keystone-sda.ch (ENNIO LEANZA)
+4
ZURIGO
14.05.2020 - 14:560

Gli zurighesi "si prendono" una corsia per le bici

Attivisti di umverkehR hanno occupato una corsia della Gessnerallee, ma sono stati fermati dalla polizia

ZURIGO - Attivisti dell'associazione per la mobilità sostenibile "umverkehR/actif-trafiC" hanno allestito stamattina una pista ciclabile temporanea su una strada di Zurigo. L'organizzazione chiede alla città di concedere «senza indugio» più spazio ai ciclisti. La bicicletta - sostengono gli attivisti - è il mezzo di trasporto più appropriato durante la crisi del coronavirus. Molte città in tutto il mondo hanno creato piste ciclabili da un giorno all'altro. Ed «è giunto il momento che la Svizzera segua questi esempi».

L'intervento, iniziato alle 9.30, ha interessato una corsia della centralissima Gessnerallee, vicino alla stazione centrale e alla vecchia caserma. «Per garantire che i ciclisti di Zurigo possano muoversi in sicurezza durante l'estate, sono necessarie misure immediate per creare una rete continua di piste ciclabili», ha dichiarato la consigliera comunale Simone Brander (PS), membro del gruppo regionale di "umverkehR".

Secondo l'organizzazione, la promozione del traffico lento in bicicletta è «una misura importante nella lotta al Covid-19». La regola del distanziamento sociale può essere rispettata meglio che nei trasporti pubblici, impedendo così la diffusione del virus.

L'operazione è durata solo 15 minuti circa ed è stata interrotta all'arrivo della polizia, ha osservato sul posto un fotografo dell'agenzia Keystone-ATS. Gli agenti hanno controllato l'identità degli attivisti.

Lettera aperta a Ginevra - Anche a Ginevra, "actif-trafiC" e altre organizzazioni chiedono di promuovere la mobilità lenta nel contesto dell'eliminazione graduale delle misure di confinamento. Il 28 aprile hanno inviato una lettera aperta al consigliere di Stato Serge Dal Busco (PPD), capo del Dipartimento cantonale delle infrastrutture.

Le raccomandazioni sanitarie del cosiddetto distanziamento sociale difficilmente sono compatibili con la vicinanza nei mezzi di trasporto pubblico nelle ore di punta, sottolineano gli autori della lettera aperta, sottoscritta anche dalle sezioni locali dall'Associazione traffico e ambiente (ATA), di Mobilità pedonale Svizzera, di Pro velo e dal WWF. Per evitare che sempre più persone utilizzino l'auto, bisogna seguire l'esempio di città come Berlino, Bogotà, New York o anche Lione e Milano.

keystone-sda.ch (ENNIO LEANZA)
Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-08 17:41:38 | 91.208.130.85