L'incontro di domani? Un segno di speranza»

Svizzera e Stati Uniti si tendono la mano per le sfide future che il mondo dovrà affrontare dopo la pandemia.

Questioni economiche e di formazione e ricerca, libero scambio e diplomazia sul tavolo dell'incontro tenutosi tra Guy Parmelin e Joe Biden.

GINEVRA - Dopo essere atterrato nel primo pomeriggio in una Ginevra blindatissima, il presidente americano Joe Biden ha raggiunto l'Intercontinental Hotel per un incontro a porte chiuse - durato una trentina di minuti - con il suo omologo Guy Parmelin e il Ministro degli Esteri Ignazio Cassis.

I temi sul tavolo - Nel colloquio le due delegazioni - presenti anche il Segretario di Stato a stelle e strisce Anthony Blinken e le segretarie di Stato elvetiche Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch e Livia Leu - hanno parlato di libero scambio, questioni economiche, di formazione e ricerca e ovviamente di diplomazia, visto che la Svizzera rappresenta gli interessi americani in Iran. 

«Clima costruttivo» - «Abbiamo discusso delle relazioni bilaterali tra Svizzera e Stati Uniti in un clima costruttivo», ha esordito il presidente della Confederazione alla fine del colloquio. I due Paesi, ha poi precisato Parmelin, intendono continuare le loro discussioni per sancire un accordo bilaterale di libero scambio. L'intesa, ha spiegato, permetterebbe infatti a Berna e Washington di ampliare ulteriormente le loro «fruttuose relazioni economiche».

Formazione e ricerca - Anche un accordo sulla formazione e sulla ricerca è stato tema di discussione: «Speriamo di concluderlo entro la fine dell'anno», ha precisato Parmelin, sottolineando il «grande interesse» mostrato da Biden per «l'espansione della cooperazione» a livello universitario. 

I jet - Biden ha da parte sua pubblicizzato i due jet da combattimento a stelle e strisce - l'F-35 Lightning fabbricato dalla Lockheed Martin e dell'F/A-18 Super Hornet della Boeing - in corsa per diventare i nuovi caccia della Confederazione. «Ma nessuna scelta è stata ancora presa», ha spiegato Parmelin precisando «di non aver fatto promesse» ma che la Svizzera «seguirà una procedura chiara» prima di compiere la propria decisione.

Situazione «complicata» con l'Iran - Durante la mezz'ora di discussioni, si è naturalmente trattato anche di diplomazia. Ignazio Cassis ha precisato che la situazione con l'Iran permane complicata. Gli Stati Uniti, secondo quanto detto dal responsabile del DFAE, vorrebbero fare «dei passi in avanti» per l'accordo nucleare, ma che non sussistano «grandi speranze» per una soluzione in tempi brevi. La Svizzera continuerà comunque nel suo lavoro per permettere il dialogo tra Stati Uniti e Iran.

Un incontro di «speranza» Il discorso si è poi inevitabilmente spostato sull'incontro di domani tra Joe Biden e Vladimir Putin che si terrà a Villa La Grange, magnifica magione risalente al diciottesimo secolo. «Speriamo che Stati Uniti e Russia possano trovare insieme soluzioni concrete che facciano del bene all'intera comunità mondiale così toccata dalla crisi pandemica», sottolinea il presidente della Confederazione che ha definito l'incontro come «un segno di speranza». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Wunder-Baum 1 mese fa su tio
speranza ? con quello che ci costa, spero che finalmente sara la volta buona ! mi consenta per l'osservazione schietta, ma gli investimenti devono dare frutti !
seo56 1 mese fa su tio
😂😂 sceneggiata napoletana in salsa russa-americana con il benestare della grande CH!!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-02 19:27:49 | 91.208.130.89