keystone-sda.ch / STF (IAN LANGSDON / POOL)
Bah Ndaw, Presidente ad interim del Mali.
MALI
25.05.2021 - 14:010

Prelevati e arrestati Presidente e Primo Ministro del Mali

Le Nazioni Unite chiedono «l'immediato rilascio» dei detenuti, per evitare il secondo golpe in pochi mesi

BAMAKO - Il Presidente del Mali Bah Ndaw, insieme al Primo Ministro Moctar Ouane e al Ministro della difesa Souleymane Doucoure sono stati prelevati e portati in una base militare a Kati, vicino alla capitale Bamako. Lo ha confermato il vice-presidente, il colonnello Assimi Goita, come riportato dai media francesi.

L'agenzia stampa Reuters, invece, spiega come la situazione politica nel paese stia precipitando di nuovo, dopo che un mese fa un (altro) Colpo di stato militare aveva spodestato il governo del presidente Ibrahim Boubacar Keita, allora in carica.

Ndaw e Ouane facevano quindi parte di un governo di transizione ad interim per trainare il Mali verso un nuovo esecutivo, i cui membri erano stati annunciati proprio oggi, e che potrebbe non essere stato apprezzato dai colonnelli golpisti, forse per l'esclusione di alcuni uomini vicini alla giunta.

Le Nazioni Unite hanno ora chiesto il rilascio «immediato e incondizionato» del Presidente e degli altri due politici, dichiarando che coloro che detengono i leader dovranno rispondere delle loro azioni. Anche il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha domandato in una dichiarazione il «rilascio incondizionato di coloro che sono attualmente detenuti».

Gli sviluppi d'instabilità politica e militare potrebbero esacerbare l'instabilità del paese dell'Africa occidentale, dove violenti gruppi islamici legati ad al Qaeda e allo Stato Islamico controllano ampie zone desertiche.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 23:12:54 | 91.208.130.89