Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
9 ore
Il telelavoro rende obsoleto l'abbonamento per i mezzi pubblici
Per molti impiegati il rientro in ufficio sarà parziale. Varrà ancora la pena acquistare un titolo mensile o annuale?
SVIZZERA
11 ore
I giovani non si vaccinano: «È colpa dell'Ufficio federale della sanità»
Critiche piovono all'indirizzo dell'UFSP da parte di alcuni esperti: «La comunicazione versi i giovani va migliorata»
SAN GALLO
15 ore
58enne muore investita da un rimorchio agricolo
Un drammatico e sfortunato incidente ha avuto luogo a Rorschach
SVIZZERA
16 ore
Quasi 3000 casi di effetti indesiderati a causa del vaccino
Si tratta essenzialmente di casi definiti "non seri". Le persone colpite superavano i 60 anni.
FRIBURGO
17 ore
Protesta contro il Black Friday, attivisti condannati
I fatti risalgono al 29 novembre 2020. Gli avvocati intendono fare ricorso
SVIZZERA
17 ore
La Svizzera punta ancora di più sull'energia rinnovabile
Il Consiglio federale adotta il messaggio sulla legge federale per un approvvigionamento elettrico sicuro
SVIZZERA
18 ore
In Svizzera sempre meno contagi: 173 nelle ultime ventiquattro ore
Sono stati effettuati 26'573 test Covid, con un tasso di positività dello 0,7%
SVIZZERA
19 ore
Indennità per altri sei mesi
Il Consiglio federale ha deciso di prorogare fino al 31 dicembre il diritto all'Ipg
SVIZZERA
19 ore
«La Svizzera è il paese più ipocrita del mondo»
L'artista Ai Weiwei è il più noto tra gli oppositori di Pechino. Lo abbiamo intervistato
BERNA
20 ore
Circa 4000 firme contro la privatizzazione dei servizi di pulizia delle FFS
La petizione è stata sostenuta in modo particolare in Ticino
SVIZZERA
20 ore
Meno incidenti a causa del coronavirus: la Suva abbassa i premi 2022
Lo scorso anno sono stati notificati 431'827 infortuni e malattie professionali, in calo del 10% rispetto al 2019
ZURIGO
20 ore
Il consigliere di Stato lascia il Ps: «Troppo di sinistra»
Troppi contrasti tra Mario Fehr e la direzione del partito a Zurigo
SVITTO
21 ore
Motociclista 26enne muore in un incidente
È successo nel Canton Svitto. Il giovane ha perso il controllo del mezzo
SVIZZERA
22 ore
La Svizzera avrà un memoriale per le vittime del nazionalsocialismo
Il Nazionale ha tacitamente accettato una mozione che ne chiede l'edificazione
SVIZZERA
22 ore
Accudimento per l'infanzia? La Svizzera fanalino di coda
Lo rivela uno studio commissionato dall'Unicef. In testa: Lussemburgo, Islanda, Svezia, Norvegia e Germania
FOTO
ARGOVIA
23 ore
Precipita un velivolo turistico: un ferito grave
A bordo dell'aereo c'era soltanto il pilota. L'incidente si è verificato nel Canton Argovia
SVIZZERA
23 ore
Uno svizzero su due è contrario all'accordo quadro
Se avessimo votato domenica sull'accordo quadro sarebbe stato rifiutato dal 51% della popolazione
SOLETTA
1 gior
Falso allarme bomba a bordo di un treno
Un convoglio che circolava tra Berna e Zurigo è stato fermato a Däniken e perquisito. In manette un 49enne
SVIZZERA
1 gior
«Il vaccino è il mio contributo contro la pandemia»
Attualmente almeno il 71% della popolazione elvetica si dice disposta a farsi immunizzare
BERNA
1 gior
La spa "africana" con il pentolone dei cannibali fa discutere
Un cliente: «È razzista». Utile il confronto con il direttore della struttura: «Il nome non si cambia, la vasca sì».
SVIZZERA
1 gior
I centri commerciali hanno perso un miliardo a causa della pandemia
Nei quasi 200 "paradisi dello shopping" svizzeri la flessione del fatturato nel 2020 è stata in media del 5,8%.
BERNA
1 gior
Coronavirus: task force ottimista
L'incidenza di varianti più preoccupanti, come la Delta, continua a essere molto contenuta e i numeri calano.
SVIZZERA
29.04.2020 - 14:450
Aggiornamento : 17:06

«L'11 maggio torniamo a fare shopping e nei ristoranti»

Per tutta l'estate bisognerà però rinunciare ai grandi eventi. Ecco tutte le novità da Berna

Sommaruga: «La crisi non è ancora finita». Sui mezzi pubblici viene raccomandato l'utilizzo della mascherina. Quasi due miliardi di franchi per l'aviazione

BERNA - In Svizzera un primo passo verso la normalità è stato fatto all'inizio di questa settimana, con la riapertura in particolare di parrucchieri, centri estetici e negozi del fai-da-te. Per la prossima tappa, in programma per l'11 maggio, si parlava invece soltanto delle scuole obbligatorie (anche delle scuole di musica), dei negozi e dei mercati. Ma oggi il Consiglio federale ha deciso un ulteriore allentamento delle misure: da lunedì 11 maggio potranno riaprire anche ristoranti, musei e biblioteche. I trasporti pubblici riprenderanno inoltre a circolare secondo l’orario normale (con la raccomandazione di indossare una mascherina). È quanto viene comunicato in un incontro coi media a Berna.

«I provvedimenti funzionano, la diffusione del virus è rallentata, quindi abbiamo potuto prevedere ulteriori allentamenti» spiega la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga, ricordando: «Abbiamo scelto una soluzione intermedia, senza fermare completamente il paese». Ora è necessario imparare a «convivere con il virus», fintanto che non sarà disponibile un vaccino. Da qui un ritorno alla normalità «graduale». Ma restano importanti le norme di comportamento per evitare la diffusione del nuovo coronavirus, sottolinea. Sì, perché - lo ricorda - «la crisi non è ancora finita: non possiamo tornare subito alla normalità. Il Consiglio federale vuole proteggere la salute della popolazione e tenere conto delle esigenze dell'economia».

Sulla base dell'andamento della situazione e di come la popolazione ha rispettato le disposizioni, «abbiamo deciso riaprire un po' più velocemente del previsto» afferma il consigliere federale Alain Berset. Da qui la decisione di permettere alla ristorazione di riprendere l'attività, nel rispetto di condizioni severe. Per il ritorno alla normalità - «una normalità che sarà diversa» - ci vuole comunque «pazienza».

Il consigliere federale Guy Parmelin ricorda che per l'economia è un momento difficile. E che la riapertura è importante per poter ripartire. «Attualmente in Svizzera il 37% degli occupati è in regime di lavoro ridotto, in Ticino e nel Giura addirittura oltre la metà». In questa nuova fase è comunque fondamentale, lo sottolinea anche Parmelin, applicare dei concetti di protezione. Parmelin afferma inoltre: «In cinese “crisi” si scrive con due sillabe: la prima significa “pericolo” e la seconda “opportunità”: concentriamoci sulla seconda».

Due metri tra i tavoli - In una prima fase, spiega Berset, sono ammessi a un tavolo al massimo quattro persone o due genitori accompagnati dai propri figli. Tutti gli ospiti devono essere seduti e tra i diversi gruppi deve essere mantenuta una distanza di due metri o appositi elementi di separazione.

Niente esami scritti - Gli esami scritti di maturità? Non sono necessari, perlomeno quest'anno a causa della pandemia. Lo ha deciso oggi il Consiglio federale: i licei cantonali possono rinunciare agli esami scritti di maturità. Sarà così possibile per i Cantoni tenere conto delle circostanze determinate dall'emergenza Covid-19. I cantoni sono invitati a prendere una decisione al più presto possibile, dice Parmelin. Per quanto riguarda la maturità professionale federale, gli esami cantonali sono annullati in tutta la Svizzera e sostituiti dai voti scolastici.

Allenamenti in piccoli gruppi - Il Consiglio federale allenta i provvedimenti per contenere la diffusione del nuovo coronavirus anche nel settore dello sport. Dall’11 maggio, nello sport di massa saranno nuovamente possibili gli allenamenti in piccoli gruppi fino a cinque persone, senza contatto fisico e nel rispetto delle regole di distanziamento sociale e d’igiene. Nello sport di punta le limitazioni sono meno severe, ad esempio gli allenamenti potranno svolgersi anche con più di cinque persone. Il Consiglio federale prevede inoltre di autorizzare la ripresa delle partite a porte chiuse nelle leghe con campionati prevalentemente professionistici a partire dall’8 giugno.

Estate senza grandi eventi - Per garantire la certezza nella pianificazione, il Consiglio federale ha inoltre deciso che le grandi manifestazioni con più di 1'000 persone restano vietate fino alla fine di agosto. In questi eventi il rischio di trasmissione è molto elevato e il tracciamento dell’infezione è praticamente impossibile. Inoltre è spesso difficile rispettare le misure d’igiene e le regole del distanziamento sociale. Prima delle vacanze estive, il Consiglio federale rivaluterà la situazione tenendo conto delle strategie degli altri paesi. Il 27 maggio deciderà inoltre da quando saranno nuovamente possibili le manifestazioni con meno di 1'000 persone. «È impressionante quante manifestazioni sono in programma sul territorio elvetico fino ad agosto» afferma Berset.

Entrare in Svizzera - Parallelamente alle fasi di apertura dell’economia, il Consiglio federale intende allentare gradualmente le restrizioni d’entrata in Svizzera emanate per far fronte all’emergenza coronavirus. Dall’11 maggio saranno trattate dapprima le domande depositate prima del 25 marzo da lavoratori provenienti dall’UE/AELS e da Paesi terzi. A partire da questa data sarà inoltre nuovamente possibile il ricongiungimento familiare in Svizzera per i cittadini svizzeri e dell’UE. I controlli alla frontiera saranno per contro mantenuti.

Valutazione dei rischi - La sequenza delle singole fasi di apertura si fonda su un’analisi dei rischi. Il Consiglio federale ha tenuto conto di quanto l’allentamento di un provvedimento espone al pericolo di contagio le persone particolarmente a rischio e di quanto incide sull’aumento dei contatti ravvicinati e dei flussi di persone. Ha inoltre valutato la facilità con cui è possibile adottare misure di protezione e l’impatto sull’economia nazionale.

I successivi passi - L'andamento dell'epidemia dipenderà fortemente da come saranno rispettate anche in futuro le regole di distanziamento sociale. E il Governo federale intende monitorare con attenzione gli effetti degli allentamenti: «Dobbiamo essere molto flessibili - dice Berset - ma vogliamo evitare una politica dello “stop and go”». Le decisioni relativa alla tappa successiva - quella prevista per l'8 giugno - saranno prese nella seduta del prossimo 27 maggio. Il Consiglio federale si chinerà in particolare sul divieto di assembramenti di più di cinque persone, sull’insegnamento presenziale nei licei e nelle scuole universitarie, sulle istituzioni culturali, sugli impianti sportivi, sugli impianti di risalita e sulle funzioni religiose. Il 26 giugno saranno inoltre prese decisioni per la stagione estiva, sempre sulla base dei risultati del monitoraggio.

Il sostegno all'aviazione

Nella seduta odierna, il Consiglio federale ha deciso di sostenere le compagnie aeree Swiss ed Edelweiss mediante garanzie volte a sopperire alla mancanza di liquidità. Per la ripresa del traffico aereo le compagnie dipendono dai servizi delle aziende del settore aeronautico presso gli aeroporti nazionali. Pertanto anche tali aziende devono ricevere un sostegno, qualora necessario, a patto che soddisfino le severe condizioni poste dalla Confederazione. Il Consiglio federale chiede al Parlamento crediti d’impegno per un totale di quasi 1,9 miliardi di franchi. «I soldi devono restare in Svizzera, non possono essere distribuiti dividendi» spiega Sommaruga.

Allegati

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-19 07:54:15 | 91.208.130.89