Immobili
Veicoli
ADRIANA TEDESCHI
"Dazed" è l'album di esordio di Kety Fusco.
ULTIME NOTIZIE People
FRANCIA
1 ora
La protesta femminista sul tappeto rosso a Cannes
Srotolato un lenzuolo bianco con i nomi di 129 donne uccise da mariti e compagni
ITALIA
7 ore
Fedez, recupero record dopo il tumore: «Merito dell’amore»
L’artista è tornato ad allenarsi dopo soli due mesi dall’operazione
ITALIA / SVIZZERA
1 gior
«Neanche io all'inizio sapevo chi fosse l'assassino»
Joel Dicker ha presentato al Salone del Libro di Torino "Il caso Alaska Sanders"
FOTO
ITALIA
1 gior
«Finalmente abbiamo ricominciato a vivere»
Così Vasco Rossi all'indomani del concerto davanti a 120mila persone a Trento
STATI UNITI
1 gior
Margot Robbie nel prequel di "Ocean's Eleven"
Il film dovrebbe essere ambientato negli anni '60 e in Europa
REGNO UNITO
2 gior
Ed Sheeran è nuovamente papà
La secondogenita della popstar britannica è ancora una bambina
STREAMING E VIDEO
CANTONE
2 gior
Con "Stay" è iniziato il conto alla rovescia, per Alice Mondia
Nuovo singolo e videoclip per la cantante ticinese, che si prepara alla pubblicazione di "Shards of Glass"
FRANCIA
2 gior
Alessandro Borghi e Luca Marinelli, a Cannes l’inedita “uscita a quattro”
Fanno notizia i due riservatissimi attori in passerella con le rispettive partner  
ITALIA
3 gior
Marco Mengoni con le stampelle in tv: è giallo sull’infortunio
Il cantante si è esibito da seduto, poi non ha chiarito cosa gli sia accaduto
CANTONE
3 gior
Quella casa ad Ascona che accoglieva bambini in difficoltà e in fuga dalla guerra
La storia di Lilly Volkart raccontata da Mattia Bertoldi nel suo romanzo “Il coraggio di Lilly” da oggi nelle librerie
FOTO
FRANCIA
3 gior
Tutti pazzi per "Top Gun: Maverick"
È il grande giorno di Tom Cruise al Festival di Cannes
ITALIA
4 gior
Troppe stalker, Can Yaman costretto a cambiare casa
L’attore turco rimarrà a Roma: «La gente ha superato ogni limite»
STATI UNITI
4 gior
Quelli che si accapigliano per assistere al processo Depp-Heard
Lo sceriffo ha dovuto regolamentare l'attesa dei fan all'esterno del tribunale, e c'è anche del "bagarinaggio"
CANTONE
4 gior
La provocazione di "Shivers": un'arpa che canta come una voce
Continua il percorso di sperimentazione di Kety Fusco, con questo nuovo singolo pubblicato nei giorni scorsi
STREAMING E VIDEO
CANTONE / STATI UNITI
4 gior
Colpaccio Sebalter: una sua canzone nella serie più vista su Netflix
"Gente Simpatica" ha trovato spazio in uno degli episodi di "Avvocato di difesa", il musicista ci spiega com'è andata
CANTONE
08.05.2020 - 06:000

Un disco per spiegare quanto coraggio ci vuole per far esplodere la propria bolla

Esce oggi "Dazed", il lavoro d'esordio (sotto l'ala di Caterina Caselli) dell'arpista ticinese

LUGANO - "Dazed" è l'album di esordio di Kety Fusco. Un lavoro che esce per Sugar Music, la prestigiosa etichetta di Caterina Caselli. Nove intense tracce, nelle quali l'arpista classe 1992 punta a ipnotizzare l'ascoltatore.

Come è stato scelto il titolo "Dazed"? Cos'è che ti rende "frastornata"?
«La quotidianità della vita. Credo che la mia mente viva in un mondo parallelo e crei delle realtà alternative. Non mi entusiasma vedere quello che succede nel mondo giorno dopo giorno. Mi piace stare fra me e me e, quando devo uscire dalla mia bolla, è sempre uno shock. Mi sento molto frastornata. "Dazed" è stato un tentativo di combattere questa sensazione».

Spieghi, nelle note introduttive, che questo disco «è qualcosa che fino a due anni fa era impensabile». Perché?
«Due anni fa la mia vita era completamente diversa da adesso. Mi svegliavo al mattino, percorrevo 17 passi da casa mia al conservatorio e mi chiudevo nell’aula 202. Suonavo circa due ore, fumavo una sigaretta, di nuovo all’arpa per altre tre ore, bevevo il caffè, non pranzavo quasi mai e continuavo cosi tutto il giorno. Per me l’unica cosa che contava era di non essere realmente nel mondo: non leggevo mai i giornali e mi piaceva solo suonare l’arpa. Non avrei mai pensato d'intraprendere nell'arco di un anno un percorso completamente nuovo, suonando piu di 60 concerti con l'arpa elettrica in Svizzera ed Europa, collaborando con moltissime persone e confrontandomi con altre realtà al di fuori delle mura del conservatorio. Non avrei mai pensato nemmeno di firmare con la Sugar Music e scrivere il mio primo disco. È ancora tutto nuovo per me, e sto entrando piano piano nelle nuove dinamiche».

Quale "pericoloso percorso" hai deciso di lasciarti alle spalle?
«Come detto, vivevo in una sorta di autismo, in una bolla perfetta. Non mi sarei mai aspettata che, una volta finito il mio percorso al conservatorio che dura da quando avevo 6 anni, la mia bolla scoppiasse e mi creasse uno shock emotivo. È stato pericoloso perché l'ambiente del conservatorio mi ha isolata dalla realtà. Sono stata abituata a essere perfetta con il mio strumento, e avevo dimenticato - o meglio, non mi era mai stato insegnato - che essere musicista non significava solo stare chiusa in quattro mura e studiare lo stesso passaggio per ore. Ho dovuto imparare da sola (distruggendo tutto quello che mi ero creata attorno) che vivere la musica può essere anche qualcosa di diverso, qualcosa di reale».

Ci sono atmosfere piuttosto eterogenee, nel disco: da quelle orientaleggianti di "Medusah" a quelle più "danzerecce" di "Awry", ad esempio. Hai faticato a farle convivere in nove tracce?
«Direi di no. Ho avuto la fortuna di scrivere e lavorare sul mio disco con Aris Bassetti (membro dei Peter Kernel e fondatore della On The Camper Records, ndr). C'è stato un perfetto connubio fra la mia intuitività, la mia tecnica e i miei arpeggi senza fine con il suo istinto punk, la sua immediatezza melodica e il suo approccio rozzo. Abbiamo fuso due mondi in apparenza distanti. In alcune tracce ho potuto anche collaborare con altri fantastici musicisti - per esempio Fabio Pinto per consigli di produzione e Pasquale Corrado per consigli riguardo la composizione. Ho anche collaborato, per il brano "Dive" con un musicista di una certa importanza in ambito internazionale: Clap! Clap! Con lui mi sono anche divertita molto. Quindi tutte le atmosfere del disco in realtà sono la fusione di un grande lavoro emotivo e collaborativo». 

Ci sono degli artisti o dei generi che ti sono serviti da punto di riferimento durante la scrittura prima e la registrazione poi?
«Per ogni pezzo mi sono ispirata a qualcuno. Mi sono davvero innamorata di un brano dal titolo "Barcarolle" di Lubomyr Melnyk, che ha ispirato il mio brano "Rubato". Invece ho scoperto, cercando spunti per "Awry", un gruppo folle che si chiama Ammar 808».

Quanti videoclip sono stati girati? Come ti sei sentita nei panni della protagonista?
«Ne abbiamo girati quattro, che usciranno nelle prossime settimane. Mi sono sentita molto bene perché in realtà dovevo suonare l'arpa a ripetizione per giornate intere, mentre la troupe filmava. Ho avuto la fortuna di lavorare con una squadra eccezionale - quasi tutte donne! Le truccatrici, la stylist, le mie manager e il team di ripresa. Sono stati dei giorni meravigliosi».

Di concerti dal vivo non se ne potranno fare ancora per un po': come presenterai "Dazed" al pubblico?
«"Dazed" è un disco che nasce in digitale, quindi per il momento abbiamo lavorato principalmente per una comunicazione visual: questi video che regalano un primo assaggio del progetto, più altri sui cui stiamo lavorando».

KETY FUSCO
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-22 18:50:10 | 91.208.130.87