Archivio Tipress
SVIZZERA
09.09.2020 - 17:000

La pandemia fa pensare al suicidio

Il 143 registra un aumento delle richieste d'aiuto da parte di persone che vogliono porre fine alla propria vita

BERNA - Crescono in Svizzera le tendenze suicide: la situazione legata alla pandemia di Covid-19 ha portato a un aumento delle chiamate al Telefono Amico 143 nelle quali si tratta questo delicato tema. A indicarlo, in una nota odierna, è la stessa organizzazione alla vigilia della Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio.

In questo ambito, il Telefono Amico e il social media Twitter hanno stretto una collaborazione per prevenire il suicidio: se in una ricerca sulla piattaforma vengono utilizzate determinate parole chiave, apparirà un messaggio - nelle tre lingue nazionali, definito "Search prompt" - in cui si informa l'utente che il Telefono Amico è a disposizione di tutti 24 ore su 24.

Tra il primo marzo e il 30 giugno 2020, il 143 è stato chiamato in 1'768 occasioni da persone che volevano porre fine alla propria vita. Si tratta di un aumento del 5% rispetto all'anno precedente che preoccupa l'organizzazione: «Purtroppo, c'è da temere che le conseguenze economiche della pandemia aumentino ulteriormente il numero di persone disperate, soprattutto a causa delle minacce di tagli salariali, licenziamenti e fallimenti», rileva il Telefono Amico, sottolineando che è importante ricordare a tutti che il 143 è presente per tutti coloro che non vedono più una via d'uscita dalla loro situazione.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-23 19:29:18 | 91.208.130.89