Keystone
Il capo della Sezione gestione delle crisi Patrick Mathys. 
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
6 sec
Brienz scivola sempre più giù
Il paesino si sta spostando verso il basso di 1,6 metri all'anno. Un ritmo mai registrato da inizio delle misurazioni.
SVIZZERA
8 min
Mobility pricing: i partiti sostengono i progetti pilota
Per il modello proposto dal Governo federale c'è però il malcontento di UDC e TCS
BERNA
14 min
Variante indiana: inglesi a rischio quarantena
Nel Regno Unito la revoca delle misure anti Covid è messa a repentaglio della nuova mutazione.
BERNA 
1 ora
Casse malattia: nel 2020 calo dei reclami
Complessivamente sono stati inoltrati 4457 dossier, rispetto ai 4968 del 2019.
SAN GALLO
1 ora
Bandiere arcobaleno distrutte, l'ira della comunità LGBTQ+
Sconosciuti al momento gli autori del gesto
SVIZZERA
1 ora
In Svizzera altri 2650 casi nel weekend
Sono 8 i decessi confermati in laboratorio. I dati dell'UFSP
GRIGIONI
2 ore
Abbonamenti sciistici offerti ai politici, al via l'inchiesta
Le possibili imputazioni sarebbero concessione e accettazione di vantaggi. Si tratterebbe di un segreto ormai arcinoto.
FOTO
ZURIGO
2 ore
Sgombero forzato, prima spara e poi si toglie la vita
Uno sfratto è finito in tragedia questa mattina nel settimo distretto della Città di Zurigo.
SVIZZERA
3 ore
Tratta di essere umani da record in Svizzera
I numeri del 2020 hanno superato il precedente primato fatto registrare nel 2019: i casi sono più di 300.
SVIZZERA
3 ore
Orientamento sessuale: un'aggressione ogni settimana
Sono 61 le violenze, tra fisiche e verbali, registrate lo scorso anno in Svizzera.
SVIZZERA
4 ore
Morta nel Reno per colpa di una mail
Accusa di omicidio colposo per l'organizzatore dell'immersione costata la vita a una sub 29enne
SVIZZERA
4 ore
Telecamere nei centri d'asilo per scongiurare le violenze
I dispositivi saranno installati all'esterno e interno delle strutture per migliorare la sicurezza dei richiedenti.
FOTO
TURGOVIA
5 ore
Stalla distrutta, ma i cavalli sono in salvo
Nell'incendio di questa notte ad Andwil nessuno è rimasto ferito e anche gli animali - una dozzina - sono stati salvati.
BERNA
5 ore
Covid, parte la campagna #iomifacciovaccinare
Il concetto che vuole passare con l'iniziativa dell'UFSP è che immunizzarsi aiutera a tornare alla normalità.
BERNA
6 ore
Un burger su sei è vegetale
Il commercio al dettaglio ha quasi raddoppiato la cifra d’affari relativa a preparati a base di soia e ad altri prodotti
BERNA
6 ore
Assicurazione di base: dominano Helsana e CSS
La prima ha guadagnato quasi 300'000 assicurati dal 2016.
BERNA
6 ore
La pandemia frena le condanne
La contrazione maggiore riguarda le violazioni alla legge sugli stranieri e la loro integrazione.
SVIZZERA
6 ore
200 nuovi impieghi per Decathlon
Entro la fine del prossimo anno la forza lavoro supererà le 1000 unità
ARGOVIA
7 ore
Ristorante avvolto dalle fiamme
Nonostante l'intervento dei pompieri l'edificio è andato distrutto
GINEVRA
18 ore
La piattaforma per il test del Covid "spiffera" i dati personali: a rischio migliaia di assicurati
La falla è stata identificata a Ginevra, ma tocca potenzialmente tutti i residenti in Svizzera.
SVIZZERA
23 ore
L'estate porterà il vaccino agli adolescenti
Sembra essere imminente l'approvazione del preparato Pfizer/BioNTech per i giovani tra i 12 e i 15 anni
FRIBURGO
1 gior
Incidente al passaggio a livello, 26enne in ospedale
La donna è finita contro il palo della barriera del passaggio, che in quel momento era alzata.
SVIZZERA
29.12.2020 - 14:140
Aggiornamento : 18:25

«I numeri restano alti. Non possiamo essere ottimisti»

Gli esperti della Confederazione hanno fatto il punto sull'andamento della pandemia e sui vaccini.

Sotto la lente anche le temute mutazioni. Mathys: «Attualmente in Svizzera ci sono cinque casi della variante britannica e due di quella sudafricana». Ackermann: «L'obiettivo è testare sempre di più, soprattutto nelle zone in cui sono già state rilevate».

BERNA - La distribuzione dei vaccini. La tanto temuta variante britannica. Le discusse stime del tasso di riproduzione del virus. E i numeri relativi a contagi, ospedalizzati e decessi che non accennano a diminuire. Gli esperti della Confederazione - nella consueta conferenza stampa da Berna - fanno il punto sull'andamento della pandemia nel nostro Paese anche in vista di un Capodanno che si preannuncia già sin d'ora blindato. 

Il primo a prendere la parola è il capo della Sezione gestione delle crisi dell'Ufsp Patrick Mathys che si è espresso sulla situazione epidemiologica nel nostro Paese. «Durante le festività i numeri sono diminuiti come previsto. Ma non possiamo ancora essere ottimisti in quanto essi restano ancora troppo alti», sottolinea Mathys, rivelando le cifre odierne: 4'197 infezioni, 220 ricoveri e 131 decessi.

 Cinque casi della variante britannica - Il capo della Sezione gestione delle crisi ha poi aggiornato le cifre riguardo alle nuove varianti del virus: «Attualmente in Svizzera abbiamo rilevato cinque casi della variante britannica e due di quella sudafricana. Al momento non ci sono prove che queste mutazioni siano diffuse nel nostro Paese, ma ovviamente supponiamo che ci siano ulteriori infezioni di cui ancora non siamo a conoscenza». Mathys ha poi precisato l'importanza di muoversi subito per contrastare la diffusione di queste due varianti. «Dobbiamo reagire ora che i numeri sono bassi. L'obiettivo è rallentare la diffusione e prendere tempo».

Un Capodanno diverso - Mathys ha in seguito parlato dei festeggiamenti per Capodanno. «A Natale ho visto soluzioni commoventi per festeggiare comunque ma rispettando le misure in vigore per lottare contro il coronavirus. Lo stesso andrà fatto per Capodanno. Sarà possibile festeggiare ma a distanza e senza baci e abbracci».

«Dati non chiari» - Anche la vicepresidente dell'Associazione dei medici cantonali, Linda Nartey si è espressa sulla situazione epidemiologica. «I dati attuali non dipingono un quadro chiaro della situazione poiché durante le festività sono stati effettuati meno test». La dottoressa però si è detta preoccupata delle nuove varianti e della loro maggior infettività e ha nuovamente ricordato alla popolazione quanto sia importante sottoporsi a un tampone appena appaiono i primi sintomi.

Settimi per morti - Martin Ackermann, capo della task force nazionale Covid-19, parla invece della mortalità: «In media un'ottantina di persone muoiono ogni giorno in Svizzera per complicazioni legate al coronavirus. Considerata la nostra popolazione, siamo al settimo posto al mondo», rileva l'esperto. «È essenziale - ha insistito - continuare ad applicare le misure di protezione abituali». Ovvero limitare i contatti, rispettare la cosiddetta distanza sociale e lavarsi le mani. I vaccini sono per Ackermann motivo di speranza ma prima il Paese deve uscire dalla «zona a rischio» e creare un margine di sicurezza nel caso in cui i fattori si aggravino.

«Effettuare più test» - Per questo uno dei principali obiettivi della task force è quello di ridurre il più possibile la diffusione della variante inglese che essendo maggiormente contagiosa, potrebbe far aumentare le infezioni. In Gran Bretagna dove la variante è già bene presente, i ricoveri in ospedale sono infatti raddoppiati nel giro di una settimana. Per questo per Ackermann sarà fondamentale impedire la diffusione incontrollata della mutazione: «L’obiettivo generale della task force resta quello di dimezzare il numero dei casi ogni due settimane». Per fare questo fondamentale sarà «testare ancora di più, soprattutto nelle zone in cui sono già state rilevate le mutazioni». Altrettanto importante sarà «intensificare il tracciamento a ritroso» e «sequenziare il maggior numero possibile di campioni per rilevare la nuova variante». 

Esercito sempre impegnato - L'ultimo a prendere la parola è il brigadiere Raynald Droz che ha fatto il punto sul dispiegamento dell'esercito. «Abbiamo completato 24 interventi. Attualmente 140 militi sono ancora attivi negli ospedali, per lo più come volontari. Durante questa seconda ondata abbiamo previsto circa 25'000 giornate lavorative a sostegno dei nosocomi svizzeri». La disponibilità, precisa Droz, è garantita almeno fino al 31 marzo. «Stiamo seguendo il numero delle infezioni molto da vicino. I prossimi mesi saranno ancora difficili». L'esercito ha pure ricevuto il compito di consegnare le dosi dei vaccini.

All'odierno punto informativo sono presenti:

  • Patrick Mathys, capo della Sezione gestione delle crisi e collaborazione internazionale dell'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp)
  • Martin Ackermann, capo della task force nazionale Covid-19
  • Brigadiere Raynald Droz, capo di stato maggiore del Comando operazioni
  • Linda Nartey, vicepresidente dell'Associazione dei medici cantonali
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 4 mesi fa su tio
Non ci sono alternative a un altro lookdown. Inutile menarsela con dichiarazioni da spiziee. Si gioca con la salute dei cittadini, il virus gira alla massima velocità , gli ospedali sono al limite e la gente muore. Vanno chiuse le scuole e tutte le attività non indispensabili , per almeno 3 settimane. Poi vediamo se i contagi non diminuiscono. La gente ha ripreso a fregarsene e a fare quello che vuole senza troppe precauzioni.
Volpino. 4 mesi fa su tio
@vulpus In effetti la gente sembra diventata ambivalente e fatalista nei confronti delle raccomandazioni delle autorità. Incomincia a fregarsene se positivi o no e non vede l'ora di andare nei centri commerciali a cercare saldi attraenti, a volte anche con bambini piccoli senza mascherine di fronte alla nuova versione inglese o sudafricana in circolazione che colpisce di più i bambini.
Volpino. 4 mesi fa su tio
Mi ricordo che durante la conferenza stampa di fine novembre la sua collega aveva detto che l'obbiettivo entro fine anno è di raggiungere al massimo 500 nuove infezioni al giorno. Così purtroppo non va più, bisogna per forza ordinare un secondo lockdown. Per quelli che non la vogliono capire la teoria della relatività l'ha già inventata Einstein.
Luca 68 4 mesi fa su tio
e piantiamola di dire che muore solo persone anziane, non è vero, e anche se fosse non dimentichiamo che gli anziani di oggi sono quelli che anno costruito la nostra società, credo ci voglia un po'più di rispetto
Luca 68 4 mesi fa su tio
Don quijot, la situazione è sotto controllo quando i numeri scendono, non mi sembra sia il caso
Biaggi 4 mesi fa su tio
Buffoni
Sonya 4 mesi fa su tio
Pagliacci
Amir 4 mesi fa su tio
Lasciate entrare è uscire cani e porci e poi avete il coraggio di dire a noi niente baci e abbracci...come diceva il famoso Totò..ma mia faccia il piacere...
Biaggi 4 mesi fa su tio
@Amir Pura verità
Tato50 4 mesi fa su tio
A quello in foto, nemmeno a pagarmi -))
Luca 68 4 mesi fa su tio
la situazione non mi sembra sotto controllo, con oltre 4000 casi al giorno, poi sé circola la nuova variante, direi che siamo in alto mare, con le piste da sci aperte e quindi l'unico svago, la gente è tutta sulle piste, personalmente credo che dopo la metà di gennaio i casi saliranno ancora di più, poi si dirà che non si doveva aprire. berse e compagni di diranno stupiti. credo di più ai medici e sempre meno ai politici
Don Quijote 4 mesi fa su tio
@Luca 68 Allora secondo te quale sarebbe il numero di casi dove possiamo dire di avere la situazione sotto controllo, 300, 1'000 o 6'000 come nell'influenza del 2015? Tiro fuori quest'anno perché è quello più paragonabile al 2020 per morti d'influenza che, in Svizzera ha raggiunto 4'600 vittime contro le circa 7'000 di quest'anno, supponendo che il metro per definire la causa di morte, quanto hanno pesato sulla bilancia le malattie pregresse e l'età e quanto la concausa CV19 rispettivamente influenza ordinaria. Per me il problema centrale rimane la pressione sulle strutture ospedaliere, nettamente sottodimensionate da parecchi anni per una popolazione di ultraottantenni sempre più numerosa e fragile. Tutti gli anni si arriva al limite dell’occupazione letti durante il periodo influenzale, certo per un periodo più limitato, ma è bastato ben poca cosa, non si tratta della peste bubbonica né della spagnola che colpiva indiscriminatamente tutti, siamo pur sempre davanti al solito problema dell’influenza stagionale con gli over 80, aggravato dal fatto che manca la vaccinazione del solito milione di persone a rischio o a contatto. Se non hanno fatto buca con il vaccino, una volta vaccinata la solita percentuale di popolazione, i numeri dovrebbero rientrare in quella normalità che si muore ugualmente ma non frega niente a nessuno.
Moga 4 mesi fa su tio
@Don Quijote Certo che se conti come morti per covid anche terminali di cancro, infarti e ictus fai presto a fare la cifra. I tamponi danno oltre l'80% di falsi positivi!
Meiroslnaschebiancarlengua 4 mesi fa su tio
Se ci si basa sulla foto, questi giorni Mathys a fatto fuori la scorta di vino prevista per natale, capodanno e l'epifania (per lui e per tutta la famiglia).
Volpino. 4 mesi fa su tio
Berset qualche giorno fa dice che la situazione è sotto controllo, Mathys in un certo senso lo smentisce affermando che la situazione non è del tutto rosea. Penso che è definitivamente giunta l'ora che i partiti borghesi sostengono Berset, o si sta forse mettendo in gioco la formula magica al CF?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-17 15:35:12 | 91.208.130.87