Immobili
Veicoli
Keystone/TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
9 min
«La Lex Netflix ignora completamente il consumatore»
Si voterà il 15 maggio 2022. Il referendum era promosso dalle sezioni giovanili di UDC, PLR e Verdi liberali
SVIZZERA
43 min
In aumento i contagi, ma ricoveri e decessi sono in calo
È quanto emerge dal confronto settimanale dell'Ufficio federale della sanità pubblica
BERNA
1 ora
Mister Dati raccomanda la pubblicazione dei contratti per i vaccini
L'UFSP si è finora opposto alla pubblicazione affermando che l'approvvigionamento non è ancora stato completato
SVIZZERA
2 ore
In Svizzera quasi 40mila casi in un giorno
Continua a salire il numero dei contagi. Il bollettino dell'UFSP
SAN GALLO
2 ore
Con le armi softair, sparavano contro una fermata del bus
Due giovani sono stati denunciati a San Gallo. Mercoledì sera sono stati trovati in possesso di armi e munizioni
GRIGIONI
3 ore
«Solo la variante Delta nelle terapie intensive grigionesi»
Il medico cantonale ha fatto il punto della situazione: «C'è una certa stabilizzazione dei contagi, ma ad alto livello».
BERNA
4 ore
Covid: ottimizzazione della gestione del sostegno allo sport
La Confederazione ha sostenuto lo sport svizzero con diversi pacchetti di aiuti finanziari.
VAUD
5 ore
Il pirata della strada di Ollon si è costituito
Tre giorni dopo l'incidente l'uomo si è presentato spontaneamente alla centrale di polizia con il proprio avvocato.
ZURIGO
5 ore
Più comfort per i passeggeri sugli A320neo di Swiss
La compagnia è pronta a decollare con velivoli dagli spazi interni rinnovati
VALLESE
6 ore
Cade nel frantumatore di rocce e muore
Incidente mortale ieri pomeriggio in una cava di ghiaia a Zermatt. La vittima è un 31enne vallesano.
GINEVRA
6 ore
Croce Rossa nel mirino degli hacker
Nell'ambito di un vasto cyberattacco sono stati rubati i dati di 515'000 persone
SVIZZERA
7 ore
Persone LGBTQI mobbizzate sul lavoro: «Un problema anche qui»
La questione è poco esplorata in Svizzera. Roman Heggli di Pink Cross: «Servono linee guida precise per le aziende»
CANTONE / SVIZZERA
20.01.2021 - 19:020
Aggiornamento : 21.01.2021 - 07:43

Le nuove varianti circolano, la Svizzera dovrebbe intervenire?

Per il dottor Andreas Cerny il prossimo passo è la chiusura dei comprensori sciistici

Ma anche intervenire sulle scuole «non dovrebbe essere più tabù».

Fonte 20 Minuten / Daniel Graf
elaborata da Jenny Covelli
Giornalista

LUGANO - Le varianti del coronavirus fanno paura. Anche se i dati nel nostro cantone e in Svizzera appaiono più bassi rispetto a un mese fa, l’elevata contagiosità delle nuove varianti è capace di far scoppiare grossi focolai. Come nei due hotel di lusso messi in quarantena a St. Moritz. O il caso della donna rientrata in Belgio con il coronavirus da una vacanza sulla neve in Svizzera, che ha causato la quarantena di 5’000 persone per non avere rispettato i provvedimenti delle autorità. O l’intera scuola messa in quarantena a Morbio Inferiore. Le misure e i piani di protezione finora in atto non sono più efficaci con le nuove varianti del Covid-19 in circolazione? 20 Minuten lo ha chiesto al dottor Andreas Cerny, specialista di malattie infettive e direttore dell’Epatocentro Ticino.

Perché le nuove varianti sono così contagiose?
«Stando a quanto si sa finora, il virus è mutato nella proteina che gli consente di attaccarsi alla cellula umana e di penetrarvi più facilmente. È per questo che il virus si diffonde più velocemente, anche tra i bambini. Si presume che il 10% delle nuove infezioni in Svizzera siano causate dalle nuove varianti».

I concetti di protezione adottati finora, quindi, non sono più sufficienti?
«Non è da escludere che ad esempio le mascherine offrano una protezione minore se il virus è presente nell’aerosol con particelle minuscole sospese in aria in ambienti chiusi. Pensando agli hotel, diverse persone si incontrano continuamente, in ascensore o negli spazi adibiti ai pasti. E i test di massa non sono infallibili: chi risulta negativo all’arrivo in hotel potrebbe non esserlo ugualmente qualche giorno dopo e contagiare altri. Basta una persona infetta per contagiarne molte in un albergo». 

Quindi cosa bisognerebbe fare?
«Penso non abbia senso chiudere bar e ristoranti e poi lasciare aperte le strutture alberghiere nei comprensori sciistici (e le loro aree per pranzo e cena). È vero che sulle piste il rischio di contrarre il virus sciando è molto basso, ma il problema risiede in tutto ciò che vi ruota attorno: il viaggio verso le piste, l’hotel, le cabinovie. Ecco perché dovrebbero chiudere».

E perché non intervenire sul distanziamento sociale? O l’uso delle mascherine?
«Finora non è ancora stato provato che utilizzare le FFP2 rallenterebbe i contagi da nuove varianti. Inoltre, la disponibilità di questo prodotto non è nota e non si vuole rischiare che poi vi sia carenza nelle unità di terapia intensiva degli ospedali».

Anche le scuole vengono sempre più colpite da focolai. È tempo di pensare anche alla loro chiusura?
«Penso di sì. Bisognerebbe comportarsi come in primavera. Iniziare vietando il canto e l’educazione fisica, così come tenere le lezioni in forma “ibrida” (metà classe alla volta). E a dipendenza di come evolverà la situazione epidemiologica, la chiusura totale delle scuole non dovrebbe essere considerata tabù».

C’è il rischio che il sistema di contact tracing entri nuovamente in crisi?
«Penso lo sia già in molti cantoni. Ora bisogna rintracciare anche i contatti dei contatti e si tratta di uno sforzo enorme».

È il caso che il nostro paesi ripensi la sua intera strategia per combattere il Covid-19?
«La campagna di vaccinazione partita nelle case anziani consentirà di evitare molti decessi e questo è un aspetto molto positivo. La Svizzera in questi 11 mesi ha continuamente rivisto la sua strategia, anche commettendo degli errori. Soprattutto, non sono stati fatti investimenti nella ricerca. L’obiettivo ora è tornare più in fretta possibile alla normalità e in questo può aiutarci il vaccino».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-20 16:09:10 | 91.208.130.86