Tamedia
SVIZZERA
27.08.2021 - 19:000

Il direttore del KOF: «Prospettive economiche offuscate, ma non bisogna essere pessimisti»

Secondo Jan-Egbert Sturm, si sta assistendo a una normalizzazione

ZURIGO - Di fronte alle recenti tendenze d'indebolimento dell'economia, il direttore del Centro di ricerca congiunturale del Politecnico federale di Zurigo (KOF) Jan-Egbert Sturm non è allarmista. «Le prospettive economiche si sono già un po' offuscate. Ma bisogna essere prudenti e non essere pessimisti» dichiara Jan-Egbert Sturm in un'intervista a “Finanz und Wirtschaft”.

La situazione non è paragonabile alla prima e alla seconda ondata della pandemia. «L'economia sta perdendo velocità, ma continuerà a crescere» afferma Sturm. Non c'è più la minaccia di lockdown come in passato.

Per il direttore del KOF, il fatto che l'indice Ifo tedesco sia sceso ancora una volta significativamente in agosto non deve essere interpretato come un segnale d'allarme per la Svizzera. Il calo è stato preceduto da un aumento molto forte dell'indicatore.

«Preferirei quindi parlare di una normalizzazione - e a un livello ancora alto» dice Sturm. A un livello storicamente superiore alla media, si vede ora un calo. Ma i valori indicherebbero comunque che la crescita economica globale continua. «Questo può essere previsto anche per la Svizzera» afferma il direttore del KOF.

Per quanto riguarda i pericoli della variante delta, occorre distinguere tra gli effetti della pandemia sulla società e la salute generale da un lato e sull'economia dall'altro. I due aspetti non sono più così strettamente legati come lo erano l'anno scorso. «In generale, l'economia ha imparato a gestire la pandemia e le regole».

Noi analisti abbiamo «sottovalutato» che ciò sarebbe avvenuto così rapidamente. Si è partiti dal presupposto che gli effetti sull'economia nella seconda e terza ondata sarebbero stati più forti di quanto sia stato effettivamente il caso. «Ora siamo abbastanza fiduciosi, visti i libri degli ordini pieni quasi ovunque. Speriamo di non fare l'errore opposto ora» dice Sturm.

Il direttore del KOF non vede nemmeno grandi pericoli per quanto riguarda l'inflazione. «I prezzi sono aumentati in tutto il mondo, e questo ha causato un incremento dei prezzi alla produzione anche in questo paese. Ma l'aumento dei prezzi al consumo è basso» ha detto. Di conseguenza, egli presume che la Svizzera avrà ancora tassi d'interesse negativi «nei prossimi due o tre anni».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 18:27:52 | 91.208.130.85