Immobili
Veicoli
Reuters
ULTIME NOTIZIE Svizzera
NEUCHÂTEL
29 min
Il branco aggredisce una 64enne
Un adolescente e due complici hanno colpito una donna con un sasso per poi rapinarla.
SVIZZERA
1 ora
Il Covid-19 non ferma il processo a Vincenz
Da domani l'ex presidente di Raiffeisen sarà alla sbarra per i reati (tra gli altri) di truffa e appropriazione indebita
VALLESE
3 ore
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
3 ore
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
VAUD
4 ore
Mormont, pene pecuniarie per gli attivisti
I cosiddetti "zadisti" erano accusati di violazione di domicilio e impedimento di atti dell'autorità
FOTO
SAN GALLO
6 ore
Sotto l'effetto di droga e alcol, ruba l'auto al compagno della madre
È successo domenica mattina a San Gallo. Il mezzo è stato abbandonato nelle vicinanze del domicilio
VALLESE
6 ore
Botte da orbi fuori dalla discoteca: due feriti
La rissa è scoppiata sabato mattina all'uscita di un locale di Sion.
SVIZZERA
6 ore
Un'inspiegabile impennata di epatite E
È stata registrata all'inizio del 2021. In tutto l'anno sono stati accertati 105 casi
ARGOVIA
6 ore
Alterco uomo-donna, 49enne gravemente ferito
La 32enne, che avrebbe usato violenza fisica sul malcapitato, è stata arrestata.
SVIZZERA
7 ore
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
7 ore
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
15.06.2021 - 19:360
Aggiornamento : 21:47

«L'incontro di domani? Un segno di speranza»

Svizzera e Stati Uniti si tendono la mano per le sfide future che il mondo dovrà affrontare dopo la pandemia.

Questioni economiche e di formazione e ricerca, libero scambio e diplomazia sul tavolo dell'incontro tenutosi tra Guy Parmelin e Joe Biden.

GINEVRA - Dopo essere atterrato nel primo pomeriggio in una Ginevra blindatissima, il presidente americano Joe Biden ha raggiunto l'Intercontinental Hotel per un incontro a porte chiuse - durato una trentina di minuti - con il suo omologo Guy Parmelin e il Ministro degli Esteri Ignazio Cassis.

I temi sul tavolo - Nel colloquio le due delegazioni - presenti anche il Segretario di Stato a stelle e strisce Anthony Blinken e le segretarie di Stato elvetiche Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch e Livia Leu - hanno parlato di libero scambio, questioni economiche, di formazione e ricerca e ovviamente di diplomazia, visto che la Svizzera rappresenta gli interessi americani in Iran. 

«Clima costruttivo» - «Abbiamo discusso delle relazioni bilaterali tra Svizzera e Stati Uniti in un clima costruttivo», ha esordito il presidente della Confederazione alla fine del colloquio. I due Paesi, ha poi precisato Parmelin, intendono continuare le loro discussioni per sancire un accordo bilaterale di libero scambio. L'intesa, ha spiegato, permetterebbe infatti a Berna e Washington di ampliare ulteriormente le loro «fruttuose relazioni economiche».

Formazione e ricerca - Anche un accordo sulla formazione e sulla ricerca è stato tema di discussione: «Speriamo di concluderlo entro la fine dell'anno», ha precisato Parmelin, sottolineando il «grande interesse» mostrato da Biden per «l'espansione della cooperazione» a livello universitario. 

I jet - Biden ha da parte sua pubblicizzato i due jet da combattimento a stelle e strisce - l'F-35 Lightning fabbricato dalla Lockheed Martin e dell'F/A-18 Super Hornet della Boeing - in corsa per diventare i nuovi caccia della Confederazione. «Ma nessuna scelta è stata ancora presa», ha spiegato Parmelin precisando «di non aver fatto promesse» ma che la Svizzera «seguirà una procedura chiara» prima di compiere la propria decisione.

Situazione «complicata» con l'Iran - Durante la mezz'ora di discussioni, si è naturalmente trattato anche di diplomazia. Ignazio Cassis ha precisato che la situazione con l'Iran permane complicata. Gli Stati Uniti, secondo quanto detto dal responsabile del DFAE, vorrebbero fare «dei passi in avanti» per l'accordo nucleare, ma che non sussistano «grandi speranze» per una soluzione in tempi brevi. La Svizzera continuerà comunque nel suo lavoro per permettere il dialogo tra Stati Uniti e Iran.

Un incontro di «speranza» Il discorso si è poi inevitabilmente spostato sull'incontro di domani tra Joe Biden e Vladimir Putin che si terrà a Villa La Grange, magnifica magione risalente al diciottesimo secolo. «Speriamo che Stati Uniti e Russia possano trovare insieme soluzioni concrete che facciano del bene all'intera comunità mondiale così toccata dalla crisi pandemica», sottolinea il presidente della Confederazione che ha definito l'incontro come «un segno di speranza». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Wunder-Baum 7 mesi fa su tio
speranza ? con quello che ci costa, spero che finalmente sara la volta buona ! mi consenta per l'osservazione schietta, ma gli investimenti devono dare frutti !
seo56 7 mesi fa su tio
😂😂 sceneggiata napoletana in salsa russa-americana con il benestare della grande CH!!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-24 19:11:35 | 91.208.130.89