Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
SVIZZERA
49 min
Un supporto tutto nuovo per soccorrere la gente nel buio
I nuovi visori notturni permetteranno ai piloti di orientarsi meglio di notte durante le missioni di soccorso
SVIZZERA
2 ore
Berna riaprirà le terrazze?
L'UFSP ha detto che 4 criteri su 5 non sono ossequiati. Ma è una decisione «anche politica». Il Blick lo dà per certo
SVIZZERA
2 ore
Gas serra, Nestlé punta a «zero emissioni» entro il 2050
Obiettivo ambizioso per il gigante alimentare elvetico che mette tra le sue priorità la protezione del clima.
SVIZZERA
2 ore
«I bilaterali sono ancora attuali e hanno un futuro»
Il presidente dell'Unione sindacale svizzera dubita che l'Ue voglia innescare un'escalation in merito all'accordo quadro
SVIZZERA
4 ore
Quanto vaccino che viene sprecato
Ogni singola ampolla contiene più dosi di quelle previste. Ma nel nostro paese ciò che avanza non viene utilizzato.
TURGOVIA
12 ore
Un luna park al tempo del coronavirus
L'evento in forma ridotta ha luogo a Romanshorn, nel Canton Turgovia. «Non si tratta di mancanza di responsabilità»
SVIZZERA
14 ore
Ombudsman SRG SSR sommerso dalle lamentele
Nel 2020 ne ha ricevute oltre mille. Una cifra record da ricondurre alle segnalazioni legate al tema Covid
BERNA 
16 ore
Numerosi Cantoni vaccinano dai 65 anni
Ci sono anche i più virtuosi, ma pure chi ha poche richieste e chi va a rilento.
SVIZZERA
16 ore
«Viaggio in treno e con l'auto elettrica»
La pandemia è ancora sotto la luce dei riflettori. Ma la crisi climatica non è finita, ricorda Simonetta Sommaruga
VALLESE
16 ore
Ubriaco, costringe il treno a fermarsi e sale
L'uomo lavora per il produttore di vaccini Moderna.
SVIZZERA
26.04.2020 - 16:260
Aggiornamento : 17:47

Mascherine acquistate all’estero, inutilizzabili in Svizzera

In alcuni casi il problema è il materiale, in altri la forma che non consente l’adesione al naso

BERNA - La pandemia di coronavirus ha reso indispensabili beni come camici, mascherine e disinfettanti. Che in brevissimo tempo sono diventati introvabili un po’ in tutto il mondo. E hanno reso evidente la forte dipendenza di molti Paesi, Svizzera compresa, dall’estero. La Confederazione si è da subito attivata nel piano di acquisto dei materiali. Ma recenti verifiche hanno evidenziato che parte di questi sarebbero in realtà inutilizzabili.

L’Ufficio federale della protezione della popolazione (UFPP) è responsabile di esaminare la qualità delle mascherine importate. «Nel laboratorio di Spiez (BE) ne sono state scoperte grandi quantità inutilizzabili» ha spiegato alla SonntagsZeitung il portavoce Andreas Bucher.

Da inizio crisi, sono stati studiati più di 60 tipi diversi di mascherine e materiali. In alcuni casi sono emersi problemi con la qualità del materiale. Capita che il tessuto filtrante non sia sufficientemente permeabile all’aria, rendendo più difficile la respirazione. 

Ma succede anche che le mascherine cinesi risultino inutilizzabili per le loro dimensioni. Sono troppo piccole, o la parte con l’asta per il naso non si adatta alle dimensioni europee, impedendo la completa adesione al viso e mettendone quindi in discussione l’efficacia.

Mercoledì in conferenza stampa la consigliera federale Viola Amherd ha spiegato che la Confederazione è in contatto con diversi commercianti al dettaglio in modo che l'approvvigionamento del Paese sia assicurato e gradualmente ampliato nelle prossime settimane. In una prima fase sarà la Farmacia dell'esercito, a partire dal 27 aprile e per 14 giorni, a fornire ai maggiori dettaglianti un milione di mascherine al giorno. La Farmacia dell'esercito - ha aggiunto la ministra della difesa - ha finora distribuito ai Cantoni 21 milioni di mascherine igieniche. Le scorte della Confederazione, che vengono costantemente ampliate, ammontano attualmente a 18 milioni di mascherine igieniche e 1,2 milioni di mascherine filtranti del tipo FFP2.

Mercoledì sera sono atterrate a Kloten - con un volo Swiss da Shanghai - due macchinari per la produzione di mascherine FFP2, destinati alla Flawa Consumer GmbH di Flawil. Il costo delle macchine, un totale di 1,6 milioni di franchi, è stato assunto a metà tra la Confederazione e il canton Zurigo. A regime al più tardi da metà maggio, potranno produrre tra le 80’000 e le 100’000 mascherine al giorno.

Daniel Koch, delegato dell'UFSP per la malattia Covid-19, ha ribadito che anche in futuro le persone sane non hanno bisogno di usare le mascherine igieniche nello spazio pubblico. Quelle filtranti del tipo FFP2 e FFP3 saranno destinate innanzitutto al personale medico, che dispone delle conoscenze necessarie per usarle correttamente. Le mascherine protettive di stoffa non dovrebbero invece essere realizzate artigianalmente. In ambito lavorativo in alcuni casi è raccomandato o richiesto l’uso delle mascherine igieniche di tipo chirurgico. «Ma occorre essere molto precisi nel loro impiego. Se non sono portate nel modo corretto le goccioline di virus potrebbero essere trasmesse comunque senza il rispetto della distanza sociale».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-14 10:43:25 | 91.208.130.86