Salvati 1'700 uccellini
Stazione ornitologica svizzera
SVIZZERA
29.12.2020 - 08:470
Aggiornamento : 09:10

Salvati 1'700 uccellini

Un altro anno da record per il centro di cura della Stazione ornitologica di Sempach

SEMPACH - A fine anno, anche il centro di cura della Stazione ornitologica fa il punto della situazione. Per la cura degli uccelli a Sempach, il 2020 è stato il secondo anno record di fila dopo il 2019. Quest'anno sono stati consegnati circa 1'700 uccelli feriti, indeboliti o orfani. Ben 200 in più rispetto all'anno scorso. L’aumento è in parte dovuto alla maggiore attenzione delle persone a causa delle condizioni insolite di quest'anno. La scorsa primavera anche un numero particolarmente elevato di persone si è rivolto alla Stazione ornitologica svizzera con domande sugli uccelli.

Quasi la metà degli uccelli sfortunati accolti dal centro di cura erano giovani. Tra gli arrivi, però, c'erano anche numerosi uccelli feriti che erano stati trovati da persone attente e portati
qui. Gli uccelli ricevono cure professionali e dopo la guarigione vengono rimessi in libertà. Tuttavia, alcuni di loro hanno lesioni talmente gravi che non hanno alcuna possibilità di
recupero nonostante il trattamento.

Le lesioni si verificano spesso quando gli uccelli volano contro una vetrata o un veicolo. Le collisioni con il vetro sono uno dei maggiori problemi per la protezione degli uccelli nelle aree urbane. Molti feriti e morti potrebbero essere evitati se durante la costruzione di un edificio fossero prese delle precauzioni e se i vetri esistenti fossero resi visibili agli uccelli con delle marcature.

Come già l’anno scorso, la passera europea e il merlo sono state le specie di uccelli più frequentemente accolte. Al terzo posto c’è il rondone comune, tra cui molti giovani che sono caduti dai loro nidi in cerca di refrigerio nelle calde giornate estive. I rondoni si riproducono spesso direttamente sotto i tetti delle case; con il sole estivo la temperatura del nido può aumentare enormemente.

Rispetto ai mesi primaverili ed estivi, quando il cinguettio e i richiami dei numerosi pazienti piumati è un rumore di fondo costante, l'inverno è molto più tranquillo nel centro di cura. Ciononostante, ci sono ancora pazienti pennuti da curare, che si spera possano essere liberati nel nuovo anno.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-20 15:24:08 | 91.208.130.89