+ 4
ZURIGO
17.07.2019 - 11:400
Aggiornamento : 15:47

I ristoratori e la lotta contro gli influencer scrocconi

Chiedono cibo gratis per i post su Instagram. Molte di queste richieste sono perlomeno audaci. E la maggior parte viene respinta

ZURIGO - Comiche, assurde, audaci. Sono le richieste degli "influencer" poste ai ristoratori e finite nelle mani del critico gastronomico australiano John Lethlean. Che ha deciso di renderle pubbliche sul suo profilo social. C'è chi vuole cibo gratis per sé e i suoi parenti. O chi chiede due drink da postare su Instagram. Di pagare però non se ne parla. E questo fenomeno sembra in crescita.

Anche in Svizzera - Anche i ristoranti svizzeri non sono risparmiati dalla moda di questi "trend setter" dei social. «Ricevo richieste del genere ogni settimana», ammette a 20 Minuten Jens Jeppesen, vice direttore del ristorante Gustav a Zurigo. Di norma, le richieste arrivano da influencer provenienti da altri Paesi, per cui il rifiuto è la risposta più semplice: «Un influencer straniero non ci porta certamente nuovi clienti», afferma Jeppesen.

Anche il "Loft Five" a Zurigo è «già inondato» da simili richieste, come afferma la direttrice Florine Wagner. «Si tratta spesso di e-mail molto sfacciate. Molti influencer danno per scontata una cena gratuita», aggiunge Christian Grammer, CEO e co-proprietario del ristorante. Secondo Grammer alcuni influencer tendono a sopravvalutare la loro importanza. Il suo ristorante offre loro, al massimo, un cocktail.

Non tutti i ristoratori svizzeri sono contrari a lavorare con queste nuove figure. Il ristorante Gustav ha una partnership con l'esperto di champagne e l'instagrammer Dan Roznov. Il ristorante zurighese Dolder Grand ammette di lavorare attivamente con influencer e blogger locali e internazionali.

Tuttavia, i ristoratori ponderano con attenzione le loro scelte. Ciò è necessario perché alcuni influencer potrebbero mirare esclusivamente a ottenere un pasto gratuito senza troppi sforzi.

I post di Instagram portano più ospiti? - La maggior parte dei ristoratori dubita che la pubblicità su Instagram possa portare nuovi clienti. «Non ho mai sentito di nessuno che abbia detto di essere venuto perché ci ha visti su Instagram», afferma Jeppesen del Gustav.

Screenshot / Instagram
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
Piera Mazzei 1 mese fa su fb
Ho sbagliato tutto dovevo fare L influencer
Eugenio Eu Scozzafava 1 mese fa su fb
Finirà pure questo con la scomparsa del contatore dei mi piace.. e questi parassiti digitali magari dovranno lavorare....
Mirko Zxy 1 mese fa su fb
Che faccie di tola 🤬
Ato Pat 1 mese fa su fb
Un bel neocitran e sparisce pure l’influencer
Lia Maciariello 1 mese fa su fb
L'influenzer e una figura del marketing online quindi se è una persona seria e professionale mi sembra giusto. Quanto costa ad un proprietario di un locale fare pubblicità online (annunci sponsorizzati)? Penso che un paio di drink gratis costano molto meno al proprietario anziché sborsare centinaia di chf per un pochino di sponsorizzazione online.
Simone Galli 1 mese fa su fb
Lia Maciariello si ma hai letto il primo esempio ? Cibo gratis a me o miei parenti at antine!? Ma che scherziamo
Lia Maciariello 1 mese fa su fb
Simone certo ci sono richieste esagerate sicuramente ma il mio commento era per difendere chi realmente fa le cose in modo professionale in quanto i commenti delle altre persone sono sempre i soliti da medioevo. Sono nate e nascono nuove professioni sopratutto nel mondo digitale ed e ora che le persone lo accettino invece di criticare ogni volta chi di una passione riesce a farne una professione. Buona serata 😊
lo spiaggiato 1 mese fa su tio
Una delle professioni del futuro... il parassita digitale... hi hi hi
Arciere 1 mese fa su tio
Io vado un po' a controcorrente dei commentatori qui sotto. Certo, al primo ascolto queste richieste stonano. Ma un'azienda che non fa pubblicità muore; è così. Se fossi io ristoratore mi porrei la domanda: cosa mi costa offrire due bistecche, un paio di patate e una scatola di piselli + gelato e caffè (costo reale per il ristoratore 20 franchi al massimo) in cambio di una buona recensione? Certo verificherei dapprima la quantità di follower di questi "influencer", vedere se sono seri o no. Ma l'affare mi pare buono. Perché scandalizzarsi? Scommetto che i precedenti commentatori hanno tutti un conto Instagram + Facebook + altri. Io non li ho. Siamo più influenzabili di quanto crediamo. Andiamo tutti a vedere su TripAdvisor prima di scegliere un albergo o un ristorante, inutile raccontarci storie.
matteo2006 1 mese fa su tio
"Tiragli du spicci a sti poracci!" mai meme sarebbe più adeguato.
max0920 1 mese fa su tio
ma vergognatevi di fare certe richieste idiote, l'influencer non servono a una mazza se non a farsi seguire dagli imbecilli che gli danno corda e li fanno credere di essere delle persone importanti
Led Swan 1 mese fa su fb
Dopo aver letto qualsiasi minchiata scritta da questi influencer arrivi a rivalutare persino l'utilità delle zanzare...
Andrea Weber 1 mese fa su fb
Influencer? Inutili come la Ferragni.
Izudin Mutabdzic 1 mese fa su fb
Ma date gli un pugno in bocca da assaggiare e psotare su instagram
Simone Galli 1 mese fa su fb
Ma andate a lavorare 😂
Paolo Longoni 1 mese fa su fb
Sanno che non gli portano clienti, ma continuano lo stesso a finanziarli. 🤦‍♂️
Alessandro Milani 1 mese fa su fb
Coglioni chi li segue e mi raccomando....nn fate figli x l'amor di dio!andate a lavorare e a zappare la m e la terra cazzoni!ma i soldi poi guadagnati cime bimbominkiainfluenzer....le tasse?
Mike Jay Payne 1 mese fa su fb
perchè non ci ho mai pensato hahahah
Aldo Bi 1 mese fa su fb
La miglior pubblicità,per me, resta il passaparola. Se consumi,paghi,stop
Max Realini 1 mese fa su fb
Idioti chi li segue e gli da' importanza sono esseri inutili
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-21 06:06:01 | 91.208.130.86