SVIZZERA / RUSSIAUn price cap «inapplicabile» o la benzina diventerà «molto meno costosa»?

06.12.22 - 08:30
Gli effetti dell'ultima sanzione contro Mosca sono ancora incerti. E anche i gestori delle stazioni di servizio sono divisi
20min/Taddeo Cerletti
Un price cap «inapplicabile» o la benzina diventerà «molto meno costosa»?
Gli effetti dell'ultima sanzione contro Mosca sono ancora incerti. E anche i gestori delle stazioni di servizio sono divisi

BERNA - Da lunedì sono in vigore l'embargo Ue e il price cap sul petrolio russo. In breve, gli acquirenti di greggio russo importato via mare non possono pagare più di 60 dollari per barile. Una nuova sanzione con cui Bruxelles intende fiaccare l'economia della Federazione Russa.

Allo stesso tempo però si vuole anche evitare un aumento dei prezzi che potrebbe verificarsi qualora il petrolio dovesse "sparire" dal mercato. In tal caso, il greggio diventerebbe un bene scarso e servirebbe una sua compensazione da qualche parte, sostiene Jacques Rousseau, direttore della società di analisi Clearview Energy Partners.

«Un tetto ai prezzi difficilmente può essere applicato»
Ieri i prezzi del petrolio hanno iniziato a salire, anche se solo leggermente. Il prezzo d'acquisto della benzina per le stazioni di servizio invece non è ancora aumentato, spiega un gestore a 20 Minuten. Ma le cose cambieranno presto, secondo Thomas Eugster, proprietario di Rheintal Heizöl AG. «Le sanzioni contro la Russia hanno reso molti beni più costosi e la gente ha dovuto pagarne le conseguenze ogni volta. Sarà così anche questa volta», ha dichiarato Eugster.

La Russia può facilmente aggirare il limite di prezzo attraverso un commercio ombra del greggio. Così facendo, il petrolio potrebbe essere nascosto e venduto a clienti in India, Cina o Turchia. E non sarebbe più presente sul mercato europeo, causando un aumento dei prezzi. Tuttavia, non è chiaro fino a che punto potrà arrivare quest'ultimo.

«Un simile tetto ai prezzi difficilmente può essere applicato», afferma Sandro Graf, responsabile del settore energia e membro della direzione del gestore di stazioni di servizio Voegtlin-Meyer AG, che inoltre punta il dito contro le sanzioni per i prezzi elevati. Anche Muhedin Skalonjic, gestore delle stazioni di servizio Scall, prevede un incremento dei prezzi. Anche perché la Svizzera è l'ultimo anello della catena di approvvigionamento e riceve ciò che rimane.

«La benzina diventerà molto meno costosa»
Ma non la pensano tutti così. Herbert Schüpbach, proprietario della catena di stazioni di servizio Gustoil, ipotizza una massiccia riduzione dei prezzi. Perché la Russia dipende dalle entrate del settore petrolifero. E «se ora deve vendere il petrolio a un prezzo inferiore, aumenterà semplicemente la produzione».

Lo scorso fine settimana, l'alleanza petrolifera Opec+, guidata da Riad e Mosca, ha deciso di non aumentare la produzione, che era stata ridotta da novembre. Ma se la Russia dovesse produrre di più a causa del price cap, gli altri dovrebbero seguire il suo esempio per mantenere stabili i ricavi. «La benzina diventerà molto meno costosa», afferma Schüpbach.

Anche Norbert Rücker, esperto di materie prime di Julius Baer, prevede un calo dei prezzi. E dato che il commercio del petrolio russo si è allontanato dall'Europa, è improbabile che il price cap porti a grandi carenze di approvvigionamento. Inoltre, gli Stati Uniti hanno aumentato la loro produzione e la domanda è comunque stagnante a causa della crisi.

NOTIZIE PIÙ LETTE