keystone-sda.ch (ANTHONY ANEX)
SVIZZERA
27.03.2021 - 09:200

Diritti delle donne: «La pandemia mette in pericolo i progressi fatti»

Le parole del consigliere federale Alain Berset alla Commissione delle Nazioni Unite

BERNA / NEW YORK - «I progressi fatti negli ultimi decenni nell'ambito dell'uguaglianza di genere e dei diritti delle donne sono messi in pericolo dall'attuale crisi sanitaria». Lo ha dichiarato il consigliere federale Alain Berset durante la 65a sessione della Commissione delle Nazioni Unite sulla condizione delle donne (CSW) che si è conclusa ieri sera a New York.

Per impedire che ciò accada, ha proseguito Berset, «dobbiamo fare affidamento sull'impegno della comunità internazionale». Il ministro dell'interno ha inoltre espresso preoccupazione sul fatto che, secondo stime dell’ONU, 47 milioni di donne nel mondo rischiano di scivolare nella povertà estrema a causa della pandemia di Covid-19.

Negoziati «particolarmente impegnativi»
In una nota, il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) afferma che quest'anno i negoziati sulla dichiarazione finale della CSW sono stati «particolarmente impegnativi». Divergenze sono state espresse su temi come «la salute sessuale e riproduttiva e il rispetto dei diritti connessi, la violenza di genere, i diritti umani, le forme di famiglia e l'educazione sessuale».

Malgrado ciò, è stato possibile raggiungere una dichiarazione finale congiunta. Per il DFAE è «un grande successo».

Più in generale, prosegue il DFAE, se da un lato si osserva un movimento mondiale delle organizzazioni della società civile e dei giovani a favore dell'uguaglianza di genere, dall'altro si inaspriscono le posizioni degli Stati critici nei confronti dei diritti delle donne.

In questo contesto «la Svizzera deplora il ritiro della Turchia dalla Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul)», annunciato durante la CSW. La Confederazione, precisa il DFAE, ha partecipato attivamente all'elaborazione della Convenzione, che ha ratificato e alla quale «attribuisce una grande importanza».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Um999 4 mesi fa su tio
Non è la pandemia che mette in pericolo i progressi sui diritti delle donne, ma le azioni intrapresi dal governo contro la pandemia... mettiamo per favore i buoi davanti al carro. Bravi sti politici nell’interpretare i fatti.
pillola rossa 4 mesi fa su tio
Ridi cul
gigipippa 4 mesi fa su tio
Purtroppo è vero, quando ti ritrovi con un capo macho e bullista a farne le spese è la donna cinquantenne, rimpiazzata con la giovane ventenne. Non sono una vittima, solamente un testimone.
Tato50 4 mesi fa su tio
Non ho nulla contro le donne, anzi, ma in questo momento non dovresti occuparti d'altro, visto che quel poco che hai fatto lo hai fatto pure male ???
ceresade36@gmail.com 4 mesi fa su tio
????? Perche ??
seo56 4 mesi fa su tio
Ma va!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-27 13:48:09 | 91.208.130.89