Keystone
Frances McDormand (a sinistra) e Chloé Zhao sul set di Nomadland
STATI UNITI
01.03.2021 - 07:320

Ai Golden Globes il miglior film drammatico è "Nomadland"

Per la prima volta da Barbra Streisand il globo d'oro torna a una donna.

Polemiche per l'assenza di giornalisti afroamericani nella giuria. Sacha Baron Cohen: «Grazie alla giuria di tutti i bianchi».

LOS ANGELES / NEW YORK - Preceduta da polemiche e criticata in diretta, la cerimonia "bicoastal" (registrata sulle due coste degli Stati Uniti) dei Golden Globes 2021 ha comunque fatto la storia: per la prima volta dal 1984, quando fu premiata Barbra Streisand con "Yentl", una donna, Chloé Zhao, ha vinto come miglior regista.

Il suo film, "Nomadland", è stato inoltre giudicato il miglior film drammatico dell'anno.

Se "Nomadland" con Frances McDormand ha vinto come miglior film drammatico, "Borat" si è fatto valere nella categoria dei film comici e il suo autore, Sacha Baron Cohen, ha sbaragliato la concorrenza come miglior attore protagonista. «Grazie alla giuria di tutti i bianchi», ha detto «da casa», lanciando una frecciata alla Hfpa, i cui 87 membri non includono - ha scoperto la scorsa settimana il Los Angeles Times - un solo giornalista di colore. Accettando il premio alla carriera intitolato a Cecil B. DeMille, Jane Fonda ha rincarato la dose: «C'è una storia che abbiamo paura di vedere su noi stessi. Una storia su quali voci vogliamo elevare e quali mettere a tacere, di chi ha un posto a tavola e chi resta fuori dalle stanze delle decisioni».

Forse per riparare alla crisi di immagine, la Hfpa ha assegnato a due attori di colore, Daniel Kaluuya e John Boyega, i primi due premi della serata andata in onda sulla Nbc da Los Angeles e New York. Scontato invece il riconoscimento postumo a Chadwick Boseman, la star di "Black Panther" morto di cancro l'anno scorso, che in "Ma Rainey Black Bottom" ha avuto l'ultima interpretazione della sua carriera. Poche sorprese: tra queste Andra Day come miglior attrice in un film drammatico per "The United States vs. Billie Holiday."

Fra i premi assegnati dalla Hollywood Foreign Press Association c'è stato quello a "Io Sì", interpretata e arrangiata in italiano da Laura Pausini, che si è aggiudicata il globo d'oro per la miglior canzone originale.

La Hollywood Foreign Press assegna 25 premi per il cinema e per la tv: "The Crown" ha vinto nella categoria migliore serie drammatica con Emma Corrin, Josh O'Connor e Gillian Anderson premiati per i ruoli di Lady Diana, del principe Carlo e di Margaret Thatcher. Netflix, che ha portato lo show di Peter Morgan sul piccolo schermo, aveva collezionato ben 42 nomination e ne ha vinte 10 tra cui un paio per la "Regina degli Scacchi". È in parte di Netflix anche il merito del successo di "Schitt's Creek", la serie comica canadese che aveva fatto man bassa agli Emmy: è stata premiata come migliore dell'anno e per l'interpretazione di Catherine O'Hara nella parte dell'eccentrica matriarca Moira Rose.


 
 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-22 19:04:35 | 91.208.130.85