Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FOTO
STATI UNITI
1 ora
Trump rende omaggio a Ruth Bader Ginsburg e viene contestato
La folla ha rumoreggiato quando il presidente e la First Lady si sono avvicinati al feretro
STATI UNITI
3 ore
Breonna Taylor, almeno 100 arresti a Louisville
I manifestanti hanno sfidato il coprifuoco imposto in città
ITALIA
3 ore
Campania: torna l'obbligo di mascherina anche all'aperto
Il Governatore De Luca è preoccupato dalla tendenza all'aumento dei contagi
SONDAGGIO
AUSTRIA
4 ore
Inverno e Covid: «Divertimento sugli sci sì, ma senza i vecchi après-ski»
Vienna vieta i celebri eventi alcolici nella forma alla quale siamo abituati: «I contagi sono troppo alti».
STATI UNITI / ISRAELE
4 ore
In visita alla Casa Bianca, per farsi lavare i panni sporchi
Il premier israeliano Benyamin Netanyahu è al centro di una vicenda piuttosto particolare
STATI UNITI
4 ore
Blocco di TikTok: ByteDance chiede un'ingiunzione
La compagnia accusa Trump di preoccuparsi solo delle elezioni. Inoltre, «molti americani sarebbero esclusi dal social».
STATI UNITI
5 ore
Transizione pacifica? «Vedremo»
Il repubblicano Mitt Romney: «È fondamentale per la democrazia. Senza, si diventa la Bielorussia».
GERMANIA
6 ore
Il ministro dell'economia in quarantena
Peter Altmaier si è auto-isolato dopo aver appreso di essere entrato in contatto con una persona positiva al Covid.
STATI UNITI
7 ore
Proteste per la morte di Breonna Taylor: feriti due agenti
Sono stati raggiunti da colpi d'arma da fuoco. Non sono in condizioni critiche.
LIBIA
8 ore
Libia: Amnesty denuncia gli abusi sui migranti
Il rapporto descrive pratiche emerse di recente, come il trasferimento in campi non ufficiali e la sparizione forzata.
CINA
8 ore
Hong Kong: arrestato Joshua Wong
Lo rende noto l'avvocato del giovane attivista. È accusato di assembramento illegale.
ISRAELE
8 ore
Israele inasprisce il confinamento: «Da nessuna parte misure simili»
Chiusi tutti i servizi e le industrie non essenziali. Critiche: «Il settore privato non avrebbe dovuto chiudere».
UNIONE EUROPEA
9 ore
Il giuramento di Lukashenko è «illegittimo»
L'Alto rappresentante per la politica estera UE è tornato a sottolineare la necessità di nuove elezioni in Bielorussia.
MONDO
10 ore
Clima in agenda per il 12 dicembre
I leader mondiali si riuniranno nel giorno del quinto anniversario dell'accordo di Parigi
MESSICO
10 ore
L'ex "uomo più grasso del mondo" ha sconfitto il Covid-19
Nel 2017 pesava 595 chili, a 33 anni, ed era finito nel Guinness. Ora ne pesa 208, ma ha rischiato molto
GERMANIA
13.12.2019 - 06:000

Zalando & co.: proposta una tassa sui resi gratuiti

Oggi i clienti ordinano, provano a casa e rispediscono quello che non va. Un problema, anche per l'ambiente. Un'équipe di ricercatori tedeschi suggerisce delle contromisure

BAMBERGA - Ogni anno gli svizzeri rispediscono a Zalando circa 10 milioni di pacchi, provocando l’emissione nell’atmosfera di 9mila tonnellate di anidride carbonica aggiuntiva a causa del trasporto. In Germania, i colli rispediti ai portali di vendita online ammontano a 280 milioni l’anno, per 238mila tonnellate di CO2 equivalente in più: l’inquinamento provocato in un anno da una città tedesca di 21mila abitanti.

Uno dei motivi per cui i resi sono tanto amati sta nel fatto che, di norma, non comportano alcuna spesa per l’acquirente: la merce si ordina, si prova comodamente a casa e si rispedisce se non va bene. Per ridurre tale fenomeno, gli economisti dell’Università di Bamberga in Germania propongono ora di introdurre una tassa sui resi, che potrebbe partire anche da soli 2,95 euro a invio (ca. 3,25 franchi).

«Anche una piccola tassa imposta per legge potrebbe essere uno strumento per tenere sotto controllo i resi e i loro effetti negativi», spiega il direttore del gruppo di ricerca dell’ateneo sulla gestione dei resi, Björn Asdecker. Secondo uno studio condotto dalla sua équipe che ha coinvolto 139 venditori online, anche solo 2,95 euro a pacco restituito permetterebbero di ridurre i resi del 16%. 

La misura, sottolinea il ricercatore, sarebbe particolarmente apprezzata dagli shop online, che al momento non osano addebitare spese per i resi per non farsi superare dalla concorrenza. «Per motivi strategici i grandi distributori al dettaglio evitano volutamente di applicare delle spese per avere un vantaggio in termini di concorrenza - afferma Asdecker -. A queste aziende i resi gratis convengono».

L’introduzione di una tassa sui pacchetti rispediti al mittente non è l’unica né la più efficace delle misure proposte dai ricercatori di Bamberga. A loro avviso, sarebbe anche importante sviluppare software sempre più precisi che permettano di dare ai clienti una consulenza personalizzata sulla taglia da scegliere quando si acquista un determinato capo d’abbigliamento, magari con misurazioni automatiche tramite fotografia. Standardizzare maggiormente le taglie sarebbe un altro importante contributo alla limitazione del numero degli indumenti restituiti. Queste due misure insieme permetterebbero una riduzione dei resi del 25%.   

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Michele Blum 9 mesi fa su fb
Quando non si hanno soluzioni, si inventa una tassa.
Gaetano Mancuso 9 mesi fa su fb
Questa cosa delle tasse per l'ambiente è una presa in giro delle persone, se veramente si vuole fare qualcosa allora bisogna cominciare a vietare la produzione di plastiche di ogni forma e genere, trovare nuove soluzioni energetiche non fare macchine elettriche alimentate da centrali a carbone, chiudere allevamenti intensivi nel mondo e cambiare lo stile alimentare di milioni di persone giusto per dirne qualcuna
Silvia Arcara 9 mesi fa su fb
Permetterebbe una riduzione dei resi ma nel contempo una riduzione di clienti 😒
Paolo Fiorese 9 mesi fa su fb
Silvia Arcara e giusto in Svizzera è una cosa esagerata
Paolo Mac 9 mesi fa su fb
Ma una tassa sulle teste di minkia......no eh!
Mara Athena 9 mesi fa su fb
... non è che il viaggio come tragitto che fanno i pacchi sono singoli per Zalando eh ... allora mettiamo tassa aggiuntiva su tutti i corrieri , trasporti ecc . Che assurdità .
sedelin 9 mesi fa su tio
questo ragionamento mi é incomprensibile: se pago per la restituzione, a livello di emissioni cosa cambia? é la stessa storia con la tassa sui voli: non é pagando che riduco le emissioni. la soluzione ottimale é quella di boicottare gli acquisti online favorendo il commercio locale.
Fufabi 9 mesi fa su tio
@sedelin cambia che tante persone ordinano cose sapendo già che le restituiranno! Esempio: ti piacciono due giacche, le ordini tutte e due e poi decidi quale tenere
Lore62 9 mesi fa su tio
@sedelin Hihihi....non hai ancora capito (come molti) che utilizzano il "leitmotiv" del momento per tirar su ancora più soldi?? hihihi...XD
sedelin 9 mesi fa su tio
@Fufabi quindi non cambia nulla!
Fufabi 9 mesi fa su tio
@sedelin Forse cambia che invece di ordinare due giacche si guardano un po' meglio le foto e si decide direttamente online quale prendere: nessun pacchetto di ritorno!
Ilaria PG 9 mesi fa su fb
Quindi, seguendo la logica degli economisti dell’Università di BAMBerga, per ridurre le emissioni di CO2 dovrei ordinare, provare qualcosa che magari non mi entra o mi sta male e doverla comprare lo stesso. 😆 Come sprecare soldi, tempo e merce, perché produrla è gratis ed eco compatibile, giusto? Non è che con la tassa uno non restituisce più, al massimo smette proprio di comprare. L’azienda gioirà poco ma almeno l’ambiente sarà sollevato.
Led Swan 9 mesi fa su fb
Online ê il commercio del presente e probabilmente del futuro. Preferisco ricevere a casa i pacchi e provare la merce con calma che recarmi in un negozio, colonne, posteggi, ressa in negozio e la venditrice di turno che ti assilla....
Nadia Tucci 9 mesi fa su fb
Led Swan quando c'è, perché per sentirsi dire: "tutto quello che c'è è esposto", allora mille volte meglio online.
Equalizer 9 mesi fa su tio
Infatti in Svizzera per legge non c'è il diritto di restituzione per un acquisto fatto online, se te lo ricevono è per sola grazia del venditore, quindi l'addebitare spese di ritorno farei anche 10.- franchi non sarebbe sbagliato.
koalaboss 9 mesi fa su tio
Esatto! Come dice Andrea Weber . Se compro online me lo tengo.
Andrea Weber 9 mesi fa su fb
Infatti, compri online? Se non ti piace te lo tieni.. Basta questa clientela viziata.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-24 17:50:38 | 91.208.130.87