Keystone
SVIZZERA
23.11.2017 - 11:580

Per l'economia svizzera il 2018 sarà positivo

E quanto prevedono gli specialisti di Credit Suisse

ZURIGO - Gli specialisti di Credit Suisse si attendono un 2018 positivo per l'economia svizzera. Secondo le stime, la progressione del prodotto interno lordo (PIL) della Confederazione dovrebbe passare dall'1% di quest'anno all'1,7%, si legge nell'ultima edizione dell'Investment Outlook del numero due bancario elvetico pubblicata oggi.

La Svizzera beneficerà con ogni probabilità delle prospettive favorevoli per le esportazioni - risultanti da una crescita globale più forte - e dall'indebolimento del franco, precisa Credit Suisse in un comunicato.

Questi due fattori compenseranno la graduale diminuzione dell'impatto di immigrazione e ciclo edilizio, i principali responsabili dello sviluppo elvetico negli scorsi anni. Tuttavia, stando a Oliver Adler, capo-economista dell'istituto finanziario citato nella nota, al Paese «serve un incremento della produttività nei settori nazionali per sostenere una crescita robusta a lungo termine».

A livello globale cresce PIL e cala inflazione

Buone notizie arrivano anche per l'economia globale, che nel 2018, anche a dispetto di una politica monetaria meno espansiva, dovrebbe mettere a segno risultati incoraggianti. Per il PIL a livello mondiale si ipotizza infatti una leggera accelerazione dal 3,6% al 3,8%, mentre per l'inflazione le stime parlano di un calo dal 2,8% al 2,7%.

«Restiamo consapevoli dei potenziali rischi di natura politica, economica, geopolitica o regolamentare», osserva nel comunicato il direttore degli investimenti presso Credit Suisse Michael Strobaek, ma «riteniamo che il 2018 sarà un anno relativamente positivo». I temi di cui sentiremo parlare saranno l'incremento della «spesa in conto capitale, l'attività di fusione e acquisizione e quindi l'aumento del debito», ha proseguito.

Contributi positivi dalle regioni più importanti

A livello regionale, negli Stati Uniti il forte ciclo congiunturale dovrebbe proseguire grazie alla crescita degli investimenti delle aziende, a una ripresa della produttività e a un probabile stimolo fiscale. La previsione del PIL americano per il 2018 indica un +2,5% su base annua, mentre nell'Eurozona esso dovrebbe aumentare del 2,0%. Nel Vecchio Continente si prevede che il ritrovato vigore ciclico continui, a meno di una crisi politica o di un consistente apprezzamento dell'euro, scenari ritenuti «improbabili».

La Cina giocherà ancora un ruolo capitale: il suo peso e il suo contributo all'economia planetaria dovrebbero ulteriormente lievitare. A lungo termine, Credit Suisse è preoccupata dai livelli elevati di debito societario nel gigante asiatico, ma per il momento, la stabilità verso la quale rimangono fortemente orientati i leader del Paese consentirà cifre in continua progressione (PIL 2018: +6,5%). Tra i pilastri resteranno anche le economie emergenti, con limitati rischi al rialzo per l'inflazione e i tassi d'interesse finché le loro valute rimarranno inalterate.

Buon potenziale per mercati azionari e forte influenza Millennial

Stando agli esperti, nel 2018 i mercati azionari globali resteranno attrattivi e fra quelli dei Paesi industrializzati il miglior potenziale è rappresentato dalle azioni elvetiche e giapponesi. A livello settoriale, vengono privilegiati sanità, telecomunicazioni, industria e finanzia. Per quel che concerne le valute, gli interventi di inasprimento monetario della Federal Reserve potrebbero stabilizzare il dollaro e l'euro potrebbe incrementare i propri guadagni.

Credit Suisse si aspetta inoltre che il 2018 sia l'anno dei cosiddetti Millennial. Con una popolazione mondiale composta per il 50% da persone di età inferiore ai 30 anni, la nuova generazione sta «diventando una forza influente in tutto il mondo». Nannette Hechler-Fayd'herbe, responsabile della strategia d'investimento presso la banca le cui parole sono riportate nel comunicato, sostiene che l'anno prossimo sarà ricordato come quello in cui i giovani compiranno «importanti progressi nell'assunzione di un ruolo decisivo in settori chiave della vita».

Cerca lavoro in Ticino su www.tuttojob.ch
Potrebbe interessarti anche
Tags
credit
suisse
credit suisse
economia
pil
crescita
inflazione
economia svizzera
comunicato
politica
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-04-21 19:29:22 | 91.208.130.86