Keystone
Il Maresciallo della Sejm (camera bassa) polacca Elzbieta Witek (a destra) e il presidente dell'Assemblea nazionale ungherese Laszlo Kover (a sinistra).
UNIONE EUROPEA
16.11.2020 - 16:360

Recovery Fund: Ungheria e Polonia bloccano gli aiuti

I veti di Polonia e Ungheria hanno bloccato il Bilancio Ue 2021-2027

BRUXELLES - Gli ambasciatori di Polonia e Ungheria hanno posto il veto bloccando al Consiglio l'accordo raggiunto sul Bilancio Ue 2021-2027, fermando il lancio del Recovery Fund.

Secondo quanto scrive su Twitter il portavoce della presidenza di turno tedesca, Sebastian Fischer, «i due Stati membri hanno espresso la loro opposizione rispetto ad un elemento del pacchetto, (la condizionalità sullo stato di diritto, ndr) ma non sulla sostanza dell'accordo sul Bilancio».

L'accordo tra il Parlamento europeo e i Governi, per quanto riguarda il Bilancio Ue 2021-2027, era stato trovato all'inizio di settimana scorsa.

L'approvazione del budget avrebbe permesso il lancio degli aiuti per fronteggiare il coronavirus, ovvero il Recovery Fund (750 miliardi di euro). Oltre a ciò, i veti dei due Paesi hanno bloccato anche il finanziamento ad altri progetti, come ad esempio le sovvenzioni per l'agricoltura e i programmi di ricerca.

L'Unione europea si trova così ancora una volta in una crisi politica nel bel mezzo della crisi sanitaria. La Cancelliera tedesca Angela Merkel, il Presidente del Consiglio dell'Ue Charles Michel e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen dovranno ora discutere su come procedere.

La controversia diventerà presumibilmente oggetto di una videoconferenza con i capi di Stato e di governo prevista per giovedì, con l'obiettivo di migliorare la cooperazione contro la pandemia di coronavirus.

Se il pacchetto finanziario non fosse approvato, l'Ue avrà a disposizione un budget di emergenza solo a partire dal 2021. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
joe69 1 sett fa su tio
https://www.corriere.it/opinioni/20_novembre_14/stato-dirittoil-ricatto-orban-ue-57fe93be-26c1-11eb-bd3c-8e368a362c56.shtml
joe69 1 sett fa su tio
Ma come si fa ad essere felici per una notizia del genere??? godere per le disgrazie degli altri? Per famiglie intere che non avreanno aiuti fino all'anno prossimo? Carissimo Seo, ringrazi che siamo svizzeri e viviamo in svizzera. So che lei è simpatizzante dei "regimi" autarchici, dei vari Trump, Orban, salvini, Bolsonaro ecc... ( l'ho capito leggendo spesso i suoi commenti qui su tio) , ma adirtittura gioire perché Orban ricatta l'Europa.... mi sembra eccessivo.
seo56 1 sett fa su tio
Bene!!!! Ogni tanto una bella notizia

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-29 21:14:22 | 91.208.130.87