Tamedia (immagine illustrativa)
SVIZZERA
07.06.2021 - 12:260

I ristoratori: «Ci manca personale»

Ma la Seco non ci sta: «Ci sono ancora molti disoccupati nel ramo»

BERNA - Botta e risposta fra i ristoratori e la Segreteria di stato dell'economia (Seco): i primi si lamentano per la carenza di personale, mentre l'autorità ritiene incomprensibile l'appunto e fa presente che vi sono ancora molti disoccupati nel ramo.

«Abbiamo grandi difficoltà a trovare buoni lavoratori qualificati» afferma Casimir Platzer, presidente dell'organizzazione di categoria Gastrosuisse, in dichiarazioni rilasciate all'agenzia Awp. Il problema sussisteva già prima della crisi del coronavirus, ma ora è diventato ancora più acuto. Una causa viene considerata la mancanza di dinamismo sul mercato del lavoro: ad esempio gli alberghi delle città, che non vanno ancora bene, usano tuttora lo strumento del lavoro a tempo ridotto. «I dipendenti interessati non sono quindi sul mercato e non cambiano impiego» spiega Platzer. Inoltre l'uno o l'altro dei dipendenti del ramo, dopo molti mesi confinamento, ha perso fiducia nel settore e ha cambiato comparto.

Da parte sua la Seco sembra avere poca comprensione per la posizione espressa da Platzer. Il direttore della divisione lavoro Boris Zürcher fa notare che quello della ristorazione è un settore tuttora con una disoccupazione superiore alla media: in maggio il tasso si attestava al 9%, con circa 16'000 persone senza lavoro. «Dati questi numeri, non riesco a capire le lamentele dei ristoratori» afferma Zürcher. «Non dovrebbe essere difficile reclutare personale.

L'alto funzionario 63enne - che è stato anche capoeconomista di AvenirSuisse, il laboratorio d'idee di matrice liberale - sottolinea inoltre che il ramo della ristorazione è stato un grande beneficiario del lavoro ridotto. «Questo strumento è stato usato così intensamente in modo che le persone fossero disponibili quando l'economia si sarebbe ripresa». È possibile che le imprese che hanno licenziato personale abbiano ora difficoltà a reclutarne di nuovo. «Ma chiunque sia ora alla disperata ricerca di lavoratori ha probabilmente commesso degli errori prima» conclude Zürcher.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-23 05:35:39 | 91.208.130.89