tipress
ZURIGO
10.06.2021 - 19:100
Aggiornamento : 21:08

Focolai nelle case anziani nonostante il vaccino

I casi si moltiplicano, dentro e fuori i confini nazionali.

All'inizio non era chiaro perché potesse accadere. Gli studi dimostrano che vaccinarsi non significa avere una protezione totale.

ZURIGO - Chi si è vaccinato può tendenzialmente stare tranquillo, è protetto dal Covid. Tuttavia, questo non significa che non possa comunque contrarre il virus. Ciò vale soprattutto per gli anziani. Lo dimostrano i diversi focolai verificatisi in alcune case di cura nonostante le vaccinazioni effettuate.

A Zugo, ad esempio, nove residenti di una casa anziani sono stati contagiati nel febbraio 2021. Cinque di loro avevano ricevuto la seconda dose del vaccino Pfizer/Biontech due settimane prima. Ma questo non li ha protetti. 

In diverse case di cura tedesche si contano episodi simili. A Berlino, circa 20 residenti vaccinati e 11 infermieri non vaccinati sono stati infettati.

Efficacia in base all'età - Ma come è successo? Scienziati della ospedale Charité di Berlino hanno indagato sulla questione e hanno studiato l'epidemia nella loro città. La spiegazione data è tanto semplice quanto ovvia: la vaccinazione ha negli anziani un'efficacia minore rispetto ai giovani. Il loro sistema immunitario reagisce meno. Ecco spiegato - secondo i due studi pubblicati sulla rivista “Emerging Infectious Diseases” - il livello di protezione più basso. È quindi tanto più importante che gli accompagnatori e i visitatori siano vaccinati per proteggere i residenti delle case di cura. 

Risposta immunitaria differente - Un secondo studio ha esaminato la reazione immunitaria tra i pazienti di uno studio medico con più di 70 anni, e quella dei dipendenti della Charité di Berlino, con un'età media di 34 anni. Tre settimane dopo la prima vaccinazione, circa l'87 percento dei giovani avevano sviluppato gli anticorpi. Il valore scende al 31% circa tra gli anziani. La differenza è molto più lieve con il richiamo (99% nei giovani, 91% negli anziani).

«Lo studio mostra come nelle persone anziane la risposta immunitaria sia significativamente più lenta e non in grado di raggiungere il livello riscontrato nei vaccinati più giovani», riassume Leif Erik Sander su "T-Online", ricercatore specializzato in infettivologia e pneumologia a Berlino.

Più rischi per chi ha un sistema immunitario debole - Ulteriori studi dimostrano che le vaccinazioni contro il Covid funzionano meno bene nelle persone il cui sistema immunitario è rallentato dai farmaci, come annunciato giovedì dalla Commissione Permanente di Vaccinazione (Stiko) in Germania.

Ciò riguarda in particolare le persone che hanno subito un trapianto di organi o, in alcuni casi, i malati di cancro. «A seconda dell'entità dell'immunosoppressione e dei farmaci utilizzati, la risposta immunitaria è significativamente più bassa o addirittura nulla nonostante una vaccinazione completa», ha ammesso il presidente di Stiko, Thomas Mertens.

Ulteriori studi sono ancora in corso. Secondo Mertens, la domanda principale da porsi è quando le persone più fragili debbano ripetere la vaccinazione. In ogni caso, il rischio di infezione nel loro ambiente dovrebbe essere ridotto il più possibile attraverso il vaccino. «Questa è chiamata la strategia del bozzolo», ha spiegato il boss di Stiko.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-22 16:35:34 | 91.208.130.86