Immobili
Veicoli

HCAP«Quante battaglie prima di poter dire: "cavolo, che spetacul"»

17.09.21 - 12:00
L'avvocato Brenno Canevascini: «Venerdì scorso sono rimasto a bocca aperta»
Ti-press (Alessandro Crinari)
«Quante battaglie prima di poter dire: "cavolo, che spetacul"»
L'avvocato Brenno Canevascini: «Venerdì scorso sono rimasto a bocca aperta»
«L'ambiente attorno a una società sportiva lo fa il pubblico, non l'infrastruttura. Le emozioni vissute nella Valascia ce le porteremo nel cuore ma tra un mese di quella pista - per quanto storica - non se ne ricorderà più nessuno...»

AMBRÌ - Ora anche l'Ambrì ha il suo gioiellino. Un gioiellino per il quale in Leventina (ma non solo) si è lottato tantissimo, fra mille ostacoli, problematiche, scartoffie e fra lo scetticismo di moltissime persone. «Una nuova pista era ritenuta impossibile, quindi l'abbiamo costruita!», aveva detto nelle scorse settimane il presidente Filippo Lombardi. Una frase che fotografa bene lo scenario in cui spesso l'Ambrì ha dovuto disputare le sue partite extra-ghiaccio. 

L'avvocato Brenno Canevascini, membro del CdA della Valascia Immobiliare, ci ha raccontato le intense emozioni di questi giorni, senza scordare tutte le difficoltà incontrate negli ultimi anni e quello che è lo scopo della nuova struttura leventinese. 

Sabato 11 settembre, una data storica - Ho vissuto un misto tra emozione e grande soddisfazione in occasione della prima partita. Passando da uno stadio vetusto a una struttura moderna non si può che rimanere senza parole. Avevo spesso visitato il cantiere, ma vederla con il pubblico è stata tutt'altra cosa. Sono rimasto a bocca aperta e mi sono detto: "cavolo, che spetacul".  

Nostalgia? No... - L'ambiente attorno a una società sportiva lo fa il pubblico, non l'infrastruttura. Ho 61 anni ed è 50 anni che vedo hockey, so cosa significa essere tifoso dell'Ambrì. Le emozioni vissute nella Valascia ce le porteremo nel cuore ma tra un mese di quella pista - per quanto storica - non se ne ricorderà più nessuno... 

Una corsa ad ostacoli complicatissima, una sorta di missione impossibile - Gli ostacoli sono stati moltissimi. Meglio di me possono riferire Filippo Lombardi, Massimo Frigerio e il compianto Angelo Gianini, colui che era a capo della Valascia Immobiliare SA. Direi che le difficoltà più grandi le abbiamo vissute all'inizio, quando bisognava far capire alla gente che così non si poteva andare avanti. Non per volontà del club, ma perché qualcuno ha ritenuto che quella fosse una zona pericolosa. Quando è stato realizzato il primo progetto di fattibilità bisognava inoltre convincere gli attori chiamati a sostenere l'opera finanziariamente che non si trattava di una cattedrale nel deserto, ma di un impianto multifunzionale. Questo non è stato per nulla semplice.

Non solo hockey - Costruire una struttura esclusivamente per lo sport era impossibile e non permetteva al club di cancellare quel deficit strutturale che da anni si porta dietro. Era giusto, com'è stato fatto, creare un impianto polivalente che consentisse all'Ambrì di introitare dei fondi anche al di fuori dell'hockey. Solo così si potrà raggiungere la tanto auspicata stabilità finanziaria.

Eventi, eventi e ancora eventi - Questa è la grande sfida dell'HCAP. L'hockey occupa la pista 30 sere all'anno, pochissime. Proprio a questo scopo è stata creata una società che si occuperà di organizzare eventi, al cui timone c'è Michele Orsi. Si sta lavorando moltissimo per cercare di portare diverse manifestazioni di ogni genere ad Ambrì. 

In futuro asticella più in alto? - Difficile da dire. Nello sport non ci sono mai certezze. Puoi avere la convinzione di avere allestito un'ottima squadra, ma poi entrano in gioco tantissime variabili. L'obiettivo primario è di stabilizzare la società a livello economico per poi permetterle di fare un passo in avanti anche sotto l'aspetto sportivo. Dire però dove sarà l'Ambrì fra 3-4 anni oggi non è possibile. Quest'anno però la squadra mi piace tantissimo, penso possa fare molto bene...

COMMENTI
 
pardo54 1 anno fa su tio
È spuntato un nano, di statura non so, di cervello sicuramente.
Talos63 1 anno fa su tio
Te pagat se te crompat al bigliit Come quando vai alla Resega
Gus 1 anno fa su tio
@Nano: purtroppo anche noi paghiamo la strutture (strada, scuole, ospedali, ecc) e servizi, che usi tu
Nano10 1 anno fa su tio
E numm a pagumm 😡
Talos63 1 anno fa su tio
Ricordati che anche la nuova Resega non è venuta su con l’acqua fresca e non è stata pagata esclusivamente dalla famiglia che sai, ha anche lei ricevuto gli aiuti cantonali e dalle banche… altrimenti non si sarebbe chiamata Cornèr Arena
cle72 1 anno fa su tio
Quali soldi hai messo? Spiega prima di dire ca... Te!
cle72 1 anno fa su tio
Guarda che la famiglia Mantegazza a parte l'affitto non ha messo un centesimo. Tutti soldi dei contribuenti... Soldi che mettiamo per ogni intervento per la sua manutenzione ancora ad oggi. I bianconeri non sanno più cosa dire e continuano con. Questa storiella... E NÜM A PAGUM! patetici!
Nano10 1 anno fa su tio
E i contribuenti di tutto il Ticino pagano 😡 scandaloso
Bibo 1 anno fa su tio
Sei patetico come sempre...
Blobloblo 1 anno fa su tio
Gnucccc!!!
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SPORT