Keystone
Robert Plant e Jimmy Page nel 1985.
STATI UNITI
10.03.2020 - 09:000

“Stairway to Heaven” alla fine davvero non è un plagio

Lo ha deciso in appello una corte americana che ha ribaltato un verdetto del 2016

LOS ANGELES - Ci sono voluti 11 fra giudici, periti ed esperti ma alla fine si è giunti alla decisione inequivocabile: "Stairway to Heaven" dei Led Zeppelin non è affatto un plagio.

A decretarlo una corte di San Francisco che ha così ribaltato, in appello, una decisione precedente del 2016 che aveva dato ragione - invece - alla band losangelina Spirit.

Il pezzo a cui gli Zeppelin avrebbero rubato gli accordi sarebbe "Taurus", pubblicato nel 1968: tre anni prima del classico dei rocker britannici.

«Non abbiamo rubato un bel niente, è un giro di accordi che si usa dalla notte dei tempi», aveva testimoniato davanti ai giudici nel 2016 il chitarrista dei Led Zeppelin, Jimmy Page querelato assieme agli ex-colleghi Robert Plant e John-Paul Jones.

«Ovviamente la corte ha sbagliato», ha commentato l'avvocato di Randy Wolfe degli Spirit, «si tratta di una grande sconfitta per i compositori, che sono proprio quelli che la legge sul diritto d'autore dovrebbe proteggere», promettendo un (ennesimo) appello davanti alla Corte suprema degli Stati Uniti.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 11:12:02 | 91.208.130.85