Keystone (archivio)
SVIZZERA
22.06.2020 - 11:020

Flotta svizzera, ex armatore a processo

L'uomo è accusato di aver falsificato i prezzi delle navi mercantili per ottenere fideiussioni dalla Confederazione.

BERNA - È iniziato oggi davanti al tribunale penale economico del canton Berna il processo nei confronti di un ex armatore accusato di aver falsificato i prezzi di costruzione e di acquisto di navi mercantili per ottenere illegalmente fideiussioni da parte della Confederazione. La sentenza è prevista il 9 luglio.

Tra le accuse di ordine economico relative a cinque casi - respinte dall'imputato - figurano la truffa a danno dello Stato, falsità in documenti e amministrazione infedele. Le fideiussioni su cui pesano i sospetti, concesse nel 2005 e nel 2013, si attestano a circa 130 milioni di franchi.

Nel marzo 2018 era stata avviata un'inchiesta penale per fare luce sui sospetti di falsificazione dei prezzi di costruzione e acquisto di navi mercantili al fine di ottenere illegalmente denaro - sotto forma di fideiussioni - dalla Confederazione. Nel corso di perquisizioni al suo domicilio erano stati sequestrati numerosi dossier e valori patrimoniali.

Secondo l'atto d'accusa consegnato ai rappresentanti dei media stamane, i querelanti sono dodici. Dieci di loro sono compagnie di navigazione in liquidazione. L'undicesimo è la Confederazione e il dodicesimo è una compagnia non in liquidazione.

Le fideiussioni destinate alla flotta svizzera d'alto mare hanno recentemente alzato un polverone anche a livello politico: le autorità federali sono infatti finite nel mirino della critica per aver sottovalutato il rischio e i costi.

I problemi della flotta elvetica sono cominciati nel 2008, quando la crisi finanziaria si è estesa al settore marittimo. Ciò ha avuto come conseguenza la vendita di una parte della flotta nel 2017. Complessivamente, i danni economici ammontano a diverse centinaia di milioni di franchi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 00:36:55 | 91.208.130.87