keystone
SVIZZERA
25.11.2020 - 06:380
Aggiornamento : 10:19

«L'Italia non può dirci di chiudere»

Pressioni dalla Penisola per chiudere le piste da sci anche in Svizzera. Ma i gestori nostrani non ci stanno

Fonte 20 Minuten/Dominic Benz
elaborata da Davide Illarietti
Giornalista

BERNA - Chiudere le piste da sci per evitare una terza ondata. L'Italia lo ha fatto e - stando a quanto scrive La Repubblica - avrebbe avviato dei contatti con i paesi vicini, Svizzera compresa, per invitarli a fare lo stesso. Una proposta che non piace ai gestori d'impianti elvetici.

«L'Italia non ha chiuso le spiagge durante l'estate» ha commentato a tio.ch/20minuti il presidente della Federazione svizzera del turismo, Niccolò Paganini. «Non vedo perché adesso debbano dirci cosa fare».

Certo una eventuale "fuga" di sciatori italiani sulle montagne elvetiche - vista la chiusura della stagione invernale oltre confine - sarebbe una buona notizia per il turismo.

«Siamo pronti ad accoglierli in sicurezza» assicura Berno Stoffel: il presidente di Funivie Svizzere esclude che si possa arrivare a un "accordo alpino" per il blocco degli impianti. «Se ne era già parlato durante l'estate, ma con un nulla di fatto. Berna ha approvato i nostri piani di protezione, è irrealistico tornare indietro». 

Contattato da tio.ch/20 minuti, il Dipartimento Federale degli Affari Esteri (DFAE) conferma però che «fino a questo momento l'Italia non ha ancora formalmente richiesto la chiusura degli impianti».


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 15:29:12 | 91.208.130.86