CANTONEUtili e ricavi in crescita per Union Bancaire Privée

23.01.23 - 09:58
L'istituto ha per contro registrato un calo dei fondi in gestione, scesi del 13% a 140 miliardi
Imago
Fonte ats
Utili e ricavi in crescita per Union Bancaire Privée
L'istituto ha per contro registrato un calo dei fondi in gestione, scesi del 13% a 140 miliardi

GINEVRA/LUGANO - Union Bancaire Privée (UBP), banca ginevrina presente anche sulla piazza di Lugano, ha realizzato nel 2022 un utile netto di 210 milioni di franchi, con ricavi in crescita del 7% a 1,2 miliardi, grazie in particolare al forte aumento dei proventi delle operazioni su interessi.

Stando ai dati diffusi oggi l'istituto ha per contro registrato un calo dei fondi in gestione, scesi del 13% a 140 miliardi: hanno pesato le difficoltà dei mercati finanziari e la forza del franco. Si sono comunque registrati afflussi netti per 0,9 miliardi.

«Dobbiamo prepararci a un altro anno imprevedibile, anche se le attuali avversità sono più cicliche che strutturali», afferma il Ceo Guy de Picciotto, citato in un comunicato. L'attenzione si concentrerà quindi sulla gestione del rischio e sull'adattamento delle soluzioni di investimento.

UBP è una delle più grandi banche private svizzere, specializzata nell'amministrazione patrimoniale di clienti privati e istituzionali. È stata fondata nel 1969 da Edgar de Picciotto, erede di una stirpe di uomini d'affari e diplomatici con lontane radici in Portogallo. Ha sede a Ginevra e oltre 20 succursali in tutto il mondo: in Ticino è attiva da oltre 40 anni. L'organico è di 1960 dipendenti.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE