SVIZZERABambini in affidamento: bisognerà ascoltare la loro opinione

22.01.21 - 12:02
In Svizzera sono circa 18mila i bambini con genitori affidatari. Che ora avranno diritto anche a"una persona di fiducia"
Deposit - foto d'archivio
Fonte ats
Bambini in affidamento: bisognerà ascoltare la loro opinione
In Svizzera sono circa 18mila i bambini con genitori affidatari. Che ora avranno diritto anche a"una persona di fiducia"
L'attuazione delle 42 raccomandazioni potrebbe comportare adeguamenti giuridici e organizzativi nei cantoni, che sceglieranno come e quando.

LUCERNA - I bambini in affidamento dovranno avere più voce in capitolo quando vengono collocati fuori dalla loro famiglia. È una delle principali raccomandazioni emanate congiuntamente dalla Conferenza dei direttori cantonali delle opere sociali (CDOS) e dalla Conferenza per la protezione dei minori e degli adulti (COPMA).

In Svizzera sono circa 18mila i bambini che vivono con genitori affidatari: un terzo di questi collocamenti non sono consensuali, sono infatti ordinati dalle autorità. La loro condizione è stata esaminata sull'arco di due anni dalla CDOS e dalla COPMA, che ora hanno emanato una serie di 42 raccomandazioni.

I cantoni vengono ad esempio esortati a garantire che il benessere di bambini e adolescenti in affidamento venga considerato come punto principale prima, durante e dopo il collocamento. Ciò comporta tra l'altro una corretta informazione dei piccoli e l'ascolto della loro opinione. Bambini e adolescenti devono inoltre «avere sistematicamente una persona di fiducia al loro fianco».

Le due conferenze hanno così reagito alle critiche mosse alle pratiche del passato in questo settore e ai richiami presentati dal Comitato ONU sui diritti dell'infanzia in Svizzera. In una nota congiunta, si precisa che si è voluto trarre lezione dal passato: una prassi come quella precedente al 1981, quando i collocamenti forzati erano una realtà nella Confederazione, non è più concepibile oggi.

L'attuazione delle raccomandazioni potrebbe comportare adeguamenti giuridici e organizzativi nei cantoni. Spetta ora ai singoli cantoni decidere come e con che agenda temporale applicarle.

COMMENTI
 
Volpino. 2 anni fa su tio
Fino all'età scolastica non vengono comunque ascoltati dai psicologi e per il resto i bambini piccoli hanno la tendenza di ripetere sempre la seconda parola. Esempio: Mamma è buona o cattiva? Il bambino piccolo con alta probabilità risponderà cattiva. Invertendo però la domanda si ottiene il contrario della prima affermazione, ovvero buona. Idem per i papà.
NOTIZIE PIÙ LETTE