Immobili
Veicoli

SIENA«Alex un combattente, il suo fisico lo aiuta»

27.06.20 - 21:40
L'arcivescovo di Siena Paolo Lojudice ha fatto visita a Zanardi in ospedale
keystone-sda.ch / STR (UWE ANSPACH)
«Alex un combattente, il suo fisico lo aiuta»
L'arcivescovo di Siena Paolo Lojudice ha fatto visita a Zanardi in ospedale
 «Nei medici ho letto una vena di positività, Alex ce la potrebbe fare».

SIENA - Emergono nuovi dettagli sullo stato di salute di Alex Zanardi, otto giorno dopo il violento incidente che lo ha visto coinvolto. A rivelarli è monsignor Paolo Lojudice, arcivescovo di Siena, il quale si è recato personalmente all'ospedale "Le Scotte" dove è ricoverato il 53enne bolognese. 

«Alex è una persona di grande levatura, di grande coraggio, e dopo i primi giorni dall’incidente ho chiesto ai medici di potergli fare visita - le sue parole a "Il Giornale" - Sono potuto restare da solo con lui per qualche minuto, ho recitato una preghiera, ho dato una benedizione e affidato la sua vita alla misericordia di Dio. Nei medici ho letto una vena di positività, Alex ce la potrebbe fare. Sono fiduciosi, anche se il trauma è stato fortissimo. Le condizioni sono molto critiche, l’urto ha colpito violentemente la testa ma gli altri organi non hanno subito danni. La fortuna, nella disgrazia, è che la testa si sia rotta e non sia scoppiata dall’impatto. Sarebbe morto sul colpo. Alex ha riportato un fortissimo trauma cranico, è già un miracolo che sia vivo».

Zanardi nella sua vita è stato abituato a combattere. Non va dimenticato che si è sempre ripreso dopo 16 operazioni e 7 arresti cardiaci. «Ha un occhio coperto e l’altro ancora tumefatto. Ho avuto la sensazione di avere di fronte un uomo che combatte per la vita, un lottatore, un uomo che ha ancora voglia di vivere e di continuare a combattere, un combattente che ha preso un sacco di colpi in faccia ma continua a lottare. Il suo fisico lo aiuta, un fisico da atleta, robusto, massiccio, con una bella muscolatura. Forza Alex. Tornerò a trovarti. Continuo a pregare per te», ha concluso l'arcivescovo di Siena.

COMMENTI
 
Tato50 2 anni fa su tio
@@@ Ezedine H'faiedh Io ho visto un caso di uno che si è messo un candelotto di dinamite in bocca. Cosa scrivo "sbocciata" ? ;-(
Lumie 2 anni fa su tio
E' il prete che ha usato certi termini spalter. Ma perché poi?? è andato a trovarlo, prega e stai zitto.
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SPORT