Depositphotos (AndrewLozovyi)
Credit Suisse ritiene che sarà un inizio di 2021 ricco di offerte pubbliche iniziali.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
GERMANIA
6 ore
La Germania verso una stretta del lockdown
La cancelliera Merkel si consulta con otto scienziati. Una decisione è prevista per domani
ITALIA
6 ore
Conte ha ottenuto la fiducia della Camera
Il premier ha ottenuto 321 voti. Domani toccherà allo scoglio del Senato
ITALIA
7 ore
Come la mucca pazza ha cambiato per sempre la tavola italiana
E non solo quella, con una nuova trasparenza e il rilancio globale del bio, dei prodotti tipici e a chilometro zero
STATI UNITI
8 ore
Fino a 400 km con un pieno... di elettricità
Nuove batterie per e-auto più piccole, veloci da caricare e capaci. Le ha realizzate l'Università della Pennsylvania
STATI UNITI
8 ore
L'impeachment di Trump davanti al Senato già questa settimana?
Lo vorrebbe la speaker Nancy Pelosi, secondo una fonte interna sentita dalla CNN
REGNO UNITO
9 ore
Coronavirus: l'immunità dopo l'infezione dura «almeno sei mesi»
Lo sostiene uno studio pubblicato su Nature. Anche con anticorpi in calo il sistema immunitario "ricorda" il virus.
ITALIA
9 ore
A Milano entra in vigore il divieto di fumo nei parchi e alle fermate dei mezzi pubblici
Il Covid non c'entra. La misura è intesa a preservare la qualità dell'aria. Interessate anche le strutture sportive.
NORVEGIA
10 ore
Una valutazione extra prima di vaccinare pazienti fragili
Le autorità norvegesi e Pfizer indagano su 23 casi di anziani morti che avevano ricevuto il vaccino
MONDO
10 ore
La Cina e l'Oms «avrebbero potuto agire più rapidamente»
Gli osservatori indipendenti hanno parlato di «epidemia in gran parte nascosta» nella prima fase
STATI UNITI
11 ore
Il giorno dell'insediamento Trump lascerà la Casa Bianca all'alba
Avrebbe confidato di non voler partire da Washington da ex presidente.
MONDO
11 ore
Al WEF virtuale ci sarà anche Xi Jinping
Il presidente cinese sarà uno dei protagonisti di questo meeting digitale
RUSSIA
12 ore
30 giorni di arresto per Navalny: «Scendete in piazza!»
L'udienza è avvenuta all'interno della stazione numero 2 del dipartimento del ministero dell'Interno russo a Khimki
EUROPA
12 ore
In vetta agli aeroporti europei c'è Istanbul
Lo scalo londinese di Heathrow è stato fortemente penalizzato dalla pandemia
FOTO
GUATEMALA
12 ore
La polizia blocca una carovana di migliaia di persone
Il governo cerca con ogni mezzo di scoraggiare i migranti nel proposito di raggiungere gli Stati Uniti
MONDO
11.01.2021 - 16:460
Aggiornamento : 17:04

Le offerte pubbliche iniziali saranno numerose in questo avvio di 2021

Il Credit Suisse rileva una «attività enorme» in tutte le aree del pianeta

ZURIGO / NEW YORK - Dopo un anno record nel 2020, il Credit Suisse prevede che l'attività di offerte pubbliche iniziali (IPO) continuerà a crescere nei primi mesi dell'anno in corso. «C'è un'attività enorme in tutte le regioni», ha detto il manager del Credit Suisse David Hermer in un'intervista riportata dall'agenzia Reuters.

I primi tre mesi del 2020 sono stati tranquilli, ma «il 2021, è molto diverso». Nonostante i venti contrari all'economia e la pandemia globale di coronavirus, gli scambi su molti mercati azionari sono a livelli record e gli investitori sono disposti ad assumersi dei rischi, ha detto. «Non sappiamo quanto durerà, ma finché durerà, le aziende continueranno ad arrivare sul mercato».

In tutto il mondo, le aziende hanno raccolto 318 miliardi di dollari in offerte pubbliche iniziali l'anno scorso, secondo il fornitore di dati Dealogic. Le Americhe rappresentano quasi la metà del totale. Le nuove emissioni sono fiorite anche in Asia, mentre l'Europa ha segnato il livello più basso degli ultimi dieci anni. Tra i più noti nuovi arrivati negli Stati Uniti nei listini delle borse c'era Airbnb, le cui azioni sono più che raddoppiate il primo giorno di negoziazione.

Anche l'inizio del 2021 è promettente, anche se è difficile immaginare che il mercato complessivo superi i volumi dell'anno scorso, ha dichiarato Hermer, che dirige l'attività globale dei mercati dei capitali della banca. In Asia, i collocamenti in borsa al di fuori della Cina sono destinati ad aumentare in particolare e anche nella regione dell'Europa, del Medio Oriente e dell'Africa le premesse sembrano solide.

Secondo la classifica Dealogic, nel 2020 il Credit Suisse è salito dal sesto al primo posto per volume globale delle operazioni di IPO, battendo le aziende statunitensi Goldman Sachs e Citi. Alimentato dalle IPO, il fatturato dei mercati dei capitali azionari della banca è salito dell'84%, raggiungendo i 771 milioni di dollari solo nei primi nove mesi del 2020.

Il principale motore del successo delle IPO di CS è stata l'attività nelle Americhe. Circa la metà del volume è rappresentato dai cosiddetti SPAC (Special Purpose Acquisition Vehicles), che hanno registrato un'impennata senza precedenti nel 2020. Gli SPAC raccolgono fondi con un IPO e solo allora vanno a cercare una società da acquistare con il ricavato. Il Credit Suisse è all'avanguardia nelle transazioni SPAC, con una quota di mercato del 20%, ha dichiarato Hermer. «È un prodotto in cui abbiamo investito quando pochi altri volevano toccarlo».

Hermer cita anche un altro motivo per cui il Credit Suisse ha ottenuto buoni risultati nelle IPO nel 2020: il CEO del gruppo Thomas Gottstein. Gottstein, che lavorava in prima persona sui mercati dei capitali e che a febbraio ha assunto l'incarico al vertice della banca, contribuisce ad avvicinare i clienti e a portare i mandati, ha detto. «Quindi probabilmente non è una coincidenza se siamo leader mondiali nelle IPO per la prima volta dal 2007».

Anche Dr Martens ci prova - (Claudia Tomatis) L'anfibio basso simbolo di ribellione, icona punk negli Anni Ottanta, si prepara a sbarcare in Borsa a Londra. Si tratta di Dr Martens, il noto marchio di calzature britanniche. Lo annuncia in una nota, in cui spiega che gli attuali soci metteranno in vendita il 25% del capitale e sono pronti con un'opzione di un ulteriore 15%. Il gruppo di private equity Permira, che aveva acquisito il marchio nel 2014 per 300 milioni di sterline (circa 330 milioni di euro), intende quindi mettere sul mercato una quota.

Il marchio nasce nel 1901, con la produzione di scarponi per minatori e per l'esercito britannico, poi la suola ammortizzata da un cuscinetto è un'innovazione del 1943 del medico tedesco Klaus Maertens, nome trasformato in Dr Martens con l'acquisizione dell'azienda inglese Griggs. Sono del 1960 e del 1961 i lanci dei celebri modelli: quello a 8 buchi che conquista il mercato e quello a 3 buchi simbolo della sinistra inglese.

Oggi vende oltre 11 milioni di paia di scarpe e stivali l'anno, in oltre 60 Paesi, in cui conta nel complesso 130 negozi al dettaglio. Nei sei mesi conclusi con settembre scorso ha visto un incremento di circa un quinto dei ricavi, a 318 milioni di sterline, esplodendo nell'online in concomitanza con la pandemia da Covid 19, comparto, quello online, che conta per un quinto dei ricavi. L'intenzione ora, secondo l'amministratore delegato, Kenny Wilson, è di puntare a «un significativo potenziale di crescita globale». Nel caso in cui venga deciso di procedere all'offerta, saranno global coordinator Goldman Sachs Group e Morgan Stanley, co bookrunner Barclays, BofA Securities, Hsbc Holdings e Royal Bank of Canada.

Per preparare l'Ipo la società non risulta intenzionata a raccogliere fondi, bensì appunto alla vendita di una partecipazione da parte della proprietà, Permira, che già nel 2020 aveva sguinzagliato allo scopo la banca d'affari Lazard e aveva interpellato un altro fondo di private equity, Carlyle Group.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-19 03:31:29 | 91.208.130.89