keystone-sda.ch (GIAN EHRENZELLER)
SVIZZERA
08.06.2021 - 12:140
Aggiornamento : 13:37

In alcuni Cantoni la disponibilità a vaccinarsi è in diminuzione

Un trend che preoccupa gli esperti: si rischia «che l'intera strategia di vaccinazione venga distrutta»

Fonte 20minuten / Bettina Zanni
elaborata da Fabio Caironi
Giornalista

ZURIGO - La campagna vaccinale è in pieno svolgimento in Svizzera: sono più di sei milioni le dosi già ricevute e ulteriori ingenti quantitativi arriveranno nelle prossime settimane. Inoltre, entrambe le dosi sono già state somministrare a 1,9 milioni di persone, all'incirca. Eppure è evidente come in alcuni cantoni l'offerta sia superiore alla domanda: molti sono riluttanti a farsi immunizzare dal Sars-CoV-2.

Vaccinazioni in calo - 20minuten ha interpellato le autorità sanitarie di Basilea Città, che hanno riferito che circa il 60% degli over 16 sono pronti a farsi vaccinare. «Sarebbe auspicabile una disponibilità alla vaccinazione del 70-80%» ha dichiarato Anne Tschudin, portavoce del dipartimento della Salute. Tra i titubanti ci potrebbe essere un certo numero di scettici, mentre altri stanno semplicemente aspettando di vedere gli effetti del vaccino su chi si è già sottoposto all'iniezione.

Anche nel Canton Turgovia le autorità hanno dovuto invitare la popolazione a vaccinarsi. Nel centro di Weinfelden, infatti, «la lista d'attesa è composta da relativamente poche persone e le richieste di appuntamenti sono in calo, ha spiegato Miriam Hetzel, portavoce della Cancelleria. Lo stesso trend è stato osservato dal monitoraggio "Covid Norms" dell'Università di Zurigo: nell'ultima settimana di maggio la disponibilità degli svizzeri a immunizzarsi è leggermente scesa. 

La preoccupazione degli esperti - Andreas Widmer, presidente del Centro nazionale per la prevenzione delle infezioni Swissnoso, è preoccupato per l'attuale riluttanza a farsi vaccinare: «Se la disponibilità a vaccinare diminuisce nei singoli cantoni, c'è un alto rischio» che nuove varianti possano diffondersi. In questo modo sarebbe impossibile raggiungere l'obiettivo dell'immunità di gregge (o di comunità, come altri la chiamano) fissato all'80% della popolazione elvetica. Si rischia quindi «che l'intera strategia di vaccinazione venga distrutta». Più tempo un virus resta in circolazione, più alto è il rischio di non raggiungere l'immunità di gregge. Preoccupa specialmente la variante Delta. 

Widmer auspica una serie di restrizioni di viaggio per chi non si è vaccinato. «Se non vuoi essere vaccinato, rimani in Svizzera o, come prima, devi sottoporti a un tampone molecolare prima della partenza». Se necessario, altre misure come la quarantena dovrebbero essere messe in atto. Le compagnie aeree, conclude l'infettivologo, dovrebbero essere obbligate a lasciare a terra coloro che non sono vaccinati.

L'Ufsp non è preoccupato - Tuttavia, l'Ufficio federale della sanità pubblica non è preoccupato. La portavoce Masha Foursova spiega che, secondo vari studi, la disponibilità a farsi immunizzare è aumentata negli ultimi mesi. La percentuale dei contrari al vaccino si attesta tra il 15 e il 20%. «Ci saranno sempre persone che decideranno contro la vaccinazione».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-31 14:31:46 | 91.208.130.85