Immobili
Veicoli
UNITED SOLOISTS ORCHESTRA / AKPH
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
2 ore
Andrea Delogu e Luigi Bruno, se il gossip serve a battere gli stereotipi
La conduttrice sulla differenza d’età con il partner: «Arrabbiata per il racconto dei media»
ITALIA
1 gior
Michelle Hunziker, parole al miele per Eros: «L’amore è sempre amore»
La presentatrice è tornata a parlare del rapporto con l'ex-marito, 26 anni dopo
ITALIA
1 gior
Al Bano e il rapporto difficile con la scuola: «Mi diedero 4 in musica»
Il cantante ha raccontato perché ha sempre preferito il canto ai libri
STATI UNITI
2 gior
L'inferno di George Michael tra droghe e depressione
In una biografia di prossima uscita negli States, si ripercorre la vita tormentata del cantante
CANTONE
2 gior
«A Memphis la gente ci fermava per strada»
A tu per tu con il bluesman bellinzonese Federico Albertoni che pubblica in questi giorni "Two sides of the Same Coin”
ITALIA
2 gior
Belen e Stefano De Martino, arriva la “benedizione” di Antonino Spinalbese
L’influencer ha parlato della nuova (e vecchia) relazione della sua ex
ITALIA
2 gior
Fedez mostra la cicatrice post-tumore: «Pronto a tornare sul palco»
Il rapper meneghino si prepara al suo primo concerto dopo la scoperta della malattia
People
2 gior
Decisa la data sostituiva di Berna degli Stones
Il 3 agosto la storica band si esibirà nella capitale germanica per ovviare all'assenza causa Covid di Mick Jagger
ITALIA
2 gior
Khaby Lame è il più seguito su TikTok
Ha raggiunto quota 142,5 milioni di follower. Ha superato anche Charli D'Amelio
ITALIA
3 gior
Giovanni Allevi: «Non indietreggerò di fronte al cancro»
Pochi giorni fa il musicista aveva annunciato di essere malato di tumore
ASCONA
3 gior
Una New Orleans dal sapore nostrano
Parte oggi la 38esima edizione di JazzAscona, con tante novità e un cartellone che guarda anche ai talenti ticinesi
ITALIA
3 gior
Maneskin, il fatturato e chi lo gestisce
La band capitolina ha collezionato 3,5 milioni di euro durante l'anno della vittoria di Sanremo e dell'Eurovision
ITALIA
3 gior
Gerry Scotti e l’invadenza dei fan: «Autografi anche all’obitorio»
Quando gli ammiratori esagerano: il racconto del conduttore nel podcast di Fedez
LUGANO
4 gior
La cattiveria di MyCrow in un videoclip... da cinema
L'artista luganese ed un video realizzato con un regista, un'esperienza «faticosa, ma stimolante»
ASCONA
07.10.2021 - 06:300

I giovani musicisti del territorio che suonano la classica, ma non solo

Sabato sera parte la stagione della United Soloists Orchestra: ne abbiamo parlato con il direttore Arseniy Shkaptsov

ASCONA - Sabato 9 ottobre il Collegio Papio di Ascona ospiterà, a partire dalle 20.30, il concerto inaugurale della stagione 2021-22 della United Soloists Orchestra. Ne abbiamo parlato con Arseniy Shkaptsov, il giovane direttore nonché responsabile artistico dell'ensemble.

Cosa può dirci del concerto di sabato?
«Apre la stagione della nostra orchestra, che mira a promuovere i musicisti del territorio. I giovani solisti saranno ticinesi: Moira Cauzzo, Marta e Sandro Meszaros per il concerto triplo di Beethoven e Leonardo Crespi con il concerto n.2 di Rachmaninov per pianoforte».

Qual è la caratteristica della United Soloists Orchestra?
«È stata composta pochi anni fa (nel 2017, ndr) ed è composta da giovani musicisti, ma tutti professionisti e appartenenti a svariate orchestre di fama mondiale. Sono tutti del territorio ticinese e dei dintorni, ad esempio la Lombardia. Alcuni stavano qui ma poi si sono spostati a Zurigo, Basilea... Li ho messi tutti insieme e da allora sviluppiamo dei progetti e facciamo delle tournée. L'anno scorso, ad esempio, abbiamo suonato con Stefano Bollani e anche Martha Argerich si è mostrata interessata. Magari riusciremo a fare qualcosa l'anno prossimo... Siamo anche stati invitati a compiere una tournée in Corea del Sud».

Ci sono differenze tra l'orchestra che si esibisce in casa e quella "da esportazione"?
«In Ticino portiamo avanti i progetti con gli artisti del territorio, all'esterno alterniamo i nostri musicisti con grandi nomi. È un grande stimolo per crescere».

Quale repertorio vi contraddistingue?
«Non suoniamo solo musica classica, ma anche jazz, musica da film, brani moderni di compositori viventi... Proponiamo una buona combinazione di generi e di stili».

A proposito di Bollani: sarete al suo fianco il 16 ottobre a Chiasso. Com'è lavorare con lui?
«A maggio abbiamo aperto la stagione del Teatro di Cremona con lui e poi il direttore artistico del Cinema Teatro di Chiasso mi ha chiesto di portare questo concerto in Ticino per il 20esimo anniversario. Ho chiesto a Stefano e lui ha accettato volentieri. Devo dire che lavorare con lui è veramente bello: a parte essere un bravissimo e incredibile musicista, un genio, dal punto di vista personale è un individuo molto gentile, alla mano. Ci siamo trovati molto bene come orchestra: c'è stato uno scambio d'idee - noi abbiamo preso qualcosa da lui e lui da noi. È qualcosa che non avviene con tutti gli artisti e il nostro progetto comune proseguirà nel tempo: andremo in Austria e poi ci saranno altre tournée».

Collaborerete anche con artisti d'impronta decisamente più rock e indie, come Andrea Bignasca, i Peter Kernel, Kety Fusco: come ci si rapporta con musicisti che hanno una formazione molto diversa dalla vostra?
«Il comportamento di un artista pop o rock è sempre un po' strano, agli occhi di un musicista classico. Loro sono più liberi, sono abituati a interagire con il pubblico... Capita che il musicista classico si chieda: "Ma come si permettono di dire o fare certe cose?". È anche un po' incredibile come si possa fare un concerto senza prove, arrivando sul posto e suonando... Per loro però è lo stesso: vedere i musicisti classici è interessante, dicono "Wow, io così non potrei mai suonare, le sinfonie non potremmo farle..."».

Funziona questa fusione tra generi?
«Sì, è un ottimo modo per mostrare al pubblico che può esistere una connessione tra diversi stili nell'ambito dello stesso concerto. Ne esce sempre qualcosa d'interessante».

Ci sono poi gli Exotic Events: com'è andato il primo appuntamento lo scorso sabato?
«Fantastico, è stato veramente di grande successo. Il pubblico ha apprezzato la formula della serata e l'aver vissuto un'esperienza totale tra arte visiva, musica ed enogastronomia».

Seguiranno altre serate del genere: formula vincente non si cambia?
«Esattamente. Si cambierà un po' il programma del concerto e gli artisti partecipanti, magari ci sarà qualche performance in più, ma le serate saranno così. Abbiamo già così tante prenotazioni da parte di chi non è potuto esserci il 2 ottobre».

Si pensa sempre che i giovani e la musica classica siano agli antipodi: è un preconcetto da sfatare?
«È qualcosa su cui sto lavorando. Ai concerti si vedono solo persone dai 30 anni in su, ma cerco di portare anche le giovani generazioni alla classica. Come? Facendo suonare i loro coetanei che eseguono anche pop, jazz, rock e quindi scoprono anche la musica classica. Magari, la volta successiva, verranno a un concerto di pura musica classica...».

La prevendita del concerto è su Biglietteria.ch.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-26 11:07:16 | 91.208.130.85