Cerca e trova immobili

LUGANOMilionari in fuga: Svizzera tra le mete preferite, Lugano «calamita» di ricchi

20.06.24 - 13:33
La Confederazione resta nella top ten dei Paesi dove scelgono di vivere i nuovi Paperoni. Ma l'Italia fa meglio, ecco perché.
TiPress
Lugano, giugno 2024
Lugano, giugno 2024
Milionari in fuga: Svizzera tra le mete preferite, Lugano «calamita» di ricchi
La Confederazione resta nella top ten dei Paesi dove scelgono di vivere i nuovi Paperoni. Ma l'Italia fa meglio, ecco perché.

LUGANO - La ricchezza si muove e con essa chi la detiene. Del resto a chi non capita di confrontare la tassazione di Comuni e Cantoni e farsi quattro conti in tasca per scegliere, ad esempio, dove sarebbe più conveniente vivere (?).

Ebbene la società Henley & Partner, leader nel settore della residenza, vista - perché no - anche come investimento, si è concentrata sulle scelte dei milionari, ossia di coloro i quali hanno almeno un milione netto di dollari patrimonio e si stabilizzano effettivamente nella nuova destinazione per più della metà dell'anno.

La meta preferita - Dunque, quali sono le destinazioni preferite e i Paesi "abbandonati" nel 2024 dai paperoni? Partiamo subito con la meta preferita: gli Emirati Arabi Uniti - in gran parte a Dubai - dove quest'anno dovrebbero approdare 6'700 nuovi ricchi residenti, «provenienti da India, Medio Oriente, Russia e Africa - spiega lo studio, aggiungendo che «nel 2024 si prevede che grandi afflussi arriveranno anche dal Regno Unito e dall’Europa».

Da dove si scappa di più - Ma quando si sceglie un nuovo posto dove trasferire ricchezza e residenza, non conta solo il livello di tassazione, c'entrano anche le tensioni geopolitiche e dunque la sicurezza, ma anche la situazione economica e finanziaria della nazione prescelta. Specie se "si rivolta la frittata" e si considerano le stesse variabili come motivazione nel lasciare il proprio Paese.

A questo riguardo, dallo studio - intitolato "The Henley Private Wealth Migration Report 2024" - si evince che entro la fine di quest'anno i milionari che si sposteranno di più saranno quelli in partenza dalla Cina (-15'200) verso «Singapore, Stati Uniti e Canada, con il Giappone una nuova destinazione»; seguiti dagli inglesi in fuga dalle tasse (-9'500) in direzione «Parigi, Dubai, Amsterdam, Monaco, Ginevra, Sydney e Singapore»; indiani (-4'300); coreani del Sud (-1'200) e russi (-1'000), per questi ultimi il dato è comprensibilmente in calo dopo il deflusso record del 2022 (-8'500).

In totale nel 2024 saranno complessivamente 128mila i milionari in fuga, dato in crescita - oltre che record - se lo si confronta al 2013 (furono 51'000) o allo scorso 2023 (120.000). Il trend di crescita proseguirà anche nel 2025, quando si prevede un esodo di 135 mila ricchi.

E la Svizzera? - Torniamo infine alle destinazioni preferite. Dopo gli Emirati Arabi Uniti, il secondo gradino del podio spetta agli USA (+3.800), che si spiega con il «crescente dominio dell’America nel settore tecnologico globale». Terzo posto invece per Singapore (+3.500), definita dai ricercatori di New World Wealth come la città «più business-friendly del mondo».

Quanto alla Svizzera, «nonostante un calo di popolarità negli ultimi anni» la Confederazione resta nella top ten (settima) delle mete preferite: per il 2024 attrarrà 1.500 nuovi milionari con «Ginevra, Lugano e Zugo calamite di milionari particolarmente potenti». Però meno attrattive dell'Italia, al sesto posto quest'anno con +2.200 milionari orientati a vivere «nella Riviera ligure e in Lombardia». Belpaese guardato con interesse anche grazie «all’imposta sulle successioni», che «in Italia è relativamente modesta, pari al 4%» per coniuge e parenti in linea diretta.

«Sfruttare di più la centralità del Ticino» - Infine, val la pena citare nuovamente l'auspicio di Giorgio Pradelli, CEO EFG Bank, che, lo scorso 11 giugno, parlando a proposito di risparmio privato nella sala convegni dell'Hotel Splendide Royal di Lugano, aveva rilanciato «la centralità geografica del Ticino» come «asset che potrebbe essere sfruttato di più: oggi le famiglie non solo spostano i capitali come in passato ma adesso anche le persone si spostano, cambiando residenza». Trasferendo così benefici sul territorio in termini di entrate fiscali, nuove attività economiche, potenziamento del mercato azionario locale e creazione di nuovi posti di lavori, specie nel lusso e nella gestione patrimoniale.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE