Tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
14 min
Lontani dal fisco e dal freddo ecco i paradisi dei pensionati
Quali sono le mete fiscalmente allettanti per trascorrere la vecchiaia? Ecco dove conviene andare per il "buen retiro"
VIDEO
SVIZZERA
7 ore
Quando l'educazione viene impartita (anche) con la violenza
Le punizioni corporali e psicologiche fanno purtroppo parte della quotidianità di alcune famiglie
SVIZZERA
10 ore
Scarpe di King Roger in tv: fu pubblicità occulta
Il caso risale allo scorso luglio, durante la trasmissione "Sportpanorama Plus" della SRF
ZURIGO
11 ore
Al Telefono amico il "Prix courage Lifetime Award"
Il premio è stato consegnato per celebrare gli oltre 60 anni di aiuto telefonico.
SCIAFFUSA
11 ore
Rissa presso un distributore, grave un 64enne
L'uomo è rimasto ferito durante una colluttazione con un 34enne
VALLESE
14 ore
Lettera sospetta alla Cancelleria: conteneva amido
La polverina era stata inclusa in una missiva nella quale erano criticate le norme anti coronavirus.
SVIZZERA
14 ore
Over 65 soddisfatti della loro situazione finanziaria
Gli ultra sessantacinquenni fanno affidamento su riserve, come emerge da uno studio dell'UST
ZURIGO
14 ore
Infantino ha il Covid
Il numero uno della Fifa avrebbe «sintomi lievi» ed è in auto-isolamento
SVIZZERA
14 ore
Condanne sospese per Blancho e Illi
Sono stati riconosciuti colpevoli di propaganda proibita in favore di Al Qaida
SVIZZERA
15 ore
Cioccolato dolce, lacrime amare: la pandemia si fa sentire
Chocosuisse si dichiara preoccupata per i posti di lavoro e chiede regolamentazioni più favorevoli
SVIZZERA
16 ore
In città gli incidenti fanno più male
Lo dice il rapporto Sinus. E i numeri non piacciono all'Upi
GRIGIONI
16 ore
Ammonimento per il presidente della corte retica
Brunner non era mai incorso in altri casi di violazione dei doveri d'ufficio.
SVIZZERA
16 ore
Migros aumenta i salari nel 2021: fino a +0,5%
«Siamo lieti di aver trovato un accordo in questa situazione complicata» ha detto Sarah Kreienbühl, della Direzione
SVIZZERA
16 ore
PostFinance taglia 130 posti di lavoro, ma ne crea 80 nuovi
La ristrutturazione è dovuta alla trasformazione digitale dell'azienda
SVIZZERA
16 ore
«Non stiamo reagendo come lo scorso mese di marzo»
Come ogni martedì, un gruppo di esperti della Confederazione risponde alle domande dei giornalisti.
SVIZZERA
17 ore
Addio PPD, benvenuta Alleanza del Centro
Il 60,6% degli affiliati ha votato per il cambiamento di nome, ma manca il voto dell'assemblea dei delegati
SVIZZERA
17 ore
General Electric vuole sopprimere altri 80 posti in Svizzera
Una decisione definitiva sarà presa alla conclusione della procedura di consultazione a livello europeo e svizzero
SVIZZERA
19 ore
In Svizzera 167 ricoveri, e 16 morti
Si aggrava il bilancio dell'epidemia. Il barometro dell'Ufsp registra 5.949 nuovi positivi
SAN GALLO
19 ore
Assassinio al centro asilanti: sedici anni di carcere
Condannato un 35enne algerino che nel 2018 uccise a coltellate un 38enne
VALLESE
19 ore
A 108 km/h sul 50, denunciato pirata della strada
Un 46 portoghese è stato fermato sabato sera a Sion. Rischia fino a un anno di prigione
FOTO E VIDEO
SVIZZERA
19 ore
Seicento pacchi su misura all'ora
Per Interdiscount e Microspot le spedizioni diventano più sostenibili grazie a un nuovo impianto d'imballaggio
SVIZZERA
21.09.2020 - 10:410

La lotta contro il riciclaggio «non funziona»

L'ex numero uno dell'ufficio federale è molto critico sul sistema: «Manca la volontà politica di renderlo efficace».

«In materia di riciclaggio di denaro, la Svizzera applica sempre e solo il minimo assoluto a causa della pressione esercitata dall'estero», afferma Daniel Thelesklaf.

BERNA - Il sistema svizzero di lotta al riciclaggio non funziona, anche perché manca la volontà politica di renderlo efficace: lo sostiene Daniel Thelesklaf, ex numero uno dell'Ufficio di comunicazione in materia di riciclaggio di denaro (MROS), che in un'intervista in cui cita anche il Ticino parla di un sistema normativo che punisce i pesci piccoli, ma che risparmia spesso quelli grossi, nonché di banche che avanzano segnalazioni senza che poi succeda alcunché.

«In materia di riciclaggio di denaro, la Svizzera applica sempre e solo il minimo assoluto a causa della pressione esercitata dall'estero», afferma Thelesklaf in un'intervista pubblicata da 24 Heures, la prima da quando ha lasciato il suo incarico presso l'entità federale nel giugno 2019, dopo appena un anno di lavoro. «È stato a causa dell'estero che abbiamo istituito MROS nel 1996. Nella legge sul riciclaggio di denaro non c'è quasi nessun paragrafo che la Confederazione avrebbe voluto introdurre da sola».

«Per molti non è il riciclaggio di denaro sporco il problema principale, ma la pressione delle organizzazioni internazionali sulla Svizzera», prosegue lo specialista. «L'efficacia della lotta contro il riciclaggio è solo una preoccupazione secondaria. Sono purtroppo giunto alla conclusione che non possiamo far muovere le cose ragionando in questo modo».

La difesa elvetica in questo campo «non è efficace, come in molti altri paesi», osserva Thelesklaf. «Nonostante i notevoli investimenti del settore privato, molte cose non funzionano, a tutti i livelli. Il risultato è che riusciamo a bloccare solo una frazione del denaro che viene riciclato in Svizzera. Ma questo problema non viene considerato una priorità, ciò che non può essere possibile».

Le grandi piazze finanziarie come quella della repubblica alpina svolgono un ruolo importante nel riciclaggio di denaro sporco, ma questa minaccia è astratta: i criminali in questione non attaccano i cittadini elvetici nel parco di notte. Al contrario, portano miliardi. «Il problema è che si tratta di denaro criminale. E le vittime sono spesso le persone più povere».

Vista la pressione politica, molte banche sono diventate più caute e segnalano più presto i casi sospetti. «Ma questo aumento delle segnalazioni sta causando problemi a MROS: alla fine del 2019, oltre 6000 segnalazioni degli istituti finanziari non erano ancora state elaborate! Ciò corrisponde a beni potenzialmente illegali per diversi miliardi di franchi», puntualizza Thelesklaf.

Il ritardo è anche dovuto al fatto che «siamo tecnicamente ancora nel XIX secolo. In tutti i paesi europei comparabili, i dati sono riportati in formato elettronico. In Svizzera, in alcuni casi, intere scatole di documenti vengono inviate per posta, insieme a estratti conto, fascicoli e note». Con conseguenze pesanti per l'azione dell'organismo federale. «Quando molti dei circa 60 collaboratori altamente qualificati di MROS devono effettuare la pulizia dei dati non possono dedicarsi al loro vero compito: analizzare le segnalazioni delle banche e difendere la Svizzera dal riciclaggio di denaro. Per questo motivo il numero di segnalazioni non elaborate continua ad aumentare».

Secondo l'ex direttore del MROS il principale problema risiede però nel diritto penale. «I procuratori devono arginare questa marea crescente di denaro sporco e dimostrare in ogni caso che il denaro sospetto proviene da un crimine. Ma per dimostrare la corruzione o la frode in Venezuela, ad esempio, devono chiedere aiuto al paese interessato», spiega l'esperto. «Il regime venezuelano non invierà certamente prove di corruzione alla Svizzera se i suoi funzionari, o i suoi alleati, sono coinvolti in un caso. Senza tali prove, i procuratori svizzeri non possono perseguire il riciclaggio. Il caso è chiuso. Questo è un problema che concerne anche tutti gli altri paesi autoritari».

Ma che dire dell'aumento di condanne? «Si tratta per lo più di casi minori. Ad esempio, uno spacciatore può essere accusato di riciclaggio di denaro sporco. I grandi riciclatori di denaro vengono invece spesso risparmiati».

A titolo d'esempio, nel 2015, anno per il quale sono disponibili cifre esatte, la Confederazione e i tre cantoni di Zurigo, Ginevra e Ticino hanno confiscato insieme 190 milioni di franchi. Nello stesso anno, le banche hanno segnalato importi sospetti di 25 volte superiori, vale a dire 4,8 miliardi di franchi svizzeri. Dal 2016, annunciano 12-17 miliardi all'anno.

«Le autorità svizzere confiscano solo una minima parte dei fondi segnalati dalle banche. Uno dei due pilastri principali della nostra difesa contro il riciclaggio di denaro sporco - la repressione - non è efficace», conclude l'ex responsabile del MROS. E anche nell'ambito dell'altro pilastro, quella dalla prevenzione, a suo avviso non vengono fatti progressi.

«I casi già noti riguardanti il Venezuela dimostrano quanto denaro sospetto sia in arrivo e quanto siano inefficaci i nostri strumenti anti-riciclaggio. Le banche si accontentano di segnalare tutto, ma non succede quasi niente», prosegue Thelesklaf.

Per far fronte dalla situazione uno strumento efficace sarebbe il ribaltamento dell'onere della prova. «Quando il figlio di un ministro di un paese corrotto porta in Svizzera 50 milioni di euro e li nasconde dietro a società offshore, dobbiamo poter dire: vi prego di dimostrare che avete acquisito questi soldi legalmente. Se non è in grado di provarlo, dobbiamo essere in grado di confiscare il denaro e di perseguire il riciclaggio, anche senza una condanna per un reato precedente. Un atto del genere non può mai essere provato, né in Svizzera né nel paese d'origine corrotto».

Thelesklaf riconosce che si tratta di una di una questione delicata perché aumenta il potere dello Stato. Ma moltissimi paesi democratici - fa notare - stanno già utilizzando con successo questo strumento, compreso il Regno Unito e la Germania. Lo farà anche la Svizzera? «Non riesco a immaginarlo», risponde l'intervistato. «Manca la volontà politica di affrontare il problema», conclude.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TI.CH 1 mese fa su tio
Già. Chi é senza peccato lanci la prima pietra! Se si fermano ai pesci piccoli ci sarà dietro di sicuro un interesse.
tazmaniac 1 mese fa su tio
come continuo a sostenere, non è questione di banche quindi, ma di politici mondiali ma anche svizzeri mmhh...non posso dire la parola corretta perchè rischio, quindi diciamo diversamente interessati...
Bacaude 1 mese fa su tio
@tazmaniac Ma che si pensa? che i delinquenti, i trafficanti, i cartelli della droga ecc. ecc. mettano i soldi sotto il materasso? E' ovvio, scandaloso ma ovvio che questi averi sporchi vengano depositati nella banche. E aggiungo che più grande ed internazionale è l'Istituto più è probabile che ciò avvenga. Magra e amara consolazione è che ciò avviene in ogni paese (sono molti i notissimi Istituti coinvolti) e non solo la Svizzera. Spendiamo soldi in assistenza sociale per ragazzi disadattati e formiamo personale per accompagnare ragazzi difficili con brutte storie alle spalle ma anessuno viene in mente di spedere soldi in lezioni di onesta e etica per piccoli rampolli di famiglie bene che in realtà sono gentaglia...n
pillola rossa 1 mese fa su tio
«Manca la volontà politica di affrontare il problema», conclude... anche perché i pesci grandi sono la volontà politica!
F/A-18 1 mese fa su tio
@pillola rossa Quindi possiamo affermare che i nostri politici hanno sempre steso tappeti rossi per incamerare i soldi sporchi, vedi segreto bancario, e continuano ancora con lo stesso intento. Il nostro paese si è quindi arricchito e fa star bene tutto noi grazie a queste cose, non ho più niente da aggiungere...., anzi no, vorrei fare un’appunto, guardiamoci bene da criticare altri paesi per i loro grossi problemi perché faremmo meglio a riflettere su cosa siamo noi.
Pongo 1 mese fa su tio
deboli con i forti e forti con i deboli, come sempre...
Galium 1 mese fa su tio
@Pongo È proprio così purtroppo. Sono pienamente d'accordo con quanto Daniel Thelesklaf afferma e propone.
F/A-18 1 mese fa su tio
@Pongo Per fortuna che tempo fa in questi blog qualcuno continuava insistentemente ad affermare che il problema del riciclaggio era qualcosa di sorpassato, povero illuso ed incompetente, aggiungo io.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-28 07:14:31 | 91.208.130.89