Deposit (archivio)
SVIZZERA
20.05.2021 - 11:280

Quando la giornata delle api funge da pretesto per lo scontro politico

Favorevoli e contrari alle iniziative agrarie si sono scontrati in nome di questo operoso insetto.

Gli apicoltori attaccano: «Situazione allarmante. L'agricoltura intensiva è un pericolo per metà degli insetti in Svizzera». I contadini ribattono: «Iniziative controproducenti e il testo sull'acqua potabile metterebbe a rischio le stesse api».

BERNA - La Giornata mondiale delle api, che ha luogo oggi, è stata sfruttata in Svizzera da favorevoli e contrari alle iniziative agrarie, in votazione il 13 giugno. I contadini si descrivono come protettori di questi insetti, mentre gli apicoltori lanciano l'allarme.

Un comitato di apicoltori, nel corso di una manifestazione odierna sulla Piazza federale a Berna, ha descritto la situazione delle api come allarmante: l'agricoltura intensiva uccide gli insetti impollinatori.

La metà di tutti gli insetti in Svizzera - non solo le api quindi - sarebbe minacciata. Sotto accusa sono in particolare sostanze come i neonicotinoidi, ma anche i fungicidi e gli erbicidi, che finiscono nell'acqua. Per tutti questi motivi il comitato degli apicoltori invita la popolazione ad approvare sia l'iniziativa "Acqua potabile pulita" che quella sui pesticidi.

Un doppio "no" dai contadini - Opposta la posizione dell'Unione svizzera dei contadini, che attraverso un comunicato stampa si oppone a entrambe le iniziative, considerate controproducenti.

Proprio il testo sull'acqua potabile metterebbe infatti in pericolo le api: attualmente - spiegano gli agricoltori - attraverso le sovvenzioni vengono messe a disposizione apposite aree per questi insetti, ma se l'iniziativa venisse approvata, tali finanziamenti sarebbero messi in discussione e quindi anche gli spazi per le api.

Anche api selvatiche - In occasione della Giornata mondiale, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) sottolineano che non ci sono solo le api da miele, ma anche quelle selvatiche, che svolgono un ruolo insostituibile come impollinatori di piante coltivate e spontanee. In Svizzera se ne contano più di 600 specie, ma con popolazioni in netto calo.

Sul territorio elvetico - continua l'UFAM - oltre un terzo delle specie di api presenti è strettamente legato a specifiche piante. La progressiva presenza di edifici, infrastrutture e terreni annessi, oltre che l'agricoltura intensiva, rendono difficile la sopravvivenza di queste api.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nicola1987 6 mesi fa su tio
Senza Api, non ci sarà più nulla, se invece mangio i prodotti agricoli di stagione, senza sovraccaricare i raccolti, possiamo vivere comunque. Secondo me, c’è da pensare
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-27 11:53:38 | 91.208.130.86