Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Economia
STATI UNITI
2 ore
Stop al gas russo? Eurozona a rischio recessione
Fitch rileva il pericolo per la fine dell'anno o per l'inizio del 2023
GINEVRA
3 ore
Richemont in crescita, ma il ritorno della pandemia in Cina preoccupa
Malgrado la prudenza legata all'evoluzione del mercato cinese, il colosso del lusso registra un ottimo risultato.
MONDO
5 ore
Il test di TikTok: i videogiochi nelle chat
L'obiettivo? Aumentare il tempo che le persone passano sulla piattaforma
RUSSIA
8 ore
La Russia mette sul piatto 25 milioni di tonnellate di grano
I tentativi di «trasferire infondatamente» sulla Russia le responsabilità delle carenze alimentari «sono sacrileghi»
SVIZZERA/RUSSIA
10 ore
Zurich estrae una costola russa
La nuova attività cambierà nome e opererà in modo indipendente
SVIZZERA
23 ore
Sunrise UPC diventa Sunrise
Il nuovo luogo aziendale comprende un'alba stilizzata
RUSSIA
1 gior
Conto sequestrato, Google Russia verso la bancarotta
La filiale del colosso del web continuerà tuttavia a fornire gratuitamente i suoi servizi nel Paese
STATI UNITI
1 gior
Wall Street, le cause di un mercoledì nerissimo
La grande distribuzione è in difficoltà e gli investitori sono in allerta e si chiedono: «Ci sarà il prossimo?»
SVIZZERA
1 gior
Julius Bär regge, ma la filiale di Mosca sarà chiusa
Il gruppo ha mantenuto la redditività nei primi mesi del 2022
GRIGIONI
2 gior
La crisi ucraina condiziona il WEF di Davos
In collegamento da Kiev inaugurerà il forum il presidente Zelensky. Assenti invece i rappresentanti russi.
SVIZZERA
24.07.2020 - 10:140

Vasta ristrutturazione anche per Sulzer

Non è ancora chiaro l'effetto che la riorganizzazione avrà sull'organico

ZURIGO - Confrontato con la crisi del coronavirus, il gruppo industriale zurighese Sulzer ha avviato un vasto programma di ristrutturazione, il cui impatto sull'organico e sui singoli paesi è però ancora tutto da determinare. Gli effettivi della società stanno però intanto già calando sensibilmente.

«Non possiamo fornire dettagli sui tagli di posti di lavoro pianificati a livello globale, in quanto siamo ancora in trattative con le parti sociali in vari stati», ha affermato oggi il Ceo Greg Poux-Guillaume in una conferenza telefonica.

Il dirigente 50enne francese non ha voluto nemmeno rivelare quanti stabilimenti saranno chiusi e in quali paesi: il processo di determinazione dei siti per almeno una divisione Europa non è ancora concluso. Poux-Guillaume ha comunque fatto un esempio, citando un'unità del comparto Chemtech negli Stati Uniti, che sarà chiusa a beneficio di una struttura in Messico.

Informazioni riguardo alla contrazione del personale emergono però dai dati semestrali pubblicati oggi dall'azienda. Il 30 giugno Sulzer aveva 15'600 posti di lavoro, contro i 16'506 registrati il 31 dicembre. Nello spazio di sei mesi vi è stato quindi un calo del 5,5%.

Poux-Guillaume ha peraltro confermato informazioni diffuse ieri dal sindacato Unia, secondo cui in Svizzera saranno cancellati 55 impieghi nella divisione Chemtech. Il Ceo ha sottolineato comunque come questo non significhi che 55 persone perdano il lavoro: alcuni troveranno posto in un'altra unità Sulzer in Europa, altri in Svizzera, ha chiosato il manager con studi a Parigi e a Harvard (Usa).

Il gruppo aveva già annunciato in aprile misure strutturali, soprattutto per le attività nel comparto energia. Oggi è emerso che questi provvedimenti ridurranno i costi di 70 milioni all'anno, 10 dei quali già nel 2020. Legati a questa riorganizzazione sono oneri unici per 80 milioni di franchi, che verranno contabilizzati per la gran parte nell'esercizio corrente: 53 milioni sono già andati ad appesantire i conti del primo semestre, che sono stati resi noti oggi.

La società ha conseguito un utile netto di 15 milioni di franchi, il 76% in meno della prima parte del 2019. Il fatturato è sceso del 10% a 1,6 miliardi, mentre le nuove commesse si sono contratte del 5% a 1,8 miliardi.

Poux-Guillaume si è detto soddisfatto di queste cifre, tenuto conto delle circostanze. Al capitolo previsioni, il gruppo parla di un margine operativo a livello Ebita dell'8,5-9,0% per l'insieme dell'anno, contro il 10,0% del 2019. Nessuna stima concreta è giunta in relazione al fatturato: il presidente della direzione si è limitato a osservare che tradizionalmente i ricavi del secondo semestre superano del 10% quelli del primo.

Le novità odierne sono state bene accolte in borsa: nella prima ora di contrattazioni in titolo Sulzer guadagnava circa il 3%. Gli analisti hanno commentato infatti favorevolmente i conti, facendo presente che l'impatto del Covid-19 appare per il momento tutto sommato limitato.

Sulzer è attiva a livello mondiale nel comparto dell'ingegneria dei fluidi di ogni tipo: produce cioè pompe, turbine e dispositivi analoghi usati nei più svariati campi d'attività. L'azienda è stata fondata nel 1834 a Winterthur (ZH) da Johann Jacob Sulzer. Nei decenni seguenti si distinse per l'innovazione, non solo industriale: nel 1870 la società creò la prima scuola professionale aziendale della Svizzera e nel 1890 la prima commissione dei lavoratori del paese.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-20 18:26:40 | 91.208.130.87